Entra in contatto con noi

Mercati americani

Oxfam chiede una tassa straordinaria per le grandi aziende alimentari

Pubblicato

il

Per notizie commerciali ed economiche più nitide e approfondite, iscriviti a Il vantaggio quotidiano notiziario. È completamente gratuito e ti garantiamo che imparerai qualcosa di nuovo ogni giorno.

Spostati sui giganti dell’energia. Big Food affronta un contraccolpo simile a quello di un’industria che sta realizzando un buon profitto in mezzo a una pletora di crisi del costo della vita in tutto il mondo.

Delos Gioielli
Delos Gioielli

L’ente di beneficenza contro la povertà Oxfam ha pubblicato lunedì un rapporto che chiede ai governi di imporre tasse straordinarie alle grandi aziende alimentari. “Compagnie alimentari ed energetiche molto grandi stanno realizzando profitti eccessivi”, ha detto il direttore esecutivo di Oxfam International Gabriela Bucher AP. La vergogna per l’avidità è stata programmata per coincidere con l’inizio del World Economic Forum a Davos, quindi i più ricchi del mondo potrebbero sentirsi un po’ più in colpa, o almeno timidi, mentre fanno uno spuntino con i vol-au-vent.

Uova cattive

L’aumento del costo dei generi alimentari si è insinuato nella coscienza pubblica, ed è arrivato al culmine alla fine della scorsa settimana, quando il più grande produttore di uova d’America, Cal-Maine, ha registrato un profitto trimestrale record di $ 198 milioni. Le uova sono state sottoposte a una particolare pressione inflazionistica in tutto il mondo a causa di attacchi di influenza aviaria, salendo di un enorme 59,9% su base annua a dicembre, segnando i maggiori aumenti di prezzo negli Stati Uniti di qualsiasi prodotto da supermercato secondo i dati del Bureau of Labor Statistics. Vale la pena notare, tuttavia, come un il senatore infuriato Bernie Sanders ha sottolineato domenica che Cal-Maine non ha avuto casi di influenza aviaria.

I fornitori di uova sono tutt’altro che le uniche aziende alimentari a vedere aumentare i propri profitti dopo aver trasferito i costi in aumento sui consumatori:

Advertisement
  • Sebbene l’inflazione complessiva abbia mostrato segni di rallentamento il mese scorso, i prezzi dei generi alimentari sono rimasti elevati. I prodotti di base della cucina, tra cui burro, farina e latte, hanno visto i loro prezzi aumentare del 27%. 24,9% e 14,7%.
  • Da alcuni mesi i grandi marchi passano consapevolmente il testimone dell’inflazione ai consumatori, consapevoli che i consumatori sono disposti a sborsare. PepsiCo ha riportato un aumento del 16% delle entrate su base annua per il terzo trimestre dell’anno scorso dopo aver aumentato i prezzi, e il CEO Ramon Laguarta ha detto agli investitori: “La verità è che i nostri marchi… vengono spinti a prezzi più alti e i consumatori ci stanno seguendo”.

Bollili, schiacciali, incollali sul tuo portafoglio: Un alimento particolarmente amidaceo e banale si è rivelato essere un pezzo forte per la società di investimenti statunitense Tiger Global l’anno scorso, secondo un Financial Times rapporto. Tiger ha investito nel produttore di patate Lamb Weston, le cui azioni sono aumentate di un buon 37% da quando Tiger ha dichiarato il suo investimento. Purtroppo gli altri investimenti meno fruttuosi di Tiger superano la sua partecipazione in Lamb Weston, rendendola una piccola patata.

Advertisement

Trending