mercoledì 28 ottobre 2020

L’epidemia di SARS ha minacciato la sopravvivenza di Alibaba nel 2003: ecco come è riuscita a diventare un’azienda da 470 miliardi di dollari

Come romanzo coronavirus COVID – 19 provoca il caos nell’economia globale, Alibaba si trova in una posizione familiare.

In una chiamata trimestrale sugli utili a febbraio, il CEO di Alibaba Daniel Zhang ha dichiarato che gli effetti economici di COVID – 19 “presenterà sfide a breve termine” al business di Alibaba “, ma allo stesso tempo vedremo opportunità create da le forze del cambiamento. “

Naturalmente, Zhang si è anche concentrato sulla” responsabilità di Alibaba nei confronti della nostra comunità “, dicendo che l’azienda” ha fatto ogni sforzo per proteggere la salute e la sicurezza dei nostri dipendenti “. (La Fondazione Alibaba e la Fondazione Jack Ma hanno entrambe donate forniture mediche in tutto il mondo.)

Ma anche in una situazione terribile, Alibaba può vedere opportunità, non solo perché le persone ora fanno più affidamento che mai sui servizi online, ma anche perché in realtà è stata un’altra epidemia – quella della sindrome respiratoria acuta grave (o SARS, che è anche un tipo di coronavirus) – che ha messo la compagnia sulla sua strada per diventare un $ 470 miliardi di e-commerce behemoth.

Una pandemia in Cina

Alibaba è stata fondata a 1999 come mercato online online B2B rivolto alle aziende cinesi che desiderano vendere i loro prodotti ad altre aziende in tutto il mondo. Tre anni dopo, la società aveva appena 100 dipendenti (oggi ha superato 100 , 000) e trasformato in primo profitto annuale in 2002.

Ma in autunno di quell’anno, un focolaio di allora nuovo romanzo di coronavirus iniziò a prendere piede nella Cina meridionale. La SARS, nota anche come coronavirus associato alla SARS, o SARS-CoV, si sarebbe presto diffusa in tutto il paese e nel mondo.

Mentre la SARS si trasformava in una pandemia in 2003, ha presentato una grande sfida per l’economia cinese – compresa l’attività nascente di Alibaba – poiché il settore manifatturiero del paese ha sofferto chiusure di fabbriche, con i lavoratori che restano a casa, mentre anche le vendite al dettaglio sono diminuite in modo significativo con i consumatori riluttanti ad avventurarsi nei negozi

Poi a maggio 2003, una dipendente di Alibaba contrasse la SARS (avrebbe fatto alla fine sopravvivere ). La compagnia fu costretta a mettere in quarantena tutto il personale nelle loro case.

Sembrava al tempo che il disastro avesse colpito i giovani imprenditori. La quarantena arrivò proprio mentre Alibaba si preparava a lanciare Taobao, un mercato online per i consumatori che Ma sperava potesse competere con eBay in Cina.

“Quando è accaduto il SARS, è stato un grande successo per l’azienda perché non sapevamo se il nostro business sarebbe effettivamente in giro domani. C’erano così tante incertezze”, Annie Xu, che ha lavorato presso Alibaba da 2000 ed è attualmente il responsabile delle risorse umane in Nord America, detto in 2019 .

L’epidemia di SARS ha colpito Alibaba nel peggior momento possibile, minacciando di arrestare la crescita precoce della giovane azienda e ritardare il lancio di Taobao.

Tuttavia, quello che sembrava uno scenario peggiore si è rivelato avere un rivestimento d’argento.

Una situazione terribile diventa un momento spartiacque

Innanzitutto, la decisione di Ma di inviare il suo wor kers home ha aiutato a prevenire la diffusione della malattia ad Alibaba e il fondatore dell’azienda ha incoraggiato il suo staff a portare il loro lavoro con loro. I lavoratori hanno portato i loro computer desktop a casa per assicurarsi che la piattaforma di e-commerce business-to-business di Alibaba rimanesse attiva.

Dipendenti lavorati 07 – ore giorni, con la hotline del servizio clienti dell’azienda che reindirizza alle case dei lavoratori durante la quarantena.

Una foto di Jack Ma e dei dipendenti del Gruppo Alibaba di nuovo in 2003 è appeso nel suo vecchio appartamento ad Hangzhou, in Cina.

