Entra in contatto con noi

Mercati americani

La settimana a Wall Street – Incertezza e confusione

Pubblicato

il

Bulat Silvia

“La finanza personale è solo il 20% di conoscenza della testa. È l’80% di comportamento!Dave Ramsey

Delos Gioielli
Delos Gioielli

Le mie prospettive per il 2023 ha offerto molte informazioni sui problemi che influenzeranno il modo in cui gli investitori navigano nel prossimo anno.

  • Cicli economici e di mercato
  • La Federale e la curva dei rendimenti
  • Valutazioni
  • Inflazione e mercati del credito
  • Abitazione e occupazione
  • La scena politica
  • Il dollaro ei mercati internazionali
  • Merci
  • Sentimento e stagionalità

Ho chiuso quelle rate pubblicando i miei “Preferiti” per il prossimo anno. Nel complesso è stato uno sforzo impegnativo provare a mettere insieme i pezzi macro con così tanta incertezza. Lavorare in un ambiente di investimento gravato da regolamenti, contesto pro-tasse e anti-business con tassi di interesse in aumento rende un incarico difficile.

All’inizio del primo trimestre, probabilmente assisteremo ad alcuni effetti ritardati sull’economia dovuti all’elevata inflazione e all’inasprimento della Fed dovuto a una combinazione di fattori. Lo stimolo fiscale e monetario senza precedenti che li ha preceduti, un tasso di partecipazione alla forza lavoro inferiore rispetto ai giorni pre-COVID e i consumatori che attingono al risparmio e al debito.

Anche con lo stimolo monetario che continua a filtrare attraverso l’economia, a dicembre abbiamo visto approvare un ulteriore pacchetto di spesa da 1,7 trilioni di dollari. L’estensione perpetua della sospensione del pagamento del prestito studentesco che ora dovrebbe continuare fino al prossimo anno è un altro esempio di stimolo inflazionistico che si aggiunge alla scena. Nonostante tutti i pacchetti di stimolo, i consumatori stanno iniziando a sentire cosa sta facendo al loro potere d’acquisto un’inflazione più elevata in un’economia in rallentamento. Ma invece di ridurre notevolmente la spesa, il consumatore sempre resiliente si rivolge a misure alternative per pagare le cose di cui ha bisogno e desidera. L’ultimo Rapporto di novembre della Federal Reserve sul credito al consumo ha mostrato che la recente tendenza all’elevata spesa per carte di credito è in gran parte continuata.

Advertisement

Inoltre:

• I tassi di richiesta delle carte di credito hanno raggiunto il 27,1% in ottobre, in aumento rispetto al 26,5% dell’anno precedente e al di sopra del livello pre-pandemia del 26,3% nel febbraio 2020, secondo Bloomberg;

• Sempre più americani stanno attingendo ai loro 401(k) per le emergenze finanziarie, con la percentuale di pensionati che risparmiano denaro per le difficoltà che ha raggiunto il 24% nei 12 mesi fino al 30 settembre, secondo Bloomberg;

• Gli ordini online “Acquista ora paga dopo” sono aumentati del 13% su base annua a novembre prima del Ringraziamento e del Black Friday e sono aumentati del 68% durante la settimana del Black Friday, secondo Adobe Analytics. Questa è tutta la prova di una tendenza già ben avviata: il debito delle famiglie statunitensi è salito al ritmo annuale più veloce dal 2008 nel terzo trimestre, secondo la Federal Reserve.

Advertisement

Allo stesso tempo, anche il tasso di risparmio personale negli Stati Uniti è precipitato ai livelli più bassi dai tempi della crisi finanziaria. Nei bilanci aggregati dei consumatori sono in condizioni decenti c’è un contingente che si sta spostando verso il debito ed è solo una questione di tempo prima che il servizio del debito inizi a diventare più proibitivo, in particolare con i tassi di interesse delle carte di credito che hanno recentemente raggiunto i massimi storici. Il tasso di insolvenza sul debito rotativo (carta di credito) si sta già agganciando e questa è un’altra tendenza che probabilmente continuerà.

