Entra in contatto con noi

Mercati americani

Capital One Financial (COF) Q4 2022 Trascrizione della chiamata agli utili

Pubblicato

il

Fonte immagine: The Motley Fool.

Capitale uno finanziario (COF -0,57%)
Chiamata sugli utili del quarto trimestre 2022
24 gennaio 2023, 17:00 ET

Contenuti:

  • Osservazioni preparate
  • Domande e risposte
  • Chiama i partecipanti

Osservazioni preparate:

Operatore

Buona giornata e grazie per essere stato a disposizione. Benvenuti alla teleconferenza sugli utili finanziari di Capital One Financial del quarto trimestre 2022. [Operator instructions] Vi informiamo che la conferenza di oggi è in fase di registrazione. Vorrei ora affidare la conferenza al vostro relatore di oggi, Jeff Norris, vicepresidente senior delle finanze.

Per favore prosegui.

Advertisement

Jeff Norris — Vicepresidente senior, finanza globale

Grazie mille, Victor, e benvenuti a tutti alla teleconferenza sugli utili del quarto trimestre 2022 di Capital One. Come al solito, stiamo trasmettendo in diretta su Internet. Per accedere alla chiamata su Internet, accedere al sito Web di Capital One all’indirizzo capitalone.com e seguire i collegamenti da lì. Oltre al comunicato stampa e ai dati finanziari, abbiamo incluso una presentazione che riassume i risultati del quarto trimestre 2022.

Con me questa sera ci sono il signor Richard Fairbank, presidente e amministratore delegato di Capital One; e il signor Andrew Young, chief financial officer di Capital One. Rich e Andrew ti guideranno attraverso la presentazione.

10 azioni che ci piacciono di più di Capital One Financial
Quando oil nostro pluripremiato team di analisti ha una mancia azionaria, può pagare per ascoltare. Dopotutto, la newsletter che gestiscono da oltre un decennio, Motley Fool Stock Advisorha triplicato il mercato.*

Advertisement

Hanno appena rivelato ciò che credono siano i dieci migliori azioni per gli investitori da acquistare in questo momento … e Capital One Financial non era uno di loro! Esatto: pensano che questi 10 titoli siano acquisti ancora migliori.

Vedi i 10 titoli

*Stock Advisor torna a partire dal 9 gennaio 2023

Per accedere a una copia della presentazione e del comunicato stampa, visitare il sito Web di Capital One, fare clic su investitori, quindi fare clic sul rilascio degli utili trimestrali. Si prega di notare che questa presentazione può contenere dichiarazioni previsionali. Le informazioni riguardanti le prestazioni finanziarie di Capital One e le eventuali dichiarazioni previsionali contenute nella discussione odierna e nei materiali parlano solo a partire dalla data o dalle date particolari indicate nei materiali. Capital One non si assume alcun obbligo di aggiornare o rivedere nessuna di queste informazioni, sia a seguito di nuove informazioni, eventi futuri o altro.

Advertisement

Numerosi fattori potrebbero far sì che i nostri risultati effettivi differiscano materialmente da quelli descritti nelle dichiarazioni previsionali. Per ulteriori informazioni su questi fattori, consultare la sezione intitolata Informazioni previsionali nella presentazione del comunicato sugli utili e la sezione Fattori di rischio nelle nostre relazioni annuali e trimestrali, accessibili sul sito Web di Capital One e depositate presso la SEC. Detto questo, passerò la chiamata al signor Young.

Andrea?

Andrea Giovane — Capo dell’ufficio finanziario

Grazie, Jeff, e buon pomeriggio a tutti. Inizierò dalla diapositiva 3 della presentazione di stasera. Nel quarto trimestre, Capital One ha guadagnato $ 1,2 miliardi o $ 3,03 per azione ordinaria diluita. Per l’intero anno, Capital One ha guadagnato $ 7,4 miliardi o $ 17,91 per azione.

Advertisement

Nei risultati del quarto trimestre sono state incluse due voci di adeguamento, che hanno beneficiato collettivamente dell’utile ante imposte di 105 milioni di dollari. Al netto di questi aggiustamenti, l’utile per azione del quarto trimestre è stato di $ 2,82 e l’utile per azione dell’intero anno è stato di $ 17,71. Su base trimestrale collegata, i prestiti di fine periodo sono cresciuti del 3% e i prestiti medi sono cresciuti del 2%, trainati dalla crescita delle nostre attività di carte domestiche. Questa crescita dei prestiti, unita all’espansione del margine di interesse netto, ha fatto salire i ricavi del 3% su base trimestrale collegata.

