martedì 22 giugno 2021

L’epidemia di coronavirus costringe le start-up cinesi a ripensare le loro priorità

Un lavoratore in un negozio di frutta che indossa una maschera e usa il suo telefono cellulare mentre aspetta i clienti a Pechino, a febbraio 29 , 2020.

Stringer | AFP | Getty Images

PECHINO – L’epidemia di coronavirus è scuotendo il settore degli investimenti in Cina, poiché le aziende spostano le loro mentalità commerciali, mentre altri cercano nuove opportunità.

Rapida crescita economica nella Cina una volta significava che le aziende potevano cavalcare tendenze brevi e generare rapidamente capitale per la prossima impresa dei loro fondatori, senza pensare alle conseguenze o alle opportunità a lungo termine.

Ora, alcuni operatori del settore affermano che un numero maggiore di start-up sta comprendendo l’importanza di avere più capitale a disposizione, mentre gli investitori stanno valutando quali tendenze potrebbero accelerare le interruzioni del virus. Il coronavirus che ha ucciso più di 2 persone 900 in Cina ha portato gran parte del paese a un punto morto, a seguito del rallentamento dello scorso anno nella crescita del PIL ufficiale al 6,1%.

L’industria del capitale di rischio in Cina stava già lottando lo scorso anno.

Dopo essersi impennata negli ultimi decennio a un massimo $ 60 .7 miliardi di valore dell’operazione in 2018, capitale di rischio cinese affari scesi a $ 28 .4 miliardi di valore l’anno scorso, secondo la società di dati finanziari PitchBook. Il valore degli accordi VC è aumentato di soli $ 2,1 miliardi per quest’anno fino a febbraio 26, ha aggiunto la società.

“Il virus è una specie di trasmissione di negatività”, ha detto Jeff Wu, un partner focalizzato sulla Cina presso Pegasus Tech Ventures con sede nella Silicon Valley, secondo una traduzione CNBC delle sue osservazioni in lingua mandarina. “2020 sarà ancora più difficile.”

“Per la prima metà dell’anno, VC, PE (società di private equity) devono mantenere la propria rete, mantenere il proprio flusso di cassa”, ha affermato Wu.

Gli investitori parlano generalmente di riunioni annullate e ritardi negli affari a causa del virus. È solo una parte degli effetti a catena che la malattia altamente contagiosa sta avendo sull’economia cinese. Le aziende globali che si affidano alle fabbriche della terraferma si preoccupano della capacità dei fornitori di tornare al lavoro e di evadere gli ordini.

La provincia di Hubei e la sua capitale di Wuhan, il centro dell’epidemia, continuano a riportare decessi e centinaia di nuovi casi, anche se il la diffusione del virus sembra essersi fermata nel resto del paese. La malattia ora si è diffusa oltre i confini della Cina e ne ha infettati almeno migliaia 60 paesi in tutto il mondo.

“Dopo questa crisi, il mercato rallenterà sicuramente. Ciò rallenterà sicuramente il mercato del private equity in Cina”, Michael Xu, Managing Partner con sede in Cina CEC Asset Management, ha dichiarato in un’intervista. Il mercato del private equity in Cina è molto piccolo e “il private equity statunitense (le imprese) non può venire in Cina per fare la dovuta diligenza, non può chiudere l’affare.”

Vediamo un’enorme, enorme opportunità dopo questa crisi di acquistare molti dei nostri concorrenti (portafoglio di investimenti) (a) un prezzo molto economico.

Michael Xu

managing partner presso CEC Asset Management

Preqin ha affermato che le società di venture capital e private equity con sede in Cina hanno raccolto circa $ 286 milioni quest’anno finora, contro $ 84 miliardi per tutto l’anno scorso.

Le lotte del settore hanno creato opportunità per Xu, che afferma che l’impresa è piena di liquidità nonostante debba ritardare il lancio del suo secondo fondo in dollari USA da Da febbraio a giugno. “Vediamo un’enorme, enorme opportunità dopo questa crisi di acquistare molti dei nostri concorrenti (portafoglio di investimenti) (a) un prezzo molto economico”, ha detto.

Gli investimenti dell’azienda includono le biotecnologie, i dispositivi medici e le attività di e-commerce, che non sono state realmente colpite molto, anche se non stanno necessariamente facendo così come prima del virus , Ha detto Xu. Ha notato che un investimento in una catena di minimarket a Wuhan sta ancora facendo soldi – circa 2 milioni di yuan ($ 286, 000) un giorno – nonostante lo stato di quarantena della città.

Contanti disponibili

In l’industria di nicchia dei produttori cinesi di sigarette elettroniche – che ha attirato decine di milioni di dollari e investitori di grandi nomi come Sequoia Capital – il virus è solo l’ultima sfida.