La narrativa attuale sembra essere che l’economia rimanga forte e se l’inflazione scenderà, torneremo allo stesso vecchio ambiente in cui eravamo prima di COVID. Non condivido questo punto di vista perché questo non è un ambiente a bassa regolamentazione e pro-business. Le misure di stimolo e i timori di inflazione hanno spinto in avanti la spesa e se i livelli del debito iniziano a diventare proibitivi per la spesa futura (soprattutto con tassi più alti ora rispetto agli anni passati), ciò potrebbe porre un limite sia alla crescita del PIL che alla crescita degli utili. Diventa quindi una scena impegnativa in cui la parola “crescita” non fa più parte della narrazione. Se l’altra scarpa cade sotto forma di uno scenario occupazionale più debole, aggiungerà più pressione sul consumatore e questo ha il potenziale per cementare le prospettive di recessione in atto. Nel peggiore dei casi, una recessione che non sia “breve e superficiale”.

Quindi questa economia è buona?

Inoltre, non è che attualmente tutto sia roseo nei dati economici. Continuiamo a vedere rapporti economici scadenti settimana dopo settimana. Come continuiamo a vedere, l’indice dei principali indicatori economici del Conference Board continua a scendere. È appena caduto per l’ottavo mese consecutivo e ora è diminuito in nove degli ultimi dieci mesi. Tornando al 1959, quando inizia la serie di dati, non c’è mai stato un momento in cui gli indicatori anticipatori sono scesi in questo modo e non siamo entrati in recessione relativamente presto dopo nei prossimi due anni. Ora, se la scena dell’occupazione rimane resiliente, la folla “nessuna recessione in 23” potrà festeggiare, ma potrebbe essere un evento di breve durata. Perché è la stessa storia con la curva dei rendimenti, che è quanto mai invertita, un altro indicatore di recessione storicamente affidabile. Quindi, a meno che “questa volta è diverso”, la calligrafia è già sul muro.

Il punto è che l’economia ha già alle spalle uno slancio recessivo e molti sembrano presumere che sia “transitorio” e si invertirà non appena lo farà la Fed. Mentre entriamo nel primo trimestre, la Fed è ancora lontana mesi da una pausa effettiva e, per loro stessa ammissione, quando si fermerà, i tassi rimarranno elevati per un po’. La preoccupazione per il resto dell’anno sarà la forma dell’economia, poiché tutta questa azione della Fed si sta svolgendo in un’economia già indebolita. Ricorda, l’azione della Fed nel ’22 inizierà a colpire l’economia quest’anno.

Advertisement

La settimana a Wall Street

Una nuova settimana e una tabula rasa. Le azioni si sono rafforzate lunedì, poi hanno incontrato una resistenza che continua a frenare il rialzo. Si è rivelato essere un giorno in cui un rally su tutta la linea è svanito nella chiusura. I BULLS hanno avuto una scarica di adrenalina e un rally martedì è arrivato mercoledì. L’azione è stata così forte su tutta la linea, è stato come se qualcuno avesse fatto trapelare un rapporto CPI positivo ai banchi di negoziazione. Lo S&P ha guadagnato tre giorni consecutivi di guadagni per la settimana mentre l’indice ha chiuso in rialzo dell’1,2%. Ciò ha portato il mini rally al 4+%.

L’azione di giovedì è stata forte all’inizio, ma con una maggiore resistenza in arrivo si è trasformata in una sessione instabile con lo S&P che ha guadagnato lo 0,34%. Nonostante un fine settimana di tre giorni incombente, The BULLS

L’economia

Ci sono molti che continuano a dirci che l’economia è forte. I dati del mondo reale non sono allineati con la loro opinione.

