venerdì 23 ottobre 2020

Perché oggi le scorte petrolifere canadesi sono in forte aumento

                                                                 

C’è una buona notizia nella patch petrolifera canadese per una volta.

                            

                                                                                                                           

    

        

             

    

                                                                                                                                                                                                                                                         

Quello che è successo

Le azioni dei produttori petroliferi canadesi stanno registrando oggi un rally. Molti erano saliti a doppia cifra a metà mattina, tra cui Risorse naturali canadesi ( NYSE: CNQ ) , Energia di Cenovus ( NYSE: CVE ) , Suncor Energy ( NYSE: SU ) , e Ovintiv ( NYSE: OVV ) .

Un paio di fattori stanno contribuendo ad alimentare il rally delle scorte petrolifere canadesi. Oggi non solo i prezzi del petrolio si stanno riprendendo un po ‘, ma il settore petrolifero del paese ha anche ricevuto alcune buone notizie su come affrontare i suoi problemi di infrastruttura.

Fonte immagine: Getty Images.

E allora

I prezzi del petrolio in Canada hanno craterizzato nell’ultimo mese . Il prezzo del greggio Western Canadian Select (WCS) è recentemente sceso al di sotto di $ 5 al barile, il che è inferiore al costo di spedizione di un barile alle raffinerie. Diverse questioni hanno pesato sui prezzi del petrolio in Canada, incluso l’impatto del COVID – 19 la pandemia sta avendo su richiesta e la mancanza di capacità del gasdotto per trasportare il greggio fuori dal paese.

I produttori del paese, tuttavia, hanno ricevuto alcune buone notizie oggi sulla questione delle infrastrutture. Gigante canadese della pipeline TC Energy ( NYSE: TRP ) ha detto che sta procedendo con la costruzione della pipeline Keystone XL. Ha preso questa decisione dopo che il governo di Alberta ha accettato di aiutare a finanziare il progetto attraverso una partecipazione azionaria diretta e sostenendo una linea di credito a livello di progetto. Ciò fornirà a TC Energy il sostegno finanziario necessario per iniziare la costruzione, il che mette il progetto sulla buona strada per entrare in servizio 2023.

L’approvazione di questo 830, 000 – barili al giorno l’oleodotto contribuirà ad aumentare il flusso di petrolio dal Canada occidentale verso i centri di mercato lungo la costa del Golfo degli Stati Uniti. Ciò dovrebbe restringere lo sconto tra il prezzo di WCS e il benchmark petrolifero statunitense, consentendo ai produttori canadesi come Canadian Natural, Cenovus, Suncor e Ovintiv di guadagnare più denaro al barile.

Un altro fattore che aiuta a rafforzare le scorte petrolifere canadesi è che un numero maggiore di aziende sta tagliando i propri piani di spesa in capitale e le linee guida di produzione, il che aiuterà alleviare l’eccesso di petrolio a breve termine nel paese in attesa che Keystone XL arrivi on line.

Oggi, ad esempio, Olio imperiale ( NYSEMKT: IMO ) ridotto suo 2020 piano di spesa in conto capitale di 20%. Mentre Imperial non ha detto quanto questa riduzione limiterebbe la sua produzione quest’anno, probabilmente avrà qualche effetto sulla produzione in futuro, il che aiuterà ad alleviare un po ‘di eccesso di petrolio del paese.

Questa mossa segue quelle simili della maggior parte degli altri produttori canadesi. Cenovus, ad esempio, ha tagliato il suo 700 budget di 32% un paio di settimane fa, che comporterà una riduzione del 5% nella sua produzione quest’anno. Suncor, nel frattempo, ha recentemente ridotto il suo budget di 19% e abbassato il suo 2020 prospettive di produzione del 7%.

Anche le risorse naturali canadesi hanno recentemente tagliato il suo 2020 piano di spesa. Ma la società ha mantenuto la sua guida alla produzione a causa della natura in declino delle sue operazioni. Allo stesso modo, Ovintiv ha recentemente ridotto la sua spesa, lasciando cadere 16 delle sue piattaforme di perforazione. Di conseguenza, avrà solo due impianti operativi in ​​Canada e cinque negli Stati Uniti, che influenzeranno la sua produzione nei prossimi trimestri.

Ora che cosa

I produttori di petrolio in Canada hanno lottato negli ultimi anni perché non c’è abbastanza spazio per le tubazioni per tutta la loro produzione. Ciò ha danneggiato il settore quest’anno poiché la domanda di petrolio è crollata a causa di COVID – 19 mentre le forniture sono in forte aumento a causa del crollo dell’accordo di sostegno del mercato dell’OPEC con la Russia.

Ma l’industria ha affrontato questi problemi tagliando la spesa e riducendo la produzione a breve termine. Ciò dovrebbe aiutare il settore fino a quando TC Energy non completerà il gasdotto Keystone XL, che dovrebbe infine contribuire ad alleviare i problemi di capacità del gasdotto del paese. Anche se ciò presuppone che completi il ​​progetto senza intoppi, il che non è certo.

                                                                                                                                                                                                                 Matthew DiLallo non ha alcuna posizione in nessuno degli stock citati. Il Motley Fool non ha alcuna posizione in nessuno degli stock citati. Il Motley Fool ha un

politica di divulgazione . “>                                                                                                                                                    

Articolo originale di Fool.com