Entra in contatto con noi

Mondo del Lavoro

Al via il decreto del programma GOL finanziato dal PNRR

Pubblicato

il

Conto alla rovescia per l’attuazione del programma GOL (Impiego Garantito per i Lavoratori): un decreto  interministeriale che stanzia 800 milioni di euro e dovrà essere avviato entro il 7 ottobre.

Gli strumenti chiave saranno: reinserimento lavorativo, formazione e ricollocazione collettiva dei lavoratori che hanno perso il lavoro. Così, il programma GOL, previsto dalla Legge di Bilancio per il 2021 e finanziato dal Recovery Plan, sta prendendo forma anche prima del previsto. Le linee guida sono già inserite nel PNRR: gli strumenti per lavorare con i disoccupati devono essere implementati con politiche proattive che, a partire dal profilo della persona, permettano di creare percorsi su misura per la riqualificazione professionale e il monitoraggio del lavoro.

Complessivamente il PNR prevede 4,4 miliardi per le politiche attive del lavoro e dell’apprendimento (le principali regioni con il 20% delle risorse sono Campania, Lombardia e Sicilia). Questi fondi, oltre al programma GOL (al quale è riservato un tetto di 800 milioni di euro), finanzieranno anche altre misure. Circa 50 milioni di euro andranno alla Fondazione per gli Studi Superiori e la Riqualificazione Professionale, rivolta ai lavoratori in cassa integrazione o NASPI. A seguito di un accordo tra Stato e Regioni, ci saranno 60 giorni per l’adozione dei piani attuativi locali. L’ANPAL (Agenzia Nazionale per le Politiche Attive) effettuerà la sua valutazione nei prossimi 30 giorni. Pertanto, l’inizio dei lavori è previsto nel 2022.

Il programma descritto nel PNRR prevede un “sistema di assistenza ai disoccupati e a coloro che si trasferiscono per lavoro”, ovvero coloro che percepiscono “RdC (reddito di cittadinanza), NASpI ( sussidio di disoccupazione), CIGS (fondo di riserva per le emergenze)”. Inoltre, pur non essendo esplicitamente menzionati nel Piano di Risanamento, a seconda del rapporto, è previsto che vengano inclusi anche quelli coperti da altri ammortizzatori sociali come Dis-Coll. Sono inclusi anche precari, disoccupati senza ammortizzatore sociale e NEET (giovani che non studiano, non lavorano e non cercano lavoro).

Advertisement