Il Indice NFIB di ottimismo per le piccole imprese è sceso di 2,1 punti a dicembre a 89,8, segnando il 12° mese consecutivo al di sotto della media di 49 anni di 98. I proprietari che si aspettano migliori condizioni commerciali nei prossimi sei mesi sono peggiorati di otto punti rispetto a novembre, raggiungendo un netto negativo del 51%. L’inflazione rimane il singolo problema aziendale più importante con il 32% dei proprietari che lo segnala come il problema principale nella gestione della propria attività. Tutti gli indicatori tranne uno (scorte correnti) sono diminuiti a dicembre. Bill Dunkelberg, capo economista della NFIB;

Advertisement

Nel complesso, i proprietari di piccole imprese non sono ottimisti riguardo al 2023 poiché si prevede che le condizioni di vendita e commerciali peggioreranno. I proprietari stanno gestendo diverse incertezze economiche e un’inflazione persistente e continuano a apportare modifiche aziendali e operative per compensare “.

Questa è la peggiore descrizione dell’economia che tu abbia mai visto, ed è davvero importante che non sia classificata come recessione? È una brutta scena.

Inflazione

NOI titolo CPI è sceso dello 0,1% a dicembre con il core rate in rialzo dello 0,3%. Questi seguono i rispettivi tassi di novembre dello 0,1% e dello 0,2%. L’headline clip di 12 mesi è sceso al 6,5% su base annua dal 7,1% su base annua precedente e si confronta con il massimo di 40 anni del 9,1% di giugno. è il sesto mese consecutivo di decelerazione. La componente alimentare ed energetica esclusa ha registrato un 5,7% a/a rispetto al 6,0% a/a di novembre.

La buona notizia era sull’inflazione. Ha una tendenza al ribasso e questo si adatta alla mia prospettiva del ’23. Se l’inflazione continua a scendere, anche la FED si raffredda e passa in secondo piano. Ciò porta in primo piano l’economia e gli utili aziendali.

Advertisement

Questo sta filtrando fino a un miglioramento del sentimento. Sentimento dei consumatori è salito di 4,9 punti a 64,6 nella stampa preliminare di gennaio, più forte del previsto e il più alto da aprile. L’allentamento delle pressioni inflazionistiche ha sostenuto il rialzo.

Sentimento del Michigan (www.sca.isr.umich.edu/)

Anche se questo è un miglioramento, non stappiamo ancora lo champagne. Il sentimento generale è sepolto ai minimi storici.

Non c’è dubbio che quasi tutti i dati economici degli ultimi mesi siano stati deboli. La forte inversione della curva dei rendimenti è allineata con questo. Lo sfondo incerto è anche pieno di contraddizioni, ed è un’altra questione con cui gli investitori devono fare i conti.

Advertisement

Nonostante ciò che stiamo ascoltando dai dati, amministratori delegati e proprietari di piccole imprese, The PIL di AtlantaOra le previsioni vedono il PIL del quarto trimestre al 4,1%. È la tua mossa.

Guadagni

Le principali banche e un paio di altre importanti società a grande capitalizzazione hanno riferito venerdì mattina. Degli otto rapporti principali, tutti tranne due (Citigroup e Wells Fargo) hanno superato le previsioni di EPS e solo due (Bank of New York e Wells Fargo) hanno riportato ricavi inferiori alle attese.

Da Fundamentalis:

  • La stima anticipata di 4 trimestri è balzata a $ 228,38 dai $ 222,91 della scorsa settimana, che è l’aumento trimestrale previsto quando entriamo in un nuovo trimestre in avanti e abbandoniamo quello vecchio. Il nuovo periodo di 4 trimestri è essenzialmente una stima del calendario 2023.
  • Il rapporto PE sulla stima anticipata è 17x contro 17,2x la scorsa settimana e 15,5x al 30/09/22;
  • Anche con il rally di venerdì, la SP 500 rendimento degli utili era del 5,86% alla chiusura di venerdì, il rendimento più alto dal 6% del 4 novembre. Ricorda, maggiore è il rendimento degli utili, più si pensa che l’SP 500 abbia un valore interessante.

