mercoledì 14 aprile 2021

Notizie settimanali su Cannabis: Michigan si unisce al Pot Recreational Pot Party

                                                                 

Lo stato diventa l’ultimo a lanciare vendite di cannabis ricreative, ma c’è un problema.

                                                                                                                                                                      

                                                                                                                                                                                                                                                                            

Le scorte di marijuana non hanno avuto successo asset class in 2019, per dirla delicatamente. Mentre la maggior parte di loro ha navigato durante la scorsa settimana, scambiando piatto o solo leggermente in ribasso, nel corso dell’anno hanno generalmente visto un considerevole deterioramento dei loro valori. Le debolezze strutturali in tutto il settore, mescolate a una varietà di altri fattori, tra cui problemi specifici dell’azienda, sono stati in gran parte il colpevole.

Eppure alcuni ostacoli al successo del mercato della cannabis stanno scomparendo, anche se solo gradualmente. Uno di quei domino è stato rovesciato la scorsa settimana, il principale sviluppo dell’industria della cannabis in un periodo di cinque giorni che è stato generalmente leggero sulle notizie nel settore delle pentole. Entriamo in esso.

Fonte immagine: Getty Images.

Il Michigan li ha e li sta fumando

Far scorrere un altro nella colonna di cannabis ricreativa legalizzata. Il 1 ° dicembre, il Michigan è diventato l’ultimo stato a consentire la vendita di marijuana ricreativa, oltre un anno dopo che i suoi cittadini hanno votato a favore in un referendum pubblico. È il primo stato del Midwest a dare il via libera a questa forma di vendita e consumo.

Questa è ovviamente una buona notizia per la più ampia industria della cannabis, poiché una recente stima ritiene che il mercato delle erbacce casuali del Michigan valga ovunque Da 1,4 a 1,7 miliardi di dollari di fatturato annuo entro pochi anni.

Ma non consideriamo ancora una grande vittoria.

Secondo i resoconti dei media, un totale di tre dispensari di proprietà privata erano aperti al pubblico il giorno del lancio. Tutti si trovano nella città di Ann Arbor, quindi i fan del verde in luoghi come Detroit, Lansing e Kalamazoo sono sfortunati. A meno che, ovviamente, non dispongano di un lungo tragitto giornaliero per acquistare erba, o sono felici di continuare ad acquistare il prodotto illegalmente.

Vi è una domanda ovvia e chiara per la cannabis ricreativa nel Michigan. Marijuana Business Daily cita il proprietario di uno dei i negozi, Marchi esclusivi, come ha affermato che il suo negozio è servito 900 clienti solo il primo giorno. Around 250 altre persone in attesa di servizio ha dovuto essere respinto (anche se tutti i buoni ricevuti hanno permesso loro di avanzare in prima linea il giorno seguente).

Con questo inizio molto piccolo, nonostante l’evidente fame dei consumatori, potrebbe volerci del tempo prima che il mercato del Michigan abbia alcun impatto sulle società di cannabis quotate in borsa. Quel valore di oltre 1,4 miliardi di dollari in vendite sembra molto distante.

Ma questo è quasi un punto: la marijuana continua a fare passi da gigante verso la legittimazione e ci sono tutte le ragioni per pensare che lo slancio continuerà. Nel frattempo, il mercato ricreativo n. 2 del Midwest, Illinois, entrerà in funzione il giorno di Capodanno. Una volta che ciò si verifica, il conteggio degli stati che consentono le vendite ricreative raggiungerà 11.

medicina irlandese Aurora Cannabis

Sebbene i progressi nel settore ricreativo siano ben accetti, la cannabis terapeutica rimane un prodotto con un margine più elevato. Questo è il motivo per cui molte aziende di marijuana dedicano capitali e risorse allo sviluppo.

Uno che lo sta facendo è Aurora Cannabis ( NYSE: ACB ) , che ha annunciato la scorsa settimana che ha ottenuto una licenza cruciale per vendere tali articoli in Irlanda. Il paese ha recentemente reso legale la cannabis medica, in un certo senso – la sta liberalizzando in un programma pilota di cinque anni che ha restrizioni significative. Uno di questi è che ai pazienti può essere prescritta l’erba medica solo se soffrono di una delle tre condizioni.

Aurora ha dichiarato che la licenza copre il suo prodotto High Oil CBD Oil Drops. Questa è la seconda licenza rilasciata per la fornitura di marijuana medica in Irlanda.

Questo in realtà non sposta l’ago in nessuna direzione del calcio di Aurora. Tuttavia indica che la speranza dell’azienda di essere un fornitore globale di erbe medicinali ha delle basi nella realtà. Se l’esperimento irlandese avrà successo durante quel volo di prova di cinque anni, forse sarà seguito da una liberalizzazione relativamente rapida di altri segmenti europei di cannabis terapeutica e persino ricreativa, che giocherebbe ulteriormente alle ambizioni internazionali di Aurora.

Un affare salutare per Aleafia Health

Finalmente, la scorsa settimana Aleafia Health ( OTC: ALEAF ) ha annunciato di aver siglato un nuovo contratto di fornitura in white label con un “produttore canadese con licenza”.

Aleafia fornirà a questa entità 2, 840 chili di fiori di cannabis in un massimo di tre spedizioni, che devono essere completate entro la fine di gennaio 2020. Ad un prezzo per grammo di 2. 15 Dollari canadesi ($ 1. 57), l’affare porterà a entrate lorde di CA $ 7,1 milioni ($ 5,4 milioni). La controparte di Aleafia schiaffeggerà il proprio marchio sul prodotto.

No, quella cifra in dollari non è immensa. Se diamo un’occhiata alle linee di reddito dei principali stock di marijuana, vediamo numeri molto più alti. Aurora, ad esempio, ha introdotto CA $ 75 milioni ($ 57 milioni) in entrate nette nell’ultimo trimestre segnalato. Tuttavia, la linea superiore trimestrale più recente di Aleafia è stata di $ 5,3 milioni ($ 4,0 milioni), quindi quest’ultima disposizione è più redditizia di quella.

Aleafia ha realizzato il suo primo utile netto nel trimestre. Quindi, se riesce a legare anche solo pochi altri clienti in white label, ha una possibilità di rimanere nel nero. Forse può anche iniziare a generare una serie di profitti. Ciò lo distinguerebbe dal resto del pacchetto di cannabis commercializzato pubblicamente, che ha registrato spesso e abitualmente perdite. Aleafia, quindi, vale la pena tenere d’occhio gli investitori interessati alle azioni di marijuana.

                                                                                                                                                                                                                 Eric Volkman non ha alcuna posizione in nessuno degli stock citati. non ha alcuna posizione in nessuno degli stock citati. Il Motley Fool ha una politica di divulgazione . “>                                                                                                                                                                                                                                      
Articolo originale di Fool.com