giovedì 03 dicembre 2020

Le grandi banche canadesi chiudono il loro bilancio 2019 alle prese con il nuovo “normale”: minori profitti e maggiori accantonamenti per perdite su prestiti

Sembra che si stia preparando un nuovo “normale” per le maggiori banche canadesi che sta aumentando la quantità di denaro che devono mettere da parte per i crediti inesigibili e sta contribuendo a mettere a dura prova i loro profitti.

Il cambiamento delle condizioni del credito è stato messo in mostra nell’ultimo round di risultati trimestrali, conclusosi giovedì quando sia la Toronto-Dominion Bank che la Canadian Imperial Bank of Commerce hanno riportato cali anno su anno degli utili del quarto trimestre del quattro e sei per cento, rispettivamente.

Tali arretramenti degli utili hanno fatto seguito al calo degli utili della Royal Bank of Canada e della Bank of Montreal che sono stati segnalati all’inizio della settimana, in quanto principali finanziatori concluse il loro bilancio 2019 “con un po ‘di piagnucolio”, nelle parole dell’analista di DBRS Morningstar Robert Colangelo.

Gli utili aggregati tra le Grandi Sei banche sono diminuiti del sei per cento trimestre su trimestre e del cinque per cento su base annua, ha affermato Colangelo. Gli accantonamenti per perdite su crediti, nel frattempo, sono aumentati per cento rispetto al trimestre precedente e 32 per cento da un un anno prima, pesando sui profitti dei finanziatori.

“Le perdite di credito necessarie per normalizzarsi dal livello storicamente basso che hanno avuto”, ha detto Colangelo.

Mentre le banche continuano a riportare miliardi di profitti, riacquistare milioni di azioni proprie e distribuire dividendi allettanti, è comunque probabile che gli investitori stiano osservando attentamente i dati relativi alla perdita di prestiti.

Sono stati messi in allerta all’inizio di quest’anno, quando il gestore del denaro Steve Eisman, una delle star del libro The Big Short, disse al Financial Times che stava scommettendo contro alcune delle banche canadesi e “chiedendo una semplice normalizzazione del credito che non è avvenuta in 20 anni.”

Le banche stavano già affrontando la loro giusta quota di sfide. L’incertezza relativa al commercio ha danneggiato le operazioni sui mercati dei capitali e tassi di interesse più bassi esercitano pressioni su ciò che possono addebitare ai clienti. Inoltre, gli ultimi anni di grandi profitti hanno aumentato le aspettative.

RBC, la più grande banca canadese, ha riferito questa settimana che gli utili sono scesi dell’1% su base annua per il quarto trimestre, a $ 3,2 miliardi. E mentre il finanziatore ha riportato alcuni costi di fine rapporto, ha anche notato che gli accantonamenti per perdite su crediti sono saliti a $ 499 milioni per i tre mesi chiusi a ottobre 31, verso l’alto 41 per cento da $ 353 milioni di anni prima.

I prossimi due anni saranno probabilmente sfidando le tendenze dei tassi di interesse, l’incertezza sulla crescita globale, le tensioni commerciali e le condizioni di credito normalizzate

Dave McKay, CEO, RBC

“Basato su quello che stiamo vedendo oggi, i prossimi due anni saranno probabilmente difficili a causa delle tendenze dei tassi di interesse, dell’incertezza sulla crescita globale, delle tensioni commerciali e delle condizioni di credito normalizzate, tra gli altri fattori “, ha dichiarato il CEO di RBC Dave McKay agli analisti durante una conference call mercoledì.

Le riserve di credito possono aumentare man mano che le banche aumentano il portafoglio crediti. Possono anche essere volatili, con accantonamenti sia per i crediti “in bonis” che per quelli “deteriorati”, nonché quando le condizioni economiche li giustificano. Potrebbero inoltre essere necessarie grandi disposizioni una tantum per un singolo grande prestito, come, ad esempio, quello che è stato dato a una società che improvvisamente fallisce.

Chief Risk Officer di RBC, Graeme Hepworth , ha affermato che le loro disposizioni sono aumentate rispetto al trimestre precedente, in parte a causa di cambiamenti sfavorevoli nel loro mix di portafoglio, “inclusi i fattori stagionali relativi al nostro portafoglio di carte e alle migrazioni del credito”. Tali migrazioni sono quando i mutuatari hanno cambiato il loro rating del credito, sia declassato che aggiornato, ma gli RBC sono stati anche leggermente compensati da una migliore previsione per il mercato immobiliare canadese.

Toronto-Dominion Bank, il secondo istituto di credito del Canada, ha riportato fenomeni simili per i risultati del quarto trimestre annunciati giovedì, con utili in calo del 4% circa su base annua a circa $ 2,9 miliardi e accantonamenti per perdite su crediti 33 per cento in $ 891 milioni.

Duri Durante una teleconferenza, il Chief Risk Officer della banca, Ajai Bambawale, ha dichiarato che “guardando al prossimo anno, il periodo di tassi di perdita ciclicamente bassi è probabilmente alle nostre spalle”.

TD ha affermato che l’aumento di gli accantonamenti per perdite su crediti (PCL) sono dovuti in parte alla crescita del volume, all’andamento stagionale dei portafogli di auto e carte di credito statunitensi e alla migrazione del credito nelle divisioni al dettaglio e all’ingrosso canadesi della banca.

“PCL per crediti deteriorati aumentato del 23 per cento guidato dalla normalizzazione in ambito commerciale, superiore insolvenze negli altri portafogli di prestiti personali e carte di credito e crescita del volume “, ha scritto l’analista di Citi Maria Semikhatova.

Victor Dodig, CEO di CIBC: “Restiamo fiduciosi nella qualità del nostro portafoglio prestiti in futuro.” Graham Hughes per i file della posta nazionale

Le banche hanno assicurato di poter gestire il ritorno alla normalità e, come una percentuale dei loro prestiti e accettazioni netti medi, i PCL rimangono relativamente piccoli. RBC è aumentato a 0. 31 per cento per il trimestre da 0. 23 per cento un anno fa, mentre TD è andato a 0. 51 per cento da 0. 41 per cento.

“Mentre le perdite di credito erano entro le aspettative e continuiamo a sentirci a nostro agio con la qualità del nostro portafoglio, ora si vedono gli effetti della normalizzazione dei PCL in questo trimestre e per l’intero anno ”, ha dichiarato a Financial Post il direttore finanziario di TD Riaz Ahmed.

La Banca di commercio imperiale canadese ha riferito giovedì che il suo utile per il trimestre si è chiuso a ottobre 31 è stato di quasi $ 1,2 miliardi, in calo del 6% su base annua. Le disposizioni di credito, tuttavia, sono aumentate 52 per cento, a $ 402 milioni da $ 264 milioni.

“Mentre gli accantonamenti sono aumentati, restiamo fiduciosi nella qualità del nostro portafoglio prestiti in futuro”, ha affermato il CEO Victor Dodig. )

Colangelo ha affermato che anche l’ambiente creditizio per le banche rimane “relativamente favorevole”, con bassi livelli di disoccupazione e salari in crescita.

“Quindi fino a quando non vedremo un aumento significativo della disoccupazione o … compressione dei salari, le perdite di credito continueranno a normalizzarsi a una media maggiore negli ultimi, probabilmente, cinque anni “, ha detto.

Posta finanziaria

• Email: gzochodne@nationalpost.com | Twitter: GeoffZochodne

Come riportato da Financial Post