Gli amministratori delegati e i team di gestione potrebbero avere difficoltà a rimanere ottimisti sui loro EPS 2023 e sulle prospettive di entrate considerando la Fed e il rallentamento dei dati economici, in questo contesto aziendale. Quindi mi aspetto che i commenti negativi possano pesare su questo periodo di guadagni. Tuttavia, avremo alcune informazioni sul fatto che le previsioni di Refinitiv e di altre società di ricerca siano “in linea”.

Se l’S&P si stabilizza nell’intervallo 3800-4100, sta segnalando che ritiene che l’inflazione stia per precipitare. Lo dico perché il tipico rapporto PE quando l’inflazione è di circa il 7% è di circa 11-12. Naturalmente, entrano in gioco altri fattori, ma se l’inflazione si mantiene a livelli elevati, il mercato non può più essere definito “equamente valutato” nell’intervallo attuale.

Advertisement

Cibo per la mente

Ecco un altro punto dati che mi mantiene ottimista sull’energia. L’ultima quota per le importazioni di greggio cinese nel 2023 è stata annunciata a ~ 800 mm di barili. Ciò porta l’emissione cumulativa di quote per il 2023 a barili da 944 mm. Un anno fa, il numero equivalente era di 780 mm di barili, il che significa che l’ultimo annuncio rappresenta un aumento del 21% delle importazioni di greggio cinese se completamente utilizzato.

Una delle azioni iniziali che hanno contribuito alla visione rialzista sull’energia ruotava attorno all’approccio negativo e anti-business che sicuramente avrebbe tenuto sotto controllo l’offerta statunitense. Il Studi del dipartimento dell’energia ha stimato che l’eliminazione del progetto Keystone Pipeline non solo ha ridotto l’offerta, ma il periodo di costruzione avrebbe sostenuto tra 16.149 e 59.468 posti di lavoro, con un impatto economico compreso tra $ 3,4 miliardi e $ 9,6 miliardi.

Tuttavia, il Dipartimento ha riconosciuto che la stima di fascia alta “sopravvaluta” i posti di lavoro perché includeva posti di lavoro al di fuori degli Stati Uniti. Nulla è cambiato nella guerra ai combustibili fossili e fino a quando quella mentalità non evapora (improbabile), l’offerta sarà limitata mentre la domanda (China) potrebbe ora iniziare a riprendersi.

Il grafico giornaliero dell’S&P 500 (SPIARE)

Dal minimo del 22 dicembre, è stata stabilita una serie di minimi più alti per l’S&P 500. L’indice ora si trova sopra la media mobile a 20 giorni, a 50 giorni e discendente a 200 giorni. Quindi abbiamo un’altra chiusura al di sopra di questa importante linea di tendenza.

Advertisement

S&P 500 (www.FreeStockCharts.com)

L’ultima volta che si è verificato è stato un mese fa, il 13 dicembre, e si è rivelata una mossa falsa. Presto sapremo se l’S&P subirà la stessa sorte questa volta. L’analisi dell’S&P 500 e di tutti gli altri indici è trattata in dettaglio, insieme a consigli pratici per i membri del mio servizio di mercato.

Sfondo di investimento

Bene, qui stiamo entrando in un nuovo anno. Sfortunatamente, la scena non è cambiata ma ora è un nuovo inizio per il “orologio delle prestazioni”. Un momento in cui analisti e gestori di denaro che vengono misurati su base annuale iniziano con una nuova lista. Ho spesso detto che solo perché si volta pagina sul calendario non dovrebbe cambiare l’approccio al mercato, ma psicologicamente lo fa spesso. So che ogni analista di mercato ora sente una rinnovata pressione per esibirsi dopo aver visto la performance da inizio anno azzerata. Quindi siamo fuori e in esecuzione.

