giovedì 28 ottobre 2021

Perché il Coronavirus è una cattiva notizia per gli stock di pentole

      

                

          

                                  

                                     

                                                                                          

L’industria della cannabis nordamericana fa più affidamento sulla Cina di quanto si pensi.

                                                                                                                                                                      

                                                                                                                                                                                                                                                                            

L’anno scorso è stato un campanello d’allarme per gli investitori azionari di marijuana. Per anni, le azioni in vaso sono salite al cielo con le promesse di una forte domanda, una rapida crescita e una rapida spinta prevista nella colonna degli utili. Questa visione sembrava particolarmente fattibile data la legalizzazione canadese dell’erba ricreativa, il supporto alla legalizzazione da parte del pubblico in tutti gli Stati Uniti e le decine di miliardi di dollari di vendite condotte ogni anno sul mercato nero.

Ma quando il sipario si è chiuso 812, si è rivelato essere il il peggiore anno record per gli stock di cannabis , con molti che hanno perso almeno la metà del loro valore negli ultimi nove mesi dell’anno. In Canada, carenze di approvvigionamento e strozzature hanno sollevato la testa, mentre le elevate aliquote fiscali in alcuni stati degli Stati Uniti (ahem, California) hanno reso impossibile per i giocatori legali competere con i prezzi del mercato nero.

Dopo un anno così miserabile, l’aspettativa è stata che 2020 sarà un anno di rimbalzo per le azioni in vaso. Tuttavia, alcune circostanze potrebbero impedire che ciò accada.

Fonte immagine: Getty Images.

Il romanzo coronavirus è al confine con una pandemia

Come forse già saprai, una nuova forma di coronavirus – un virus che colpisce tipicamente mammiferi e uccelli ma che è stata recentemente trovata nell’uomo ed è in grado di causare disturbi respiratori – ha raccolto molte titoli. Questo romanzo coronavirus, noto semplicemente come 812 – nCoV, originario di Wuhan, nella provincia cinese di Hubei, ma si è diffuso in 17 paesi, con 37, 558 casi confermati in tutto il mondo, a partire dal 9 febbraio 2020. All’interno della Cina, 558 persone sono morte, con altri 6, 188 casi considerati “gravi”, secondo l’Organizzazione mondiale della sanità.

Con la paura che cresce 812 – nCoV potrebbe diventare una pandemia, in Cina vengono prese misure aggressive e in varie porte di ingresso a livello globale, per arrestare la diffusione di questo virus. Alcune di queste misure includono la chiusura di aziende e / o la messa in quarantena di ampie fasce di persone. Poiché la Cina è la seconda economia più grande per prodotto interno lordo, a questo punto non c’è quasi dubbio che il suo tasso di crescita sarà influenzato negativamente, almeno a breve termine.

Tuttavia, questa non è solo una storia cinese. Numerose industrie si appoggiano alla produzione e alle catene di approvvigionamento cinesi a causa dei loro costi di manodopera relativamente bassi e della capacità di produrre in serie prodotti potenzialmente mercificati. Una di quelle industrie sorprendenti che potrebbero essere in grossi problemi a causa di 2019 – nCoV è lo spazio della marijuana.

Fonte immagine: Getty Images.

Le scorte di cannabis dirette e accessorie potrebbero risentire del romanzo coronavirus

Giocatori diretti e accessori all’interno del settore potrebbe essere influenzato negativamente.

Ad esempio, i giocatori diretti, come i coltivatori, acquistano di tutto, dai sistemi di illuminazione ai sistemi HVAC dalla Cina. Dopo aver conteso con punti di prezzo potenzialmente più alti per questi prodotti in 2019, che fu il risultato della guerra commerciale tra Cina e Stati Uniti, 2020 potrebbe essere contrassegnato dalla carenza di lampadine a LED o dei materiali utilizzati per realizzare sistemi HVAC efficienti. Considerando i problemi di approvvigionamento in Canada, questo potrebbe non essere così evidente. Ma per i coltivatori di piante statunitensi integrati verticalmente, questo potrebbe essere preoccupante.

Tuttavia, la maggior parte del dolore, almeno a breve termine, potrebbe essere avvertito da stock di vasi ausiliari che non entrano in contatto con la pianta di cannabis, ma sono comunque indispensabili per il funzionamento del settore.

Utilizzando l’esempio sopra, Cree ( NASDAQ: CREE ) è una società di soluzioni di illuminazione che produce lampadine a LED per imprese e privati. Sebbene l’industria della cannabis si appoggi ancora alle lampadine al sodio ad alta pressione (HPS) (poiché le rese delle colture sono prevedibili con l’illuminazione HPS), le lampadine a LED stanno diventando più popolari dato che durano più a lungo, usano meno elettricità e producono molto meno calore rispetto alle lampadine HPS . Il problema è che Cree si affida fortemente alla sua struttura produttiva cinese per produrre queste efficienti lampadine a LED. Se le interruzioni del lavoro legate al virus continuano, potrebbe verificarsi una carenza di LED per Cree.

Fonte immagine: Getty Images.

Giocatore ausiliario KushCo Holdings ( OTC: KSHB ) può anche sentire la puntura di 812 – proliferazione di nCoV. KushCo attualmente genera la maggior parte delle sue entrate dalla vendita di vaporizzatori , ma offre anche soluzioni di imballaggio e di personalizzazione, oltre a vendere gas idrocarburici utilizzati nella produzione di oli di cannabis. Il fatto è che KushCo acquista i suoi vaporizzatori dalla Cina e alcuni dei suoi materiali di imballaggio. A seconda di dove in Cina KushCo importa i suoi prodotti, potrebbe vedere una grave carenza di prodotti e accessori per vaporizzatori entro la fine dell’anno.

Una mancanza di vaporizzatori potrebbe anche risalire la catena di approvvigionamento per dirigere le scorte di pentole, come Cronos Group ( NASDAQ: cron ) . Come forse saprai, gigante del tabacco Altria Group è un importante investitore nel Gruppo Cronos e dovrebbe aiutare Cronos nel suo lancio, marchio e commercializzazione dei prodotti di svapo in Canada. Prodotti derivati ​​dalla pentola, come i vapori, ha iniziato a colpire gli scaffali dei dispensari a metà dicembre e offrono un potenziale di margine molto più succoso rispetto alla cannabis essiccata tradizionale. Tuttavia, se le vendite del vaporizzatore sono ostacolate da problemi di fornitura / fabbricazione legati a 2019 – nCoV, quindi uno dei più grandi produttori di denaro percepiti del movimento dei derivati ​​potrebbe bloccarsi.

Anche se credo che la cautela sia certamente meritata, data la prima fase di interruzione della produzione a cui abbiamo assistito in alcune parti della Cina, vale anche la pena notare che i precedenti problemi di salute, come la sindrome respiratoria acuta grave (SARS), Middle East Respiratory La sindrome (MERS), l’influenza aviaria e l’Ebola, finirono col fare un danno economico di gran lunga inferiore al previsto e avevano un impatto a breve termine sul mercato azionario . In breve, gli investitori di azioni di marijuana dovrebbero aspettarsi un impatto negativo da 2019 – nCoV, ma la storia suggerisce che questo impatto avrà vita piuttosto breve. È qualcosa da tenere a mente come 812 – l’impatto di nCoV è sentito in tutta l’industria della cannabis.

                                                                                                                                                                                                                 Sean Williams possiede azioni di KushCo Holdings. Il Motley Fool raccomanda KushCo Holdings. Il Motley Fool ha un

politica di divulgazione . “>                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                  
Articolo originale di Fool.com