giovedì 05 agosto 2021

Lo studio dimostra che la calotta glaciale della Groenlandia si scioglie in quantità record a causa dei cambiamenti climatici

A Ph.D. uno studente dell’Università di Washington osserva un flusso di acqua di fusione sul ghiacciaio glaciale, Groenlandia.

Getty Images

La calotta glaciale della Groenlandia ha registrato lo scorso anno lo scioglimento record causato dalle temperature più calde e da schemi di circolazione atmosferica più frequenti innescati dai cambiamenti climatici , Gli scienziati hanno confermato.

I risultati netti mostrano che i ricercatori potrebbero anche sottovalutare la fusione futura di circa la metà, poiché la maggior parte dei modelli che proiettano la futura perdita di ghiaccio non tengono conto degli impatti causati dal cambiamento dell’atmosfera modelli di circolazione, secondo lo studio condotto da Marco Tedesco, ricercatore presso l’Osservatorio della Terra Lamont-Doherty della Columbia University.

La calotta glaciale della Groenlandia ha registrato il più grande calo definitivo di “massa superficiale” – o quanta massa si perde a causa dello scioglimento rispetto alla massa guadagnata dalle nevicate – da quando è iniziata la registrazione , secondo lo studio pubblicato su The Cryosphere.

I ricercatori avvertono che il cambiamento climatico renderà il condizioni atmosferiche di pressione più comuni in Groenlandia, il principale contributo all’innalzamento del livello del mare a livello globale.

“Le simulazioni di impatti futuri stanno molto probabilmente sottostimando la perdita di massa dovuta ai cambiamenti climatici”, ha dichiarato Tedesco. “È quasi come perdere metà dello scioglimento.”

La Groenlandia ha perso circa 600 miliardi di tonnellate di acqua in 2019, contribuendo a un innalzamento del livello del mare di circa 1,5 millimetri.

La calotta glaciale della Groenlandia è la seconda più grande al mondo e copre 80% dell’isola. Se la calotta glaciale dovesse sciogliersi completamente, i livelli globali del mare potrebbero alzarsi di ben 23 piedi, sollevando serie preoccupazioni per le comunità costiere attraverso mondo.

I livelli del mare globale saliranno da 2 a 6 piedi di 2100 sulla traiettoria attuale, secondo i dati satellitari. Tuttavia, gli scienziati avvertono che le proiezioni sottostimano l’impatto del cambiamento climatico sull’innalzamento del livello del mare.

Un aumento del livello del mare potrebbe distruggere il valore delle proprietà nelle regioni costiere, spostare i residenti e infine avere un impatto sui mercati globali . I residenti costieri rappresentano 40% del totale della popolazione americana e 7,9 trilioni di dollari di prodotto interno lordo, secondo la National Oceanic and Atmospher Administration.

L’acqua è vista su una parte della calotta glaciale che copre circa 80 percento del paese sul ghiacciaio glaciale, Groenlandia.

Joe Raedle | Getty Images

Articolo originale di CNBC