Sono uscite le nuove liste dei “preferiti” e sono state pubblicate le previsioni su dove finirà l’anno l’S&P. Che tu sia rialzista o ribassista all’inizio dell’anno, il trucco è sempre come lo S&P e altri indici arriveranno a una posizione che corrisponda al tuo punto di vista. Non sarà un compito facile nel 2023.

Advertisement

Dal punto di vista tecnico non è cambiato nulla. L’anno inizia con i principali indici delle tendenze del mercato BEAR. Ora è diventata una scena biforcuta che aggiunge ulteriore confusione poiché il DJIA ha flirtato con l’interruzione della tendenza al ribasso. Nel frattempo, il NASDAQ lo è saldamente radicato nel suo mercato BEAR, e le small cap S&P 500 e Russell 2000 sono una via di mezzo. Tutto ciò che fa è complicare ulteriormente il contesto “tecnico”.

Mike Wilson di Morgan Stanley ha avuto la mano calda nel chiamare le oscillazioni a breve termine di recente, e complimenti a lui. Prima di allora, non era uno dei miei preferiti, infatti, le sue chiamate di mercato erano “normali” ea volte terribili. Il signor Wilson è stato ribassista di recente ed è ora uno dei tanti analisti che chiedono un prelievo maggiore per le azioni nel primo trimestre con un eventuale obiettivo di S&P 3000 quest’anno.

La scorsa settimana ho notato;

“Se tutti pensano allo stesso modo, allora qualcuno non sta pensando.” Dato che è così, non mi unirò a loro ancora. Tuttavia, avrò bisogno di vedere alcune prove per giustificare una visione più cautamente ottimista a breve termine.

Advertisement

Mentre una o due settimane di azione positiva sui prezzi non è un segno che il mercato BEAR è morto, ci sono alcuni germogli verdi che oggi mi tengono fuori dal club S&P 3000. La stagione degli utili è arrivata e questo potrebbe dirci se i germogli verdi fioriscono o vengono catturati da un rapido congelamento e muoiono.

Il Playbook 2023 è incentrato sulle azioni Rialzista trend rialzisti

Se un titolo non è nel settore dell’energia o della sanità, allora si trova in un trend di mercato BEAR. Ciò lascia gli investitori alla ricerca di opportunità “lunghe” a breve termine con un campo di gioco molto limitato.

Settori

Energia Anche se i prezzi del petrolio sono crollati dai massimi del 2022, i titoli energetici hanno retto in modo impressionante. Solo a metà novembre il settore Energia (XLE) ha raggiunto un nuovo massimo dell’anno mentre i prezzi del petrolio erano ben al di sotto dei loro massimi. Nonostante la sovraperformance, il quadro tecnico del settore è leggermente peggiorato. Il picco di novembre è stato tecnicamente un massimo più alto, ma ha il potenziale per diventare un doppio massimo.

Il problema con il “doppio massimo”, non sappiamo mai se quel modello è in vigore fino a dopo il fatto. Le linee di tendenza rialziste a lungo termine sono positive e sarà importante per il gruppo mantenere il supporto. Finora è stato così quando l’ETF ha testato il supporto il 4 gennaio ed è rimbalzato più in alto. In effetti, è stato abbastanza buono da ottenere quattro guadagni settimanali di fila. Quella striscia è stata estesa a cinque questa settimana.

Advertisement

Mentre alcuni sono preoccupati per la debolezza a breve termine, potremmo assistere a un ulteriore consolidamento dopo una corsa enorme. Come ho accennato nella mia prospettiva del ’23, non prevedo gli stessi tipi di guadagni del ’22, ma non vedo che questo commercio finirà nel ’23.

Quindi sto procedendo come se il petrolio avesse già raggiunto un importante minimo a breve termine. Prendo spunto dal grafico a lungo termine. Finora, il principale supporto a lungo termine ha tenuto e spinto il greggio verso gli 80 dollari prima di stabilizzarsi a metà degli anni ’70 questa settimana. Con il petrolio che è sceso considerevolmente negli ultimi mesi e le letture dell’inflazione si sono stabilizzate, molti presumono che il petrolio abbia raggiunto un massimo importante. Non ne sono così sicuro e credo ancora che il quadro della domanda/offerta potrebbe alla fine portare a prezzi più alti.

