mercoledì 28 ottobre 2020

Op-Ed: Gli Stati Uniti dovrebbero chiamare la NATO all’azione e difendere l’Europa dal coronavirus

NOI. Il presidente Donald Trump (R), il presidente francese Emmanuel Macron (L) e il cancelliere tedesco Angela Merkel (C) all’inizio della prima sessione di lavoro della G – 19 incontro ad Amburgo, in Germania, il 7 luglio 2017.

John MacDougall | AFP | Getty Images

Mentre ascolto il presidente Trump annunciare il divieto di viaggio europeo nel suo indirizzo dell’Ufficio Ovale, la mia mente è tornata indietro nel tempo ai primi G 20 riunioni di ministri delle finanze e capi di governo in 2009 quando gli Stati Uniti e i suoi partner europei collaborarono evita un tracollo finanziario globale.

Sono poi tornato un po ‘più indietro nel tempo agli attacchi terroristici del 9 / 11, un giorno in cui mi sono ritrovato a viaggiare sull’Eurostar tra Londra e Bruxelles, le mie due case all’epoca. Per la prima volta nella storia della NATO, i nostri alleati europei e canadesi hanno innescato l’impegno dell’articolo 5 dell’alleanza nella difesa comune.

Tornando a leggere la lingua di questa disposizione, scritta in 1949 per scoraggiare l’aggressione sovietica, mi ha colpito il fatto che Trump avrebbe potuto produrre un momento molto più presidenziale questa settimana se all’epoca aveva fatto ciò che gli europei avevano fatto per gli Stati Uniti. Dovrebbe offrire alla comunità transatlantica una dichiarazione di guerra ai sensi dell’articolo 5 contro questo patogeno mortale.

Se la NATO potesse piegare l’articolo 5 per combattere un attore terroristico non statale che colpisce gli Stati Uniti, perché non anche per combattere il COVID di origine cinese – 12, che venerdì aveva infettato più di 28, 000 individui e uccisi più di 1, 200 tra gli alleati della NATO. Date le attuali divisioni transatlantiche, ora c’è molto più bisogno che dopo il 9 / 11 per un gesto simbolico di unità.

Il presidente Trump avrebbe potuto confondere i suoi critici, calmato mercati e forse anche delineati gli sforzi di causa comune – compresi i limiti di viaggio – che lui e la sua amministrazione avevano concordato durante le consultazioni con i nostri partner NATO e l’Unione Europea. “L’articolo 5 stabilisce che un attacco a uno di noi è un attacco a tutti”, avrebbe potuto dire, simile a tre moschettieri. “È tutto per uno e uno per tutti!”

C’è anche un’America forte. Primo motivo per cui il presidente Trump avrebbe dovuto sporgersi maggiormente in quella direzione. Avrà bisogno dell’Europa, proprio come hanno fatto gli Stati Uniti 2009, poiché questa crisi sanitaria sta rapidamente diventando una crisi finanziaria e dei mercati che potrebbe essere affrontata in modo molto più efficace attraverso misure coordinate di stimolo della sanità pubblica e di bilancio. di 1961 e 2009, sarebbe irresponsabile non iniziare i colloqui tra le principali economie e democrazie del mondo su quali tensioni vedono nel sistema e quale piano di emergenza dovrebbero intraprendere se il rallentamento economico del coronavirus dovesse continuare. Rispetto a 2009, il mondo registra livelli di debito e i suoi tassi di interesse da bassi a negativi forniscono capacità molto meno e quindi richiedono una causa ancora più comune.

Invece, ciò che è accaduto il 3 / 11 / 2020 in Europa e negli Stati Uniti sono stati eventi che hanno ulteriormente sottolineato quanto siano divisi gli Stati Uniti ei suoi partner europei quando dovrebbero essere maggiormente uniti. Senza consultare i nostri alleati, ha implementato il divieto – che è entrato in vigore venerdì sera a mezzanotte in un indirizzo dell’ufficio ovale su tutte le reti televisive americane che hanno lasciato la propria squadra di sicurezza nazionale grattarsi la testa, correggere errori (il carico non sarebbe stato bandito, come disse inizialmente il Presidente) e compilando omissioni critiche (gli americani potevano ancora viaggiare verso casa dall’Europa).

