venerdì 27 novembre 2020

Notizie settimanali su cannabis: Aurora Cannabis e Tilray affettano le loro forze di lavoro

                                                                 

In una settimana contrassegnata dalle uscite dei dipendenti, anche un CEO ha salutato.

                            

                                                                                                                           

    

        

             

    

                                                                                                                                                                                                                                                         

La scorsa settimana nel settore della marijuana, le notizie sono state dominate dal fattore umano. Diverse delle aziende di più alto profilo del settore hanno annunciato importanti allontanamenti del personale, sollevando domande sullo stato del loro morale e persino sulla loro redditività a lungo termine.

Non tutti gli eventi della scorsa settimana nel settore hanno avuto a che fare con le sottrazioni. Un’acquisizione a lunga germinazione alla fine si è chiusa, dando a una nota azienda di cannabis un nuovo importante asset.

Fonte immagine: Getty Images.

Licenziamenti di Tilray e il CEO di Aurora esce

Anche se non è interamente colpa loro – possiamo anche incolpare fattori come l’incompetenza burocratica e l’elevata tassazione – le compagnie di cannabis sono state in gran parte perdenti di denaro per un bel po ‘di tempo. E mentre hanno fatto del loro meglio per assicurarsi nuovi fondi, poche aziende possono rimanere intatte mentre sono costantemente in rosso, quindi diversi abbattimenti nel settore della marijuana che sono stati formalmente annunciati solo la scorsa settimana.

Tilray ( NASDAQ: TLRY ) e Aurora Cannabis ( NYSE: ACB ) entrambi hanno annunciato una serie di tagli di lavoro. Tilray lascia andare in giro 10% della sua forza lavoro globale , circa 140 persone. Apparentemente questo fa parte di un più ampio sforzo di ristrutturazione, ma al momento i dettagli sono scarsi.

È essenzialmente lo stesso per Aurora, che almeno ha fornito ulteriori informazioni sul proprio programma. Come parte di un insieme di quelli che definisce accuratamente “cambiamenti radicali” nella sua attività, la società ha pubblicato quasi 500 “personale equivalente a tempo pieno”. Altre misure includono svalutazioni e svalutazioni del considerevole avviamento della società.

Inoltre, il CEO di Aurora Terry Booth si è dimesso, per essere sostituito a titolo provvisorio dal presidente esecutivo Michael Singer. Lo stand sarà ancora in qualche modo influente, essendo stato nominato senior advisor strategico per l’azienda. Continuerà anche ad occupare il suo posto nel consiglio di amministrazione.

Tagli di lavoro nella marijuana lo spazio non è una novità, ovviamente. Ne abbiamo già visti in giro. Ma due notizie sull’argomento da una coppia di aziende di nome entro una settimana sono una chiara illustrazione delle lotte di questo business e un promemoria del costo umano di tali difficoltà.

L’acquisizione Select di Curaleaf si chiude finalmente

No, non è la tua immaginazione – gli affari nel settore della cannabis impiegano davvero molto tempo a chiudere. Allegato A: Curaleaf di ( OTC: CURLF ) acquisizione di Cura Partners, proprietario del marchio Select, è stato finalizzato la scorsa settimana. Ciò è durato oltre nove mesi da quando è stato annunciato per la prima volta l’acquisizione piuttosto semplice di Curaleaf.

Indipendentemente dalla velocità, Cura Partners / Select è un’acquisizione tipicamente costosa nel mondo della marijuana. Anche dopo che Curaleaf ha modificato i termini dell’accordo (e considerando che è stato pagato in azioni anziché in contanti preziosi), la società sta ancora pagando un bel soldo per il suo nuovo asset.

Pony up 11 milioni di azioni di voto subordinate come pagamento anticipato, con un’altra 40 più di un milione se non si incontrano determinati incentivi. Il passaggio di consegne stock della fase uno è stato valutato a quasi $ 286 milioni al momento di detta modifica; nel frattempo, le entrate totali della società hanno appena superato $ 60 milioni nel suo trimestre riportato più di recente.

Detto questo, Cura Partners / Select è una delle risorse migliori per essere raccolto da un ambizioso compagnia di cannabis . Cura Partners ha prenotato quasi $ 55 milioni di vendite in 500 , dandogli un tasso di crescita di due anni superiore a 1, 000%. E il marchio Select è un marchio altamente visibile e chiaramente popolare sul mercato.

Sì, il business delle pentole sta crescendo rapidamente, ma anche considerando questo, la crescita di Cura Partners è impressionante – soprattutto date le molte sfide del mercato legale della marijuana negli Stati Uniti nativi Il marchio Select ha ovviamente ha trovato la sua nicchia tra i cognoscenti americani. Vedremo presto se Curaleaf può mantenere almeno parte di questo slancio.

                                                                                                                                                                                                                 Eric Volkman non ha alcuna posizione in nessuno degli stock citati. Il Motley Fool non ha alcuna posizione in nessuno degli stock citati. Il Motley Fool ha un politica di divulgazione . “>                                                                                                                                                                                                                                      

Articolo originale di Fool.com