Dopo un mercato approssimativamente equilibrato nel 2022, il quadro sembra più teso per il 2023. Dal picco nel 2Q20, le scorte globali sono diminuite poiché la produzione non riesce a tenere il passo con la domanda globale. I membri dell’OPEC+ non sono riusciti continuamente a raggiungere le loro quote di produzione, mentre la crescita della produzione contenuta da parte dello scisto statunitense e la perdita della produzione russa (e probabilmente maggiore nel 2023+) hanno portato a un mercato petrolifero ristretto e volatile nel 2022, con le scorte globali totali in leggero calo per l’anno.

Il rischio più grande per quella tesi è quello di cui ho parlato per mesi. Una recessione globale che schiaccia la domanda. Questo è un rischio reale, ma in assenza di ciò, penso che i vincoli di offerta, la necessità di ricostituire la riserva strategica di petrolio e la riapertura della Cina potrebbero spingere il petrolio di nuovo più in alto proprio mentre il sentimento su di esso ha toccato il fondo.

Advertisement

Gas naturale gas naturale (UNG) è stato il principale colpevole che ha esacerbato il declino di molti ETF sulle materie prime. Guardando i grafici all’inizio della settimana ho avuto la sensazione che UNG potesse stabilizzarsi. Poiché le vendite sono continuate durante la settimana, l’unica conclusione che si può trarre ora è che Nat Gas ha subito un guasto completo.

Finanziari La scorsa settimana ho detto che volevo vedere qualche azione positiva in classifica prima di diventare più ottimista riguardo al gruppo. Ora vedo un grafico di settore (XLF) che sta iniziando a mostrare qualche promessa. L’ETF sta ancora una volta tentando di superare la linea di tendenza a lungo termine che potrebbe generare un nuovo mercato rialzista nei finanziari. Non diventiamo ancora troppo ottimisti. La stessa situazione si è verificata a novembre e dicembre ed entrambe le volte l’ETF ha fallito la resistenza. Presto sapremo se la terza volta è il fascino.

Questo è un buon inizio per il nuovo anno per i dati finanziari (XLF) in quanto hanno registrato un rally per quattro settimane consecutive. Uno dei germogli verdi e un altro segnale contrastante ci fanno indovinare. Se i finanziari possono invertire la rotta, aiuterà il caso BULL a breve termine.

Merci L’ETF del settore delle materie prime (DBBC) ha perso il 4% nella prima settimana di gennaio mentre continuava la debolezza di dicembre, per poi rimbalzare di oltre il 3% la scorsa settimana. Forse abbiamo visto un fondo provvisorio inserito.

Advertisement

Assistenza sanitaria Assistenza sanitaria (XLV) è stato in una tendenza BULL a lungo termine e anche questo grafico a breve termine sembra positivo. Dall’inizio dell’anno, XLV è stato più debole degli indici. Vedo che il trading range rimane in vigore nel primo trimestre. Ad un certo punto nel ’23, posso immaginare un breakout verso nuovi massimi per il settore. Il gruppo ha la capacità di continuare ad essere vincente in questo mercato BEAR.

Biotecnologia La biotecnologia (XBI) continua a rimbalzare in un intervallo di trading ristretto ed è un ottimo candidato per gli investitori prudenti per ACQUISTARE e SCRIVERE (vendere) chiamate contro posizioni per il reddito. Ad un certo punto, ci sarà una rottura in entrambi i casi, e sto cercando una mossa al rialzo nel ’23 che potrebbe essere significativa. Il primo passo in quel breakout si è verificato giovedì.