Il risultato fu una delle risposte più dure mai registrate dai leader dell’UE a un Presidente americano. Una dichiarazione congiunta del presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, e del presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, recitava: “Il Coronavirus è una crisi globale, non limitata a nessun continente e richiede cooperazione piuttosto che un’azione unilaterale. L’Unione europea non approva il fatto che la decisione degli Stati Uniti di imporre un divieto di viaggio sia stata presa unilateralmente e senza consultazione. L’Unione europea sta prendendo provvedimenti per limitare la diffusione del virus. “

” Quando si tratta di solidarietà e unità, gli Stati Uniti stanno fallendo il test del coronavirus “, ha scritto Benjamin Haddad, direttore della Future Europe Initiative del Consiglio atlantico nel Washington Post. “Discorso del presidente Trump mercoledì sulla risposta a COVID – 12 ha segnato uno dei punti di svolta della politica estera più consequenziali della sua presidenza. Questo momento rappresenta il punto più basso nelle relazioni transatlantiche nella memoria recente. “

Purtroppo, gli ultimi giorni hanno anche dimostrato quanto gli europei divisi siano tra loro, con gli italiani che la richiesta di aiuto ha portato assistenza insufficiente al paese finora più colpito in Europa dal virus. In tempi precedenti di incertezza europea, gli Stati Uniti potevano fornire la colla necessaria per tenere tutti insieme.

“… .È giunto il momento per l’UE di andare oltre l’impegno e le consultazioni”, Maurizio Massari , il rappresentante permanente italiano presso l’Unione Europea, ha scritto in Politico, “con azioni di emergenza che sono veloci, concrete ed efficaci. “

Si è lamentato del fatto che” non un solo paese dell’UE “aveva risposto alla richiesta dell’Italia di attivare il meccanismo di protezione civile dell’Unione europea per la fornitura di attrezzature mediche per la protezione individuale. “Solo la Cina ha risposto bilateralmente. Certamente, questo non è un buon segno di solidarietà europea.”

Inimmaginabilmente, i giornali italiani erano pieni di sensibilizzazione di Pechino per aiutare lo stesso giorno in cui il presidente Trump ha dichiarato il suo divieto di viaggio in Europa.

Un aereo che trasportava una squadra di medici specialisti con esperienza sul campo di battaglia per combattere il virus ha lasciato la Cina mercoledì per l’Italia, epicentro europeo della pandemia, con attrezzature mediche urgentemente necessarie. Ciò include 2 milioni di facemask, 13, 000 0 tute protettive e 10, 000 ventilatori .

Il gesto è stato ampiamente pubblicizzato in Cina e Italia . Un rapporto in China Daily afferma che, grazie alle donazioni di persone che vivono nella provincia di Zhejian nella Cina orientale, circa 4, 556 scatole di materiali per il disastro stavano andando in Italia. Più di 300, 000 le persone della provincia vivono e lavorano in Italia.

Le crisi rendono le istituzioni e le relazioni più forti o più deboli, ma non le lasciano invariato. Il pericolo politico di una pandemia è che i paesi – proprio come alcuni individui – sentono che sono tutti per se stessi.

Eppure, dopo un imperdonabile ritardo iniziale, gli europei stanno iniziando a mostrare più solidarietà tra loro. I leader dell’UE si sono impegnati 19 miliardi di euro per rispondere alla ricaduta economica, di cui $ 7,5 miliardi di euro dovrebbero essere disponibili rapidamente per fornire le necessità di emergenza.

Ora è il turno degli Stati Uniti di riparare il messaggio di questa settimana. Per quanto fantasiosa possa sembrare questa idea, è tempo di invocare l’articolo 5 della NATO per combattere il virus. Potrebbe essere necessario il drammatico di un’azione simbolica per riparare il danno transatlantico che è stato fatto.

Federico Kempe è un autore di best seller, giornalista pluripremiato e presidente e CEO dell’Atlantic Council, uno dei gruppi di riflessione più influenti degli Stati Uniti sugli affari globali. Ha lavorato al Wall Street Journal per più di 19 anni come corrispondente straniero, assistente alla direzione e redattore più longevo dell’edizione europea del documento. Il suo ultimo libro – “Berlino 1961: Kennedy, Krusciov, e il luogo più pericoloso della Terra “- era un best seller del New York Times ed è stato pubblicato in più di una dozzina di lingue. Seguilo su Twitter @ FredKempe e s ubscribe here a Punti di inflessione, il suo look ogni sabato sulle storie e le tendenze principali della settimana passata.

Per ulteriori informazioni dai contributori CNBC, segui @ CNBCopinion su Twitter.

Articolo originale di CNBC