mercoledì 02 dicembre 2020

Perché le scorte dell’hotel sono scese a doppia cifra lunedì

                

Fai clic qui per le risorse di The Motley Fool su Coronavirus e il mercato.

                                     

                                     

                                                                                          

Gli hotel stanno chiudendo e questa è una brutta notizia per questi marchi.

                            

                                                                                                                           

    

        

             

    

                                                                                                                                                                                                                                                         

Quello che è successo

Le azioni dei marchi alberghieri sono precipitate di nuovo lunedì come COVID – 19 la reazione ha iniziato a interrompere il viaggio attraverso il mondo. Marriott International ‘s ( NASDAQ: MAR )

le azioni sono diminuite tanto quanto 18. 3% nei primi scambi, Hyatt Hotel ( NYSE: H ) rilasciato 20. 1% e Hilton Worldwide Holdings ( NYSE: HLT ) azioni in calo 12. 8%. Le azioni di ciascuna società hanno recuperato alcune di tali perdite durante il giorno e alle ore 2: 40 pm EDT sono diminuiti del 7,4%, 9,6% e 10. 7% rispettivamente.

Oggi ci sono più livelli di notizie, ma l’UE ha proposto di vietare i viaggi non essenziali in Europa, gli Stati Uniti stanno già limitando i viaggi dall’Europa e le compagnie aeree stanno tagliando la capacità di evitare di volare in aereo. Gli hotel sono a valle del settore aereo, ma se le persone non viaggiano non alloggiano negli hotel, quindi ci sarà un grande impatto sui marchi degli hotel.

Fonte immagine: Getty Images.

E allora

La maggior parte degli hotel nelle catene Marriott, Hyatt e Hilton non sono in realtà di proprietà di questi marchi, quindi non c’è ancora una chiusura di massa di proprietà. Ma ci sono chiusure negli Stati Uniti e nel mondo quando le città vanno in crisi o i dipendenti risultano positivi per COVID – 18. Quindi gli affari si stanno arrestando in alcuni punti e rallentando drammaticamente in altri.

Quello che non sappiamo è quando inizierà una sorta di recupero normale, ma il primo trimestre di 2020 sarà estremamente difficile per le compagnie alberghiere. E quella realizzazione sembra colpire il mercato oggi.

Ora che cosa

La buona notizia per i marchi alberghieri è che le loro attività sono tipicamente asset- luce rispetto agli attuali proprietari di hotel . Quindi prendono una commissione per i servizi che forniscono agli operatori alberghieri stessi. Quindi le operazioni subiranno quando le prenotazioni diminuiranno, ma la speranza è che i marchi vengano risparmiati da alcuni dei costi fissi che l’operatore ha.

Mentre i prossimi mesi saranno deboli, non credo che ci sarà un enorme calo della domanda se guardiamo fuori 6 – 12 mesi, a meno che non vi sia una recessione globale da questa pandemia. Questo è possibile, ma se gli affari tornano al solito vedremo riempire di nuovo gli hotel.

Penso che ora sia il momento di iniziare ad acquistare i marchi alberghieri scontati mentre le loro azioni sono scambiate per quasi la metà di quello che erano a loro – massimo settimana. Il settore alberghiero tornerà di nuovo alla fine, e quando lo fa questi titoli possono apparire come un rubare col senno di poi .

                                                                                                                                                                                                                 Travis Hoium non ha alcuna posizione in nessuno degli stock citati. Fool raccomanda Hyatt Hotels and Marriott International. Il Motley Fool ha una politica di divulgazione . “>                                                                                                                                                    

                                                                                               

                             

                     

Articolo originale di Fool.com