Oro Ho detto che l’oro (GLD) non faceva parte della debacle delle materie prime la scorsa settimana. Il metallo continua la sua corsa dallo scorso novembre e si è ripreso per la quarta settimana consecutiva. Non guardare ora, ma questo metallo prezioso è tornato in modalità mercato BULL.

L’oro è stato estremamente confuso negli ultimi anni, non riuscendo a fungere da copertura dall’inflazione che molti pensano che sia (almeno in termini di dollari). Avere una certa esposizione all’oro ha senso ai fini della diversificazione. Tuttavia, poiché non elimina il reddito sotto forma di dividendo, non sono propenso ad avere mai una posizione sovradimensionata.

Advertisement

Ora, se uno vuole avere una certa esposizione all’oro e ottenere entrate, allora consideri l’acquisto dell’ETF sull’oro (GLD) e/o l’ETF Gold Miners (GDX) e vendere chiamate al rialzo contro quella posizione. Ho aggiunto una posizione in GDX di recente. Il grafico giornaliero di GDX mostra la recente rottura al rialzo e quella mossa ha anche superato un livello di resistenza a lungo termine.

Argento L’ETF Silver è entrato in un trend BULL a dicembre, e questa è stata una volta in cui essere all’inizio di uno scambio ha funzionato. L’ETF è stato aggiunto in ottobre e la tendenza ora è mia amica. Il calo al di sotto della linea di supporto a breve termine è sembrato minaccioso mercoledì, ma l’immediata inversione di giovedì e venerdì mantiene il trend positivo. Sto cercando una corsa a ~ $ 24, quindi la possibilità di vedere $ 27. L’ETF è un “acquisto” sulla debolezza.

Uranio Uranio (URA) è un’altra materia prima che ha evitato la svendita delle materie prime ed è tornata in vita nelle ultime quattro settimane con un rally dell’11+%. Mi piace il settore come un gioco a lungo termine su un potenziale ritorno alla produzione di energia nucleare. Alla fine, diventerà evidente che l’UNICA vera alternativa energetica verde che può essere a affidabile fonte di energia, è nucleare.

Tecnologia Il NASDAQ ha registrato un rialzo del 7,8% da quando il nuovo minimo di chiusura del mercato BEAR è stato fissato il 28 dicembre. L’indice ha seguito uno schema più laterale dallo scorso ottobre e, se testato, i BULLS avranno bisogno del minimo di ottobre per reggere.

Advertisement

Sottosettore Semiconduttori

L’ETF sui semiconduttori (SOXX) assomiglia molto ai principali indici. Una situazione in cui l’ETF non può superare la media mobile a 200 giorni e una serie di minimi inferiori nel 2022. Quindi eccoci di nuovo qui. Tornando al massimo della gamma di trading. Simile a quanto ho detto sul NASDAQ, questa scena ci lascia con una serie di possibili alternative.

Una situazione che va affrontata con molta attenzione.

Criptovaluta Bitcoin è riuscito a risalire al di sopra della sua media mobile a 50 giorni questa settimana dopo un rally dell’1,5%. Mentre la più grande criptovaluta del mondo è riuscita a chiudere al di sopra della sua 50-DMA in altri momenti di dicembre, non è stata costantemente scambiata al di sopra di quella media mobile da prima del crollo dell’FTX.

Advertisement

Bitcoin (www.bspokepremium.com)

Sebbene quella mossa al di sopra della media mobile a 50 giorni sia uno sviluppo tecnico positivo, è di fronte ad alcune delle peggiori stagionalità possibili. I rendimenti medi di una settimana, un mese e tre mesi di Bitcoin da questo periodo dell’anno si collocano in un paio di percentuali inferiori di tutti i periodi dell’anno.

Pensieri finali

Se i mercati ribassisti non ti spaventano, ti logoreranno. Non c’è simmetria in questo panorama di investimenti e questo fa indovinare tutti. Pensavo che sia i rialzisti che gli orsi sarebbero stati ugualmente frustrati mentre la scena impegnativa del ’22 continuava nel primo trimestre. Sono passate due settimane e ne sono convinto. Gli orsi stanno iniziando a chiedersi se questo mini-rally sia reale. Sono anche convinto che i titoli continueranno a dominare e lo abbiamo visto la scorsa settimana sotto forma di un rapporto CPI.

