domenica 25 ottobre 2020

Notizie petrolifere: L’OPEC sta tagliando la sua produzione nel tentativo di aumentare i prezzi del petrolio

                                                                 

La notizia ha fatto salire i prezzi del petrolio negli Stati Uniti verso $ 60 un barile, che è una grande notizia per questi quattro produttori a basso costo.

                            

                                                                                                                           

    

        

             

    

                                                                                                                                                                                                                                                         

I membri dell’OPEC, insieme a diversi alleati non membri, hanno concordato questa settimana di ridurre le loro forniture di petrolio di un ulteriore 500, botti al giorno (BPD) a partire da gennaio. Questo taglio è in cima a un limite di uscita di 1,2 milioni di BPD che il gruppo ha concordato nel mese di ottobre di 2018.

Questo è uno sviluppo positivo per il mercato petrolifero in quanto contribuirà a mantenere le forniture alla domanda o al di sotto della domanda, che è cresciuta a un ritmo più lento a causa della guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina. La riduzione della produzione dovrebbe aiutare a bruciare parte dell’eccesso di petrolio che si è accumulato nelle scorte a causa della rapida crescita della produzione negli Stati Uniti In quanto tale, potrebbe fornire un ulteriore impulso ai prezzi del greggio, che hanno già registrato un aumento di circa 7 % questa settimana.

Fonte immagine: Getty Images.

Cosa significano queste notizie per il mercato petrolifero

I prezzi del greggio negli Stati Uniti sono tornati indietro questa settimana in previsione che l’OPEC potesse ridurre ulteriormente la sua produzione. Il WTI, il benchmark petrolifero statunitense, è ora tornato indietro di $ 59 un barile, che è il suo livello più alto da quando è spuntato a settembre in seguito a un attacco di drone su un impianto petrolifero dell’Arabia Saudita .

Il petrolio potrebbe dover continuare a funzionare ora che l’OPEC ha reso ufficiali i suoi piani. Il taglio dell’offerta dovrebbe far scendere i livelli globali di stoccaggio del petrolio, il che di solito aumenta i prezzi. Naturalmente, ciò presuppone che la domanda continui a crescere come previsto e che le forniture dall’esterno del consorzio OPEC non crescano più rapidamente del previsto .

C’è un motivo per essere ottimisti in entrambi i casi. Secondo quanto riferito, gli Stati Uniti e la Cina sono vicini alla risoluzione della disputa commerciale, che sarebbe uno sviluppo positivo per l’economia globale e la domanda di petrolio. Nel frattempo, la maggior parte delle compagnie petrolifere negli Stati Uniti prevede di ridurre la spesa per la perforazione di nuovi pozzi l’anno prossimo a causa di tutta la volatilità del mercato petrolifero. A causa di questi fattori, i prezzi del petrolio potrebbero spostarsi in $ 60 s nei prossimi mesi, che sarebbe una grande notizia per i produttori di petrolio.

Fonte immagine: Getty Images.

Raccogliere notizie dell’OPEC

Se i prezzi del petrolio risalgono a $ 60 s, andrà a beneficio dell’intero settore poiché le compagnie petrolifere produrrebbero più flusso di cassa. Tra i maggiori beneficiari vi sarebbero quelli con i costi più bassi poiché genererebbero più denaro.

Produttore di petrolio statunitense Devon Energy ( NYSE: DVN ) , ad esempio, necessita solo di petrolio per una media di $ 48 l’anno prossimo per sostenere i suoi piani di spesa. A quel punto di prezzo, può pagare il suo dividendo e finanziare il suo piano di spesa in conto capitale, perforando abbastanza nuovi pozzi per far crescere la sua produzione di petrolio dal 7% al 9%. Di conseguenza, genererà una crescente offerta di liquidità in eccesso se il petrolio è al di sopra di quel livello. Se la media del greggio è di circa $ 55, Devon Energy potrebbe produrre $ 84 milioni in contanti in eccesso. In prospettiva, se usasse quel denaro per riacquistare azioni, potrebbe ritirare l’8,8% delle azioni in circolazione al prezzo attuale.

Diamondback Energy ( NASDAQ: FANG ) , allo stesso modo, può produrre una raffica di flusso di cassa libero l’anno prossimo se il petrolio è in $ 60S. L’attuale piano aziendale della compagnia vedrebbe generare abbastanza denaro a $ 45 un barile per pagare il suo dividendo e finanziare i nuovi pozzi necessari per far crescere la sua produzione di petrolio di 10% per 15% anno dopo anno. Nel frattempo, a $ 48 un barile, può produrre $ 675 milioni di denaro gratuito pre-dividendo successivo anno. È abbastanza denaro per ritirare il 5% delle sue azioni in circolazione al prezzo corrente tramite il suo programma di riacquisto.

Diversi altri trapani sono anche impostati per generare un sacco di denaro gratuito se i prezzi del greggio sono superiori a $ 50 un barile l’anno prossimo. Both Marathon Oil ( NYSE: MRO ) e ConocoPhillips ( NYSE: COP ) stanno usando quel livello di prezzo del petrolio per il loro 2020 budget. Entrambi possono pagare i loro dividendi attuali e finanziare i loro programmi di capitale a quel prezzo. Pertanto, sono sulla buona strada per generare significativi contanti gratuiti se il petrolio è in $ 60 che torneranno agli azionisti tramite i loro programmi di riacquisto di azioni. ConocoPhillips ha già detto che il prossimo anno spenderà $ 3 miliardi in riacquisti, usando i suoi l’equilibrio, se necessario . Nel frattempo, Marathon ha recentemente aumentato la sua autorizzazione al riacquisto in modo che ora abbia $ 1. 45 miliardi disponibili.

Mettere a proprio agio il mercato petrolifero

I prezzi del greggio sono rimbalzati durante tutto l’anno a causa di opinioni contrastanti su domanda e offerta. L’OPEC, tuttavia, mira a ridurre i problemi di approvvigionamento limitando ulteriormente la sua produzione. Ciò dovrebbe aiutare a sostenere il prezzo del greggio nei prossimi mesi, il che sarebbe un vantaggio per i produttori di petrolio degli Stati Uniti a basso costo. Ciò potrebbe contribuire ad aumentare i loro prezzi delle azioni, soprattutto perché la maggior parte prevede di utilizzare i soldi per riacquistare grossi pezzi delle loro azioni in circolazione.

                                                                                                                                                                                                                 Matthew DiLallo possiede azioni di ConocoPhillips. Il Motley Fool non ha alcuna posizione in nessuno degli stock citati. Il Motley Fool ha un politica di divulgazione . “>                                                                                                                                                                                                                                      

Articolo originale di Fool.com