lunedì 26 ottobre 2020

Le scorte bancarie si accumulano mentre JPMorgan è in calo dalla crisi finanziaria

La bandiera di JP Morgan Chase al di fuori della sede della società a New York.

Peter Foley | Bloomberg | Getty Images

Le azioni della banca sono precipitate lunedì mentre crollavano I prezzi del petrolio e i rendimenti obbligazionari hanno suscitato la preoccupazione che il crescente impatto dell’epidemia di coronavirus potrebbe causare una recessione.

JPMorgan Chase , la più grande banca americana, cadde in piedi 14%, il suo peggior declino da marzo 2009, quando l’industria era ancora in preda alla crisi finanziaria . Bank of America , il secondo maggiore finanziatore americano, declinato 15% e Citigroup precipitato 16%.

“Gli investitori bancari stanno iniziando a valutare i prezzi nella possibilità di una recessione”, Charlie Peabody, analista di Portales Partners, ha dichiarato in un’intervista telefonica. “Siamo tornati al luogo in cui questi titoli sono stati scambiati a dicembre del 2018. All’epoca, se ricordi, c’erano i timori del chiusura del sistema e passaggio a una recessione. “

Le azioni bancarie, legate alle aspettative di tassi di interesse e perdite sui prestiti, sono talvolta considerate un indicatore precoce per i mercati e l’economia più ampi. La scorsa settimana, la Federal Reserve ha inaspettatamente ridotto il tasso di riferimento di 50 punti base e il CEO di DoubleLine Capital Jeffrey Gundlach ha detto che i tassi a breve termine sono diretti a zero .

I tassi di caduta tendono a danneggiare le banche perché fanno pressione sul differenziale tra ciò che i finanziatori pagano ai depositanti e ciò che raccolgono dai mutuatari. Dal momento che la maggior parte delle grandi banche non pagano un sacco di interesse per i depositanti all’inizio, il calo dei rendimenti dei prestiti significa che un fattore chiave degli utili del settore si ridurrà, secondo Peabody.

“I tuoi spread nel settore del credito al consumo saranno schiacciati”, ha detto. “Questo è il grande motore del reddito netto.”

Ciò ha portato le banche statunitensi con le migliori prestazioni dopo la crisi – istituti di credito con grandi operazioni di raccolta di depositi – a vendere il peggio lunedì, guidato da JPMorgan e Bank of America. Goldman Sachs era in calo 10% e Morgan Stanley cadde 10%.

Il crollo dei prezzi del petrolio lunedì non è sufficiente, il proprio per spiegare il calo delle azioni bancarie, ha dichiarato Peabody.

L’industria petrolifera e del gas rappresenta circa il 2% del totale dei libri di prestito presso sei delle maggiori banche, Goldman Sachs ha detto lunedì in una nota di ricerca. Il rischio per gli utili a breve termine è un calo dal 3% al 6% poiché le banche aumentano le riserve per le perdite sui prestiti, ha affermato Goldman.

L’energia “non sta andando a rompere la banca, “Disse Peabody. “È che una recessione porterà molti altri punti di stress oltre all’energia, come i prestiti con leva finanziaria” e le crescenti inadempienze sui prestiti al consumo e alle imprese, ha affermato.

Articolo originale di CNBC