Le principali banche hanno dato il via alla stagione dei rendiconti sugli utili del quarto trimestre, che avrà un ulteriore impatto sul corso del mercato nelle prossime settimane. Certamente non è una forzatura affermare che il sentimento degli investitori sarà influenzato in un modo o nell’altro. Scopriremo quale gruppo sarà maggiormente frustrato. Può anche darci più chiarezza sulla situazione tecnica che è attualmente in uno stato di cambiamento.

Advertisement

Ciò solleva un punto interessante sul mercato. È importante utilizzare l’impostazione “tecnica” per determinare il breve termine perché il mercato non sta guardando cosa è successo ieri o cosa sta succedendo oggi. Quindi, mentre l’economia globale è un disastro e i dati stanno arrivando a livelli simili a una recessione, il mercato azionario sta già cercando di determinare se questa tendenza negativa peggiorerà o se migliorerà.

Proprio come ho detto, dobbiamo vedere più prove per ottenere mo Sono ottimista nel breve termine, ho anche bisogno di ulteriori prove per giustificare l’adesione al club S&P 3000. Assiomi di mercato come il raduno di Babbo Natale e altri circolano a Wall Street da decenni. Alcuni sono buoni, altri sono nella migliore delle ipotesi discutibili. Quello che ha molta “credibilità” è l’indicatore del minimo di dicembre. Detto semplicemente, se i minimi precedenti di dicembre vengono superati a gennaio, fai attenzione di seguito. Ciò si è effettivamente verificato nel 2022 ed è stato uno degli indicatori che ho utilizzato per iniziare a cambiare la mia visione dei mercati lo scorso febbraio. Quest’anno è l’S&P 3764, che è stato il punto di svolta che ho definito alla fine dell’anno scorso.

Rimani sintonizzato.

Post scriptum

Consentitemi di soffermarmi un momento e ricordare a tutti i lettori una questione importante. Fornisco consulenza sugli investimenti ai clienti e ai membri del mio servizio di mercato. Ogni settimana mi sforzo di fornire uno scenario di investimento che aiuti gli investitori a prendere le proprie decisioni. In questi tipi di forum, i lettori portano sul tavolo una serie di situazioni e variabili quando visitano questi articoli. Pertanto è impossibile individuare ciò che può essere giusto per ogni situazione.

Advertisement

In diverse circostanze, posso determinare la situazione/i requisiti personali di ciascun cliente e discutere i problemi con loro quando necessario. Questo è impossibile per i lettori di questi articoli. Pertanto cercherò di aiutare a formarmi un’opinione senza oltrepassare il limite in consigli specifici. Tienilo a mente quando definisci la tua strategia di investimento.

Grazie a tutti i lettori che contribuiscono a questo forum per rendere questi articoli un’esperienza migliore per tutti.

Buona fortuna a tutti!

Nota del redattore: questo articolo copre uno o più titoli microcap. Si prega di essere consapevoli dei rischi associati a questi titoli.

Advertisement

È qui! Il completo Prospettive per il 2023 viene pubblicato insieme a un elenco di azioni che preferisco nel ’23. Inizio il mio nono anno sulla piattaforma SA e la mia analisi di mercato continua a sovraperformare. L’investitore esperto la strategia funziona in QUALSIASI tipo di mercato.

Mentre altri sono rimasti rialzisti, ho chiamato questo mercato BEAR nel febbraio ’22 e ho chiamato ACQUISTA energia nello stesso mese. La mia prossima “chiamata” può arrivare in qualsiasi giorno e se sei un investitore serio non puoi permetterti di perderla. L’unico modo per ottenerlo è aderire Il servizio Savvy Investor Marketplace.

Advertisement

Trending