Le spese non per interessi sono cresciute del 3% nel trimestre collegato, trainate da un aumento delle spese di marketing, mentre le spese operative sono rimaste sostanzialmente invariate. Al netto delle rettifiche di cui ho parlato in precedenza, i costi operativi sono aumentati del 2,4%. Approvvigionamento nel trimestre: le spese di accantonamento nel trimestre sono state di $ 2,4 miliardi, guidate da addebiti netti di $ 1,4 miliardi e da un’indennità accumulata di circa $ 1 miliardo. Passando alla diapositiva 4.

Tratterò i cambiamenti nella nostra indennità in modo più dettagliato. L’aumento di 1 miliardo di dollari dell’indennità nel quarto trimestre porta il nostro saldo totale dell’indennità di fine anno aziendale a 13,2 miliardi di dollari, aumentando il rapporto di copertura aziendale totale di 22 punti base al 4,24%. Tratterò le variazioni dell’indennità e del rapporto di copertura per segmento nella diapositiva 5. Nel nostro business delle carte nazionali, il saldo dell’indennità è aumentato di $ 795 milioni, portando il nostro rapporto di copertura al 6,97%.

Tre cose mettono pressione al rialzo sulla nostra indennità di carta. Il primo fattore è stata la continua normalizzazione del credito nel nostro portafoglio. Il secondo fattore era una prospettiva economica leggermente peggiore rispetto alla nostra ipotesi di un quarto fa. E infine, abbiamo costruito un’indennità per la crescita dei prestiti nel trimestre.

Advertisement

L’impatto della crescita dei prestiti del quarto trimestre sull’indennità è più contenuto rispetto alla crescita tipica dei prestiti, data la natura stagionale di questi saldi. Questi tre fattori sono stati leggermente controbilanciati da un rilascio dei nostri fattori qualitativi. Nel nostro segmento Consumer Banking, il saldo delle indennità è aumentato di $ 129 milioni, determinando un aumento di 20 punti base nella copertura al 2,8%. La costruzione è stata guidata principalmente dalla continua normalizzazione del credito nel nostro settore automobilistico, compresi i tassi di recupero inferiori.

Il secondo fattore che esercita anche una pressione al rialzo sulla nostra indennità è l’impatto di una prospettiva economica leggermente peggiore. Questi due fattori sono stati leggermente controbilanciati da un rilascio dei nostri fattori qualitativi. Infine, nella nostra attività commerciale, l’indennità è aumentata di 73 milioni di dollari, con un conseguente aumento della copertura di 9 punti base all’1,54%. Ciò è stato in gran parte determinato dalle build di riserva per il nostro portafoglio di uffici.

Andando a pagina 6. Parlerò della liquidità. Potete vedere che il nostro rapporto di copertura della liquidità medio preliminare durante il quarto trimestre è stato del 143%, ben al di sopra del requisito normativo del 100%. Le riserve totali di liquidità sono aumentate di $ 14 miliardi a $ 107 miliardi.

La forte crescita dei depositi dei consumatori durante tutto il trimestre ha fatto aumentare i saldi di cassa e ci ha permesso di rimborsare i prestiti FHLB precedenti. Passando a pagina 7. Coprirò il nostro margine di interesse netto. Il nostro margine di interesse netto è stato del 6,84% nel quarto trimestre, 24 punti base in più rispetto al trimestre dell’anno precedente e 4 punti base in più rispetto al trimestre precedente.

Advertisement

L’aumento trimestrale di 4 punti base del NIM è stato trainato da maggiori rendimenti delle attività e da uno spostamento del mix di bilancio verso i prestiti con carta. Questo impatto è stato in gran parte compensato dai maggiori costi di deposito e raccolta all’ingrosso. Passando alla diapositiva 8. Concluderò discutendo la nostra posizione patrimoniale.

Il nostro coefficiente patrimoniale di capitale primario Tier 1 era del 12,5% alla fine del quarto trimestre, in aumento di circa 30 punti base rispetto allo scorso trimestre. L’utile netto di 1,2 miliardi di dollari nel trimestre è stato parzialmente compensato dalla crescita delle attività ponderate per il rischio, dei dividendi e dei riacquisti di azioni. Abbiamo riacquistato circa 150 milioni di dollari di azioni ordinarie nel trimestre, portando i riacquisti per l’intero anno a 4,8 miliardi di dollari. Continuiamo a stimare che il nostro fabbisogno di capitale CET1 a lungo termine sia di circa l’11%.

