Entra in contatto con noi

Fisco

Rateizzazione delle cartelle esattoriali: novità potrebbero arrivare a breve ed entro il 16 luglio 2022

Pubblicato

il

Dal Decreto Aiuti potrebbe arrivare la rateazione fino a 120mila euro per ogni cartella esattoriale. La possibilità del ratio potrebbe essere più flessibile ed interessare  anche le nuove cartelle anche se sono decaduti i termini precedenti. L’emendamento è stato approvato in commissione alla Camera, dopo il passaggio in Senato, dovrebbe essere approvato in via definitiva entro il 16 luglio 2022.

Cosa accade attualmente e cosa potrebbe accadere se verrà approvata la nuova rateizzazione?

Ad oggi è possibile rateizzare una cartella esattoriale  se la somma da dare all’Agenzia delle entrate non supera i 60mila euro. Con la modifica prevista dalla legge di conversione del DL Aiuti (modifica articolo 19 del Dpr 602/1973) la nuova soglia di debito del contribuente potrebbe giungere a 120mila euro e non riferirsi solo al debito totale ma anche alla singola cartella esattoriale.

Inoltre novità anche  in caso di mancato o ritardo di pagamento di una rata:  con la nuova legge la decadenza dal piano di rateizzazione scatterebbe solo  dopo il mancato pagamento di otto rate, mentre prima il tetto era fissato a cinque rate.  Occhio però al nuovo paletto che potrebbe essere imposto: se scatta la decadenza da un piano di rateizzazione , non sarà più  possibile procedere ad una nuova rateazione sulla stessa cartella esattoriale. Sarà però inserito dal decreto Aiuti inserisce il comma 3-ter al sopra citato articolo 19 del Dpr 602/1973, in base al quale: “la decadenza dal beneficio della rateazione di uno o più carichi non preclude al debitore la possibilità di ottenere, ai sensi delle disposizioni del presente articolo, la dilazione del pagamento di carichi diversi da quelli per i quali è intervenuta la decadenza”.

Dopo l’approvazione occorre ricordare che le nuove regole si applicheranno solo  alle richieste di rateazione delle cartelle esattoriali presentate a decorrere dalla data di entrata in vigore della legge. Per chi ha già un piano di rateazione in corso varranno le regole sottoscritte con la normativa attualmente in vigore.