mercoledì 28 ottobre 2020

Kelly Evans: Cosa c’è di L-U-V?

Uno dei miei argomenti di discussione meno favoriti in qualsiasi recupero è quale “forma” prenderà il rimbalzo.

Non è perché non è utile; è! Mi stanco solo di sentirne parlare. Eccoci di nuovo con la discussione a forma di L vs. a forma di V , non posso fare a meno di pensare. Ogni recupero ha le sue variazioni; a volte emerge l’analogia della “mazza da hockey”, per esempio. Questa volta, il rimbalzo a “U” è uno dei preferiti.

Per chiarire, stiamo parlando di come appariranno i grafici del PIL. Un rimbalzo a forma di V è la migliore notizia; una ripresa rapida e netta. Questi possono essere così forti da invocare l’intera discussione “sarà inflazionistica”. La forma a L è una cattiva notizia; significa che la contrazione si interrompe, ma non c’è molta crescita di cui parlare. Quando penso agli anni (da a 2016, penso alla “L.” C’è molta preoccupazione per le recessioni a doppio tuffo, si parla molto di “stagnazione secolare”, ecc.

La “U” di cui stiamo ascoltando ora sarebbe un risultato decente ; hai ancora la ripresa, è solo un po ‘ritardata. Il problema è che non sono convinto che la “U” abbia molti precedenti di cui parlare in termini di funzionamento effettivo. Dovrò chiedere di più al riguardo.

In ogni caso, arriva il geniale David Zervos con un modo più specifico di analizzare come questo rimbalzo potrebbe “modellarsi”: come una L, una U, e a V, a seconda dell’azienda e del settore. La “L”, sfortunatamente, è per le aziende con rating spazzatura o per chi ha molti debiti, che non riescono a farcela bene o a lungo con questa perdita di entrate. La “U” è per la tua tipica attività “Main Street”; ristoranti, negozi, lavanderie a secco, banche (di nuovo, che hanno mantenuto i loro bilanci in discrete condizioni). E la “V” è per le imprese americane investment grade, che è un segno promettente.

Quindi, dice Zervos, la risposta del governo a questa crisi ha molto senso; la Fed sta fornendo un sacco di liquidità ai debiti delle società investment grade, sta costruendo un massiccio sollievo dal “Piano Marshall” per le piccole e grandi imprese di Main Street e sta più o meno lasciando da solo settori fortemente indebitati come immobili commerciali, obbligazioni spazzatura e prestiti a leva . Aiutare i più forti, non i più deboli, a sopravvivere, sembra essere il mantra. Se sei un investitore in una di quelle aree sovrautilizzate, fai attenzione.

La Powell Fed era stata molto criticata nei suoi primi anni per le sue mosse sorde; insistendo su un percorso solo per invertire definitivamente la rotta sotto un’intensa pressione del mercato, ma poi non invertire abbastanza la rotta per calmare i mercati. O a volte il mercato vorrebbe la dichiarazione della Fed, ma poi si confonderebbe con qualcosa che Powell ha detto alla conferenza stampa, e così via.

Bene, la Powell Fed ha certamente affrontato questa particolare sfida. Mi ricorda la coincidenza che Ben Bernanke, uno studioso della Grande Depressione, finì per guidare la Fed durante la Grande Recessione. Ora hai un avvocato, un caro amico del Segretario del Tesoro, che guida la Fed in questo momento difficile e senza precedenti di dover sostenere “buone” imprese americane senza salvare i “cattivi”. È un vero colpo di fortuna, o Provvidenza.

È anche un segno promettente in un momento in cui ne abbiamo davvero bisogno. E ora ci viene detto che il leader del Senato Mitch McConnell sta lavorando per assicurarsi più soldi per il programma di prestito di piccoli biz ($ che è iniziato venerdì; Il senatore Rubio ha suggerito che occorrono almeno $ 200 miliardi di dollari. Se i nostri leader riescono a farlo bene, potrebbero essere in grado di fornire un recupero a L-U-V.

Ci vediamo alle 13!

Kelly

Twitter : @KellyCNBC

Instagram: @realkellyevans

Articolo originale di CNBC