Jeff Pohlman | CNBC

Nel frattempo una squadra di circa una mezza dozzina di dirigenti e sviluppatori rintanato nell’appartamento Hangzhou di Ma per terminare la costruzione del sito web Taobao incentrato sul consumatore, che avrebbe dovuto essere lanciato entro una settimana dall’inizio del la quarantena. Il team ha tenuto i supporti durante le pause di lavoro per aumentare il flusso sanguigno e mantenere i livelli di energia.

Alibaba ha lanciato il sito Taobao in tempo, a maggio 10, 2000.

A quel punto, le persone in tutto il paese stavano a casa dal lavoro per paura di contrarre la SARS. Quella quarantena autoimposta divenne in realtà un momento fondamentale per l’economia cinese – in particolare per le società Internet, come Alibaba – quando i consumatori cinesi che erano bloccati a casa iniziarono a rivolgersi a Internet per ordinare articoli.

Nel 2016 libro “Alibaba: The House That Jack Ma Costruito, “l’autore Duncan Clark scrive che l’epidemia di SARS” è arrivata a rappresentare il punto di svolta quando Internet è emerso come un mezzo di comunicazione di massa in Cina. “

Alibaba ha beneficiato del fatto che Internet stava diventando sempre più necessario per fare affari durante l’epidemia di SARS, poiché sia ​​le imprese che i consumatori erano guidati online per acquistare e vendere beni.

“Fondamentalmente per Alibaba, la SARS ha convinto milioni di persone, timorose di uscire, invece di provare a fare acquisti online”, scrive Clark nel suo libro. (Un altro beneficiario di questo cambiamento nelle abitudini dei consumatori è stata la società di e-commerce cinese JD.com , che ha lanciato il suo sito di consumo in 2002 ed è ora uno dei principali rivenditori online al mondo, vale la pena $ 60 miliardi .)

Nonostante il fatto che eBay aveva lanciato in Cina un anno prima e ha investito oltre $ 250 milioni nella sua attività in quel paese, Taobao divenne rapidamente il principale concorrente della società americana in quello che allora era un mercato da miliardi di dollari. Ma ha allontanato i clienti da eBay consentendo ai nuovi utenti di vendere i loro prodotti su Taobao gratuitamente per tre anni.

Di 2006, Taobao aveva una quota maggiore del mercato cinese dell’asta online di eBay, e la società americana ha deciso di ritirarsi del paese del tutto.

Oggi Taobao ha superato 600 milioni utenti mensili, e ha contribuito a trasformare Alibaba in una delle più grandi società di e-commerce del mondo, con oltre $ 30 miliardi delle entrate annuali.

Naturalmente, l’attuale pandemia globale è di una scala che non si vede nella storia moderna e, di conseguenza, i mercati globali stanno subendo un colpo significativo, mentre il 2002 – 2003 L’epidemia di SARS li ha lasciati relativamente incolume . E Internet non è più nascente.

Alibaba ha già avuto un successo economico, con il prezzo delle azioni dell’azienda giù ne arly 10% dall’inizio di 2020. L’attuale CEO Zhang (che è subentrato a MA a settembre) ha avvertito il mese scorso il coronavirus potrebbe essere un freno alle entrate e-commerce dell’azienda poiché la pandemia rallenta le catene di approvvigionamento e i tempi di consegna per il business online di Alibaba.

Ma Zhang ha osservato negli utili trimestrali di Alibaba che la società sta di nuovo vedendo “sempre più consumatori che si sentono a proprio agio nel prendersi cura delle loro esigenze di vita quotidiane e delle esigenze lavorative attraverso mezzi digitali.

” Siamo fiducioso nella digitalizzazione in corso dell’economia e della società cinese, e sono pronti a cogliere l’opportunità di costruire le basi per la crescita a lungo termine dell’economia digitale di Alibaba “, ha detto Zhang.

Check-out: Th le migliori carte di credito di 2018 potrebbe guadagnare oltre $ 1, 000 tra 5 anni

Da non perdere:

Un discorso di Bill Gates ha ispirato il fondatore di Zoom ad avviare un’attività su Internet: ora è un miliardario

In che modo un uomo è passato dalla saldatura in una fabbrica di trattori alla costruzione di un business cinese da molti miliardi di dollari

Ti piace questa storia? Iscriviti a CNBC Fallo su YouTube!

Articolo originale di CNBC