Entra in contatto con noi

Mercati americani

Azione DocuSign: orso contro toro

Pubblicato

il

DocuSign (DOCU -1,24%) una volta era uno stock di crescita rovente. Il leader dei servizi di firma elettronica è diventato pubblico a $ 29 per azione nell’aprile 2018 e le sue azioni hanno chiuso a un livello record di $ 310,05 nel settembre 2021. Gli investitori sono stati inizialmente abbagliati dal suo predominio nel mercato dei servizi di firma elettronica, dalla sua rapida crescita dei ricavi, e le sue promettenti prospettive a lungo termine.

Ma oggi, le azioni di DocuSign vengono scambiate a circa $ 60. Il dieci-bagger si è ridotto a un due-bagger tra le preoccupazioni per le sue vendite in calo, le continue perdite, l’elevata leva finanziaria e la brusca partenza del suo CEO Dan Springer lo scorso giugno. Gli investitori dovrebbero aprire una nuova posizione in DocuSign dopo quel ripido calo? Rivediamo i casi di orso e toro per vedere se potrebbe riprendersi nel 2023.

Delos Gioielli
Delos Gioielli

Fonte immagine: Getty Images.

Cosa ti diranno gli orsi su DocuSign

Gli orsi ritengono che i giorni in cui DocuSign controllava circa il 70% del mercato delle firme elettroniche potrebbero finire quando altri formidabili concorrenti entreranno nel mercato. Adobe (ADBE 0,88%) ora raggruppa un servizio simile, Adobe Sign, nei propri servizi proprietari (incluso Acrobat) e applicazioni di terze parti come Salesforce (CRM -0,59%). casella personale (DBX 0,97%) e Scatola (SCATOLA -0,59%) ha inoltre integrato le funzionalità di firma elettronica nelle loro piattaforme di archiviazione basate su cloud.

DocuSign ha generato una crescita robusta nell’anno fiscale 2021 (che si è concluso a gennaio 2021) e nell’anno fiscale 2022 poiché la pandemia ha spinto più aziende a rinunciare alla carta e ad adottare servizi di firma elettronica, ma questi venti favorevoli si sono dissipati nell’anno fiscale 2023. Anche la sua attività non è immune all’aumento tariffe e altri macro venti contrari, che stanno limitando la spesa aziendale per grandi aggiornamenti software.

Advertisement

Tra l’anno fiscale 2019 e l’anno fiscale 2022, la fatturazione e le entrate di DocuSign sono entrambe aumentate a un tasso di crescita annuale composto (CAGR) del 44%. Ma per l’anno fiscale 2023, si aspetta che i suoi fatturati crescano solo dal 9% al 10% a 2,6 miliardi di dollari, mentre le sue entrate salgono del 19% a 2,5 miliardi di dollari.

DocuSign rimane profondamente non redditizio su principi contabili generalmente accettati (GAAP) e gli analisti prevedono che la sua perdita netta aumenterà da $ 70 milioni nell’anno fiscale 2022 a $ 123 milioni nell’anno fiscale 2023. Tutto quell’inchiostro rosso, insieme al suo elevato rapporto debito/capitale proprio di 4,8, potrebbe rendere DocuSign un investimento poco attraente come interesse i tassi continuano a salire.

Cosa ti diranno i tori su DocuSign

Il nuovo CEO di DocuSign, Allan Thygesen, ritiene che la crescita dei ricavi dell’azienda accelererà nuovamente man mano che si espande all’estero e lancia servizi aggiuntivi per il suo DocuSign Agreement Cloud basato su abbonamento. Thygesen non ha fornito alcuna guida esatta per l’anno fiscale 2024 e oltre, ma ha affermato di “non essersi unito per gestire una società con entrate a una cifra bassa o media” durante il terzo trimestre della società conferenza telefonica ai primi di dicembre.

I rialzisti faranno notare che i margini lordi non GAAP di DocuSign si sono aggirati intorno all’80% sin dalla sua IPO. Anche i suoi margini operativi non GAAP, che escludono i compensi basati su azioni e altri addebiti una tantum, sono aumentati dal 2% nell’anno fiscale 2019 al 20% nell’anno fiscale 2022. È inoltre rimasto costantemente redditizio su base non GAAP dall’anno fiscale 2019.

Advertisement

Per l’anno fiscale 2023, DocuSign prevede che i suoi margini lordi e operativi non GAAP si attesteranno rispettivamente dall’81% all’82% e dal 18% al 20%. Quei margini stabili suggeriscono che ha ancora molto potere di determinazione dei prezzi nel mercato delle firme elettroniche e che i suoi profitti GAAP potrebbero migliorare rapidamente e diventare positivi, a patto che tenga a freno le spese di compensazione basate su azioni che hanno consumato oltre un quinto dei suoi ricavi nei primi nove mesi dell’anno fiscale 2023.

Infine, DocuSign sembra molto più economico rispetto alla fine del 2021. Al suo massimo storico, la società aveva un valore aziendale di $ 60,9 miliardi, o 24 volte le vendite previste per l’anno fiscale 2023. Ma con il suo attuale valore aziendale di $ 11,2 miliardi, viene scambiato solo quattro volte le vendite del prossimo anno. Tale valutazione è ragionevole rispetto alla crescita della linea principale di DocuSign e dei suoi pari del settore. In confronto, Adobe – che è si prevede di generare Crescita delle vendite del 12% l’anno prossimo: scambi sette volte superiori a quelli previsti. Box, che dovrebbe aumentare la sua linea superiore dell’11% l’anno prossimo, viene scambiato a quattro volte quella stima.

Quale argomento ha più senso?

Aveva senso diventare ribassista su DocuSign alla fine del 2021, quando le sue valutazioni stavano ribollendo e ha dovuto affrontare un rallentamento post-pandemia. Tuttavia, i suoi margini di stabilizzazione e le valutazioni più fredde potrebbero limitare il suo potenziale di ribasso a questi livelli. Non credo che le azioni di DocuSign saliranno alle stelle in qualsiasi momento prestoma potrebbe essere il momento giusto per accumularsi gradualmente più condivisioni.

Leone Sole ha posizioni in Adobe e Salesforce. The Motley Fool ha posizioni e raccomanda Adobe, DocuSign e Salesforce. The Motley Fool consiglia Box e consiglia le seguenti opzioni: chiamate lunghe da $ 420 di gennaio 2024 su Adobe, chiamate lunghe da $ 60 di gennaio 2024 su DocuSign e chiamate brevi da $ 430 di gennaio 2024 su Adobe. Il Motley Fool ha un politica di divulgazione.

Advertisement
Advertisement

Trending