lunedì 30 novembre 2020

Lagarde potrebbe dover sfidare alcuni membri della BCE per contrastare il coronavirus con uno stimolo maggiore

04 Novembre 2019, Berlino: Christine Lagarde, presidente della Banca centrale europea (BCE), loderà il presidente del Bundestag Schäuble alla “VDZ Publishers ‘Night

picture alliance | picture alliance | Getty Images

La Banca centrale europea (BCE), in contrasto con la Federal Reserve americana e la Banca di L’Inghilterra , non ha ancora fatto nulla di concreto per contrastare la crescente crisi del coronavirus che ha colpito i mercati azionari globali.

Probabilmente cambierà questa settimana mentre i politici si riuniscono a Francoforte per una sessione di due a partire da mercoledì. L’incontro arriva quando la terza economia della zona euro, l’Italia è nel blocco nazionale, dopo l’estensione delle misure di quarantena nella regione settentrionale della Lombardia al resto del paese.

“Le prospettive economiche e finanziarie sono peggiorate. In primo luogo, è probabile che la quarantena lombarda aumenti i costi diretti e indiretti dello shock virale “, ha dichiarato Mark Wall, capo economista di Deutsche Bank, in una nota.

” Secondo, l’inasprimento delle condizioni finanziarie sta peggiorando e allargando. “

Le aspettative di inflazione sono a livelli record e i costi economici dello scoppio del coronavirus saranno sostanziali. Poiché la situazione è rapida muovendosi, non è chiaro quanto sarà grande l’impatto economico alla fine, ma sarà significativo.

In cima di questo deriva la crisi petrolifera innescata dall’Arabia Saudita e dalla Russia e la rottura delle comunicazioni tra i due principali produttori di petrolio della scorsa settimana. Un crollo del prezzo del petrolio ha aggiunto lunedì alle cupe prospettive economiche.

“Nonostante questa incertezza, riteniamo che alla fine la BCE si sentirà in dovere di rispondere con l’ennesimo pacchetto di misure nel corso della sua riunione politica … non da ultimo per segnalare la sua disponibilità ad affrontare qualsiasi inasprimento condizioni finanziarie prima che diventi ‘radicata’ “, ha dichiarato Dirk Schumacher, un osservatore della BCE alla Natixis, in una nota.

” Più specificamente, ci aspettiamo un 10 taglio del punto base del tasso di deposito, un aumento del programma di acquisto (attività) a 40 miliardi (euro) al mese e una nuova operazione di finanziamento mirata per le banche “, ha aggiunto.

Sarà il primo vero test per la nuova presidente della BCE Christine Lagarde e arriverà molto presto nel suo nuovo lavoro. Potrebbe dover abbandonare il suo impegno a curare la spaccatura all’interno del Consiglio direttivo della BCE con alcuni falchi come il presidente della Bundesbank, Jens Weidmann, scettico sull’utilità del programma di acquisto di attività. La grande domanda è se osa accettare una decisione che non sarà sostenuta da tutti o se opta per l’unanimità che poi potrebbe sottovalutare i mercati.

“Lagarde potrebbe dover sacrificare l’unità del Consiglio”, ha dichiarato Mark Wall di Deutsche Bank.

“Questo è forse un passo troppo in là. Se la BCE si sottopone a scarsi risultati, i mercati dovranno attendere fino all’Eurogruppo (una riunione dei ministri delle finanze della zona euro) il 16 Marzo.”

Articolo originale di CNBC