martedì 30 novembre 2021

L'intelligenza artificiale con deep learning aiuta Google a valutare i problemi di salute direttamente nella ricerca

Al suo evento di I / O più recente, Google ha annunciato ha un nuovo strumento di intelligenza artificiale di apprendimento profondo che può aiutare a rilevare, identificare e valutare problemi di salute, come le condizioni della pelle o tubercolosi (TB), in modo più efficiente. E puoi usarlo sul tuo smartphone.

Gli strumenti utilizzano la fotocamera del tuo dispositivo insieme alla tecnologia AI di Google. La tecnologia è progettata per aiutare gli utenti a diventare più istruiti sulla loro salute e per rimanere più informati e compiere passi istruiti e guidati verso un rimedio.

Lo strumento di assistenza dermatologica Lo strumento di assistenza dermatologica basato sull’intelligenza artificiale di Google ti semplifica per comprendere meglio i problemi comuni di pelle, unghie e capelli. Utilizza molte delle stesse tecniche utilizzate per rilevare la malattia oculare diabetica o il cancro ai polmoni nelle scansioni TC. E Google lo sta usando per aiutarti a ottenere risposte su, ad esempio, un’eruzione cutanea o macchie strane sulla tua pelle.

Google fornisce risposte per più di 10 milioni di problemi relativi a pelle, unghie e capelli ogni anno, il che dimostra che la maggior parte delle persone inizia a cercare risposte online prima di andare da un medico. Questo strumento, quindi, assume la forma di un’applicazione basata sul Web che verrà lanciata entro la fine dell’anno.

Una volta avviato, utilizzerai la fotocamera del tuo dispositivo per scattare tre foto dell’area in questione da tre diverse angolazioni. Da lì, risponderai a una breve serie di domande sul tuo tipo di pelle e per quanto tempo hai avuto il problema oi sintomi. Il modello AI di Google analizzerà tali informazioni e le eseguirà sul suo database di 288 condizioni, che gli consentiranno di richiamare un elenco di possibili condizioni di corrispondenza.

Per ogni condizione di corrispondenza restituita da Google, il lo strumento ti mostrerà informazioni riviste dal dermatologo insieme a domande frequenti e immagini corrispondenti simili. Da lì, puoi approfondire la tua ricerca o prendere la decisione di visitare un medico da solo. Lo strumento non è destinato a sostituire il medico, un esame di persona o un test; piuttosto, Google afferma “speriamo che ti dia accesso a informazioni autorevoli in modo che tu possa prendere una decisione più informata sul passaggio successivo”.

Utilizzo dello strumento per migliorare gli screening della tubercolosi Oltre al suo strumento di assistenza dermatologica, Google ha anche condiviso ricerche su come utilizza lo screening basato sull’intelligenza artificiale strumento per aiutare a “identificare potenziali pazienti affetti da tubercolosi per i test di follow-up”. Google contribuisce inoltre alla strategia ” The End TB Strategy ” dell’Organizzazione mondiale della sanità per aiutare a ridurre i casi di malattia.

Attualmente , La tubercolosi colpisce circa milioni di persone ogni anno e infetta in modo sproporzionato quelle in paesi a reddito medio. La diagnosi precoce è fondamentale, ma è ancora abbastanza difficile in quanto i suoi sintomi sono molto simili a quelli di altre comuni malattie respiratorie. E mentre lo screening economico (come i raggi X del torace) aiuta, gli esperti non sono sempre disponibili per interpretare i risultati. Lo strumento AI di Google può aiutare a cambiare questa situazione, risparmiando tempo e denaro lungo il percorso.

Il sistema di apprendimento profondo dell’azienda può identificare con successo e precisione i pazienti che molto probabilmente hanno la tubercolosi polmonare attiva da una radiografia. Lo strumento di screening verrà implementato all’interno del processo prima che venga ordinato un test diagnostico più costoso. Ciò può potenzialmente far risparmiare ai pazienti 80% del costo per caso TV positivo.

Lo strumento ha una percentuale di falsi negativi e falsi positivi simile a 14 radiologi, anche in pazienti con HIV (il che rende più difficile l’individuazione). Google ha anche testato lo strumento su dati non identificati di pazienti in cinque paesi, per aiutarlo a funzionare in modo più accurato per una più ampia varietà di razze ed etnie.

Per applicare questi risultati nel mondo reale, Google ha calibrato le soglie del sistema AI, che produce un numero compreso tra 0 e 1 come un indicatore di rischio di tubercolosi. La ricerca “suggerisce che qualsiasi clinica potrebbe partire da questa soglia predefinita e avere la certezza che il modello funzionerà in modo simile ai radiologi, rendendo più facile l’implementazione di questa tecnologia. Da lì, le cliniche possono regolare la soglia in base alle esigenze e alle risorse locali. ”

Con gli sforzi globali in corso, l’Organizzazione mondiale della sanità spera che questo, insieme agli screening precedenti, aiuti a ridurre il numero di casi futuri nel prossimo decennio.

Fonte: Google