mercoledì 21 ottobre 2020

Visa riduce le prospettive di entrate poiché il coronavirus guida il “forte rallentamento delle nostre attività transfrontaliere”

         

Visa Inc.          V,          – 5 08% . )       ha detto lunedì in ritardo che prevede che l’epidemia di coronavirus si tradurrà in entrate fiscali del secondo trimestre inferiori di circa 2,5 a 3,5 punti percentuali rispetto all’intervallo precedentemente emesso di “bassa crescita a doppia cifra delle entrate nette in dollari costanti” che Visa ha dato con il suo ultimo rapporto sulle entrate a gennaio. La società ha reso noto in un deposito di lunedì che il coronavirus stava avendo un “impatto significativo” sui viaggi in Asia che ha causato un “forte rallentamento della nostra attività transfrontaliera” per le spese di viaggio sia per le carte presenti che per quelle non presenti. Visa ha affermato che le spese di commercio elettronico transfrontaliero non correlate ai viaggi non hanno registrato un impatto negativo significativo, previsto in alcuni mercati asiatici. “Nei mercati in cui Visa gestisce la maggior parte delle nostre transazioni, la crescita della spesa interna, sia di credito che di debito, rimane sostanzialmente stabile, ad eccezione di un certo impatto a Hong Kong e Singapore”, ha dichiarato la società nel suo deposito. Visa entra a far parte di Mastercard Inc.          MA,          -. 5 68%       e PayPal Holdings Inc.          PYPL,          – 4 49% . ,       entrambi hanno avvertito nelle ultime settimane di impatti negativi sul coronavirus. Le azioni Visa sono scese dello 0,2% nelle negoziazioni del mercato premier martedì e sono scese del 4,2% rispetto allo scorso mese come Dow Jones Industrial Average          DJIA,          -. 4 49%       è scivolato del 6%.

      

Articolo originale di Marketwatch.com