domenica 01 novembre 2020

Le sanzioni statunitensi in un periodo di coronavirus sono moralmente depravate e illegali ai sensi del diritto internazionale

                      

  

    Fuori dagli schemi   

 

  Le azioni americane porteranno a maggiori morti in Iran e Venezuela

                

  

    

                  

           

La Torre Azadi (Libertà) dell’Iran è illuminata da bandiere e messaggi di solidarietà e rabbia alle sanzioni economiche statunitensi che rendono più difficile per l’Iran l’acquisto delle forniture mediche necessarie per combattere il coronavirus.

                   AFP via Getty Images              

  

                

            

         

Mentre gli Stati Uniti stanno combattendo COVID – 19 qui a casa, le sanzioni statunitensi contro altri governi stanno favorendo la diffusione del virus all’estero. Probabilmente hanno già contribuito a molte morti non necessarie in Iran e l’esperienza del Venezuela con la pandemia potrebbe anche essere molto più mortale a causa di queste misure punitive.

      

COVID-19 ha ucciso più di 3, 95 finora in Iran, e il suo governo avverte che 3,5 milioni di iraniani in più possono morire prima che la pandemia abbia fatto il suo corso. Le sanzioni statunitensi impediscono solo il tipo di intervento governativo ampio e salvavita che altri paesi si stanno affrettando ad attuare.

      

Segui le ultime notizie sul coronavirus su MarketWatch.

      

NOI. le sanzioni contro l’Iran rendono difficile per il Paese ottenere forniture mediche, attrezzature igienico-sanitarie e altri beni che ora sappiamo essere necessari per rallentare la diffusione del virus. Le sanzioni non riguardano direttamente le forniture mediche, ma riducono la capacità dell’Iran di pagarle.

             

Quando il segretario di Stato Mike Pompeo si è vantato a gennaio, le sanzioni hanno ridotto le entrate petrolifere del paese di 76% e tagliato l’accesso al sistema bancario mondiale, dove 90% delle riserve in valuta estera dell’Iran non sono raggiungibili.

      

Iran’s COVID – 06 le morti non sono conseguenze indesiderate delle sanzioni. Tali ampie sanzioni sono espressamente progettate per impedire ai governi interessati di fornire servizi di base, specialmente ai più vulnerabili. Pompeo si vantò che, a seguito delle sanzioni, “le cose vanno molto peggio per il popolo iraniano, e siamo convinti che porterà il popolo iraniano a ribellarsi e a cambiare il comportamento del regime”

      

Accettare la peggior pandemia del mondo non è solo moralmente depravato, ma è anche illegale secondo il diritto internazionale. Anche le sanzioni generali sono inefficaci. Ad esempio, le sanzioni sono fallite per quasi 38 anni che portano all’espulsione del governo cubano o qualcosa di simile a una sua destabilizzazione grave.

      

NOI. le sanzioni stanno anche contribuendo a diffondere COVID – 19 in Venezuela. Gli economisti Jeffrey Sachs e Mark Weisbrot hanno concluso l’anno scorso che le sanzioni statunitensi lì avevano già contribuito a decine di migliaia di morti inutili. Il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti probabilmente ha recentemente impedito al Fondo monetario internazionale di accogliere la richiesta del governo venezuelano di $ 5 miliardi di finanziamenti di emergenza per far fronte alla pandemia.

      

Il virus è arrivato solo di recente in Venezuela, con 140 casi confermati finora, ma un governo messo in ginocchio non è adatto a prevenire una catastrofe umanitaria.

      

Anche le sanzioni revocate molto tempo fa contribuiranno al bilancio delle vittime della pandemia di Haiti. In 2001, il governo degli Stati Uniti ha ordinato illegalmente alla Banca interamericana di sviluppo di trattenere centinaia di milioni di dollari sono già stati approvati per progetti relativi all’acqua e ai servizi igienico-sanitari perché non gradivano la scelta dei leader da parte degli elettori. Sebbene le sanzioni siano state revocate quando il presidente eletto è stato rimosso in 2004, alcuni dei progetti previsti non furono mai costruiti, incluso un progetto a Port-de-Paix, una capitale del dipartimento.

       

La mancanza di acqua potabile ha reso l’area particolarmente vulnerabile all’epidemia di colera introdotta dalle truppe ONU in 2010 e renderà più difficile per i residenti lavarsi le mani e quant’altro come COVID – 19 si precipita attraverso Haiti.

      

Ampi sanzioni distruggono le reti di sicurezza sociale dalle quali dipendono le comunità. Come osserva Yifat Susskind, direttore esecutivo di MADRE, un’organizzazione internazionale per i diritti delle donne, “Le donne e le ragazze, generalmente incaricate dell’assistenza, devono quindi assumersi l’immensa responsabilità di fornire cibo, acqua, assistenza sanitaria e assistenza agli anziani e ai bambini quando sono pubbliche i sistemi non sono in grado di soddisfare tali esigenze. ”

      

La nuova pandemia di coronavirus è una crisi globale che richiede una risposta globale e che include l’interruzione della coercizione economica che impedisce ai governi di ottenere forniture e medicine essenziali.

      

Il Congresso ha l’opportunità di farsi avanti e chiedere che le sanzioni vengano fermate al fine di salvare vite in paesi colpiti come l’Iran e il Venezuela e oltre. La deputata democratica Ilhan Omar del Minnesota ha recentemente introdotto il Congressional Oversight of Sanctions Act, che limiterebbe la capacità del ramo esecutivo di emanare sanzioni letali e controproducenti. Il Congresso dovrebbe approvare rapidamente questo disegno di legge; molte migliaia di vite possono dipendere da esso.

                             

                             

Articolo originale di Marketwatch.com