Mentre sottoposta a un maggiore controllo sui rischi per la salute negli Stati Uniti, l’industria delle sigarette elettroniche in Cina è stata colpita a novembre da un divieto di vendita online, che ha costretto le aziende a trasferirsi nei negozi fisici. Circa due mesi dopo, mentre il coronavirus continua a diffondersi, i potenziali clienti rimangono a casa, mentre alcuni negozi hanno dovuto chiudere, almeno temporaneamente.

Relx Technology, una sigaretta elettronica start-up, ha abbastanza capitale a disposizione per resistere almeno altri due anni, ha dichiarato il fondatore e CEO Kate Wang in un’intervista. La compagnia di circa due anni ha circa 2, 000 negozi in Cina e ha occupato più della metà del mercato interno.

La sua fabbrica – che assume uno staff di 3, a 4, – ha gradualmente ripreso le operazioni negli ultimi giorni e Wang prevede che la produzione sarà tornare alla normalità entro la fine di marzo. Quest’anno, ha ancora in programma di aprire più sedi in patria e all’estero e di lavorare più da vicino con i minimarket.

Nel frattempo , I media cinesi hanno riferito nelle ultime due settimane che concorrenti come SnowPlus hanno sparato 50% del suo staff dal quarto trimestre e Flow non è stato in grado di pagare i dipendenti per almeno due mesi.

SnowPlus non confermerebbe un dato, ma ha detto che le riduzioni del personale CNBC fanno parte dell’ottimizzazione del business piuttosto che una reazione del mercato e che la società impiega ancora più di 450 personale, escluso il personale di vendita. Inoltre, la società non avrebbe rivelato la sua situazione finanziaria, ma ha affermato la sua “strategia attraverso 2019 è saldamente in atto “e gli investimenti sono imminenti. Flow non ha risposto immediatamente alla richiesta di commento di CNBC.

Opportunità di spostamento

Da gennaio a febbraio, durante le vacanze di Capodanno lunare e le preoccupazioni per la cattura del virus, utenti attivi quotidianamente per l’app salutata DiDi e Meituan , che gestisce la consegna del cibo, è calato bruscamente, secondo i dati della società di servizi di sviluppo di app Aurora Mobile. D’altra parte, i dati hanno mostrato un leggero aumento per le app video come Kuaishou e iQiyi.

Non è chiaro se queste tendenze dureranno, o in quale misura, poiché i cinesi tornano al lavoro e l’attività commerciale alla fine torna alla normalità.

Ma gli investitori tendono a concordare che alcune nuove attività, come la consegna di prodotti freschi, sono qui per rimanere, e comanderanno valutazioni più elevate in futuro, visti i loro multipli di crescita delle vendite negli ultimi poche settimane. Anche l’assistenza sanitaria sarà al centro dell’attenzione per il capitale, hanno affermato gli investitori.

Tra le tendenze che dureranno, Sophie Yao, generale manager, presso Pegasus Tech Ventures (Cina), prevede una ripresa dello sviluppo della tecnologia di guida autonoma, mentre l’hype intorno all’intelligenza artificiale e alla tecnologia blockchain si dissiperà gradualmente.

I mercati finanziari sono già riflettendo le scommesse degli investitori su opportunità di crescita potenzialmente più sostenibili. Mentre le azioni statunitensi sono precipitate più di 02% la scorsa settimana, alcune società cinesi quotate a New York hanno superato le vendite molto meglio di altre.

Il gruppo ha acquistato e- piattaforma di commercio Pinduoduo è aumentato del 3,5%, gigante della tecnologia Alibaba ha perso il 2,1% e 111 , un venditore online di medicina e assistenza sanitaria, è diminuito del 3,7%.

Anche Luckin Coffee , l’autoproclamato rivale di Starbucks in Cina, resistette meglio del suo concorrente americano. Le azioni sono scese dell’1,2% la scorsa settimana, rispetto a più di 02% per Starbucks.

When Luckin elencato sul Nasdaq a maggio, la start-up è stata la la prima compagnia dopo la bolla delle dotcom per ottenere una valutazione di $ 3 miliardi in meno di due anni, sollevando preoccupazioni sulla crescita sostenibile. Ma Liu Erhai, fondatore dell’investitore Luckin Joy Capital, ha affermato che, come nel caso degli investimenti chiave dell’azienda in generale, la società del caffè ha riserve sufficienti per il prossimo 12 mesi, con più di 10 miliardi yuan in contanti a portata di mano.

Luckin ha rifiutato di commentare la sua situazione finanziaria e ha affermato di aver offerto sconti per i consumatori poiché i negozi in gran parte del paese sono stati riaperti nelle ultime due settimane.

Articolo originale di CNBC