Detto questo, passerò la chiamata a Rich. Ricco?

Ricco Fairbank — Amministratore delegato

Advertisement

Grazie, Andrew, e benvenuti a tutti. Inizierò con la diapositiva 10 con i risultati del quarto trimestre nel nostro settore delle carte di credito. La crescita anno su anno del volume degli acquisti e dei prestiti, unita a un forte margine di ricavo, ha determinato un aumento dei ricavi rispetto al quarto trimestre del 2021. I risultati del segmento delle carte di credito sono in gran parte una funzione dei risultati e delle tendenze delle nostre carte nazionali, che sono mostrati su Diapositiva 11.

Nel quarto trimestre, è continuata la forte crescita anno su anno in ogni metrica di prima linea nel nostro business delle carte nazionali. Il volume degli acquisti per il quarto trimestre è aumentato del 9% rispetto al quarto trimestre del 2021. I saldi dei prestiti finali sono aumentati di $ 22,9 miliardi o circa il 21% su base annua. I prestiti in scadenza sono cresciuti dell’8% rispetto al trimestre successivo.

E i ricavi sono aumentati del 19% su base annua, trainati dalla crescita del volume degli acquisti e dei prestiti, nonché dal forte margine di guadagno. Sia il tasso di addebito che il tasso di insolvenza hanno continuato a normalizzarsi ed erano al di sotto dei livelli pre-pandemia. Il tasso di addebito delle carte nazionali per il trimestre è stato del 3,2%, in aumento di 173 punti base su base annua. Il tasso di insolvenza di oltre 30 alla fine del trimestre era del 3,43%, 121 punti base in più rispetto all’anno precedente.

Su base trimestrale collegata, il tasso di addebito è aumentato di 102 punti base e il tasso di insolvenza è aumentato di 46 punti base. Le spese non per interessi sono aumentate del 12% rispetto al quarto trimestre del 2021, che include un aumento del marketing. La spesa totale di marketing dell’azienda è stata di circa 1,1 miliardi di dollari nel trimestre. La nostra scelta nel marketing nazionale delle carte è il principale motore del marketing aziendale totale.

Advertisement

Nel nostro business delle carte domestiche, continuiamo ad appoggiarci al marketing per guidare una crescita resiliente. Stiamo tenendo d’occhio le azioni della concorrenza e i potenziali rischi del mercato. Stiamo assistendo al successo del nostro marketing e alla forte crescita dei nuovi conti di carte nazionali, del volume degli acquisti e dei prestiti in tutto il nostro business delle carte e continua il forte slancio nella nostra attenzione decennale sui grandi spendaccioni ai vertici del mercato. La diapositiva 12 mostra i risultati del quarto trimestre per la nostra attività di Consumer Banking.

Nel quarto trimestre, abbiamo continuato a vedere gli effetti della nostra scelta di frenare la crescita automobilistica in risposta alle dinamiche di prezzo competitive che hanno messo sotto pressione i margini del settore. Le origini automobilistiche sono diminuite del 32% su base annua e del 20% rispetto al trimestre collegato. Spinta dal calo delle emissioni di auto, la crescita dei prestiti al consumo ha continuato a essere più lenta rispetto ai trimestri precedenti. I prestiti alla fine del quarto trimestre sono cresciuti del 3% rispetto al trimestre dell’anno precedente.

Su base trimestrale collegata, i prestiti in scadenza sono diminuiti del 2%. I depositi alla fine del quarto trimestre nella banca dei consumatori sono aumentati del 6% su base annua e del 5% nel trimestre successivo. I depositi medi sono aumentati del 4% su base annua e del 3% rispetto al trimestre successivo. La nostra strategia di banca diretta nazionale digital-first continua a ottenere una buona trazione.

I ricavi del Consumer Banking sono aumentati del 10% anno su anno poiché la crescita dei prestiti e dei depositi auto è stata parzialmente compensata dal calo anno su anno dei margini auto. Le spese non per interessi sono aumentate del 13% rispetto al quarto trimestre del 2021, trainate dagli investimenti nelle capacità digitali delle nostre attività bancarie automobilistiche e al dettaglio e dal marketing per la nostra banca digitale nazionale. Il tasso di addebito automatico e il tasso di insolvenza hanno continuato a normalizzarsi nel quarto trimestre. Il tasso di addebito per il quarto trimestre è stato dell’1,66%, in aumento di 108 punti base su base annua.

Advertisement

Il tasso di insolvenza di oltre 30 anni è stato del 5,62%, in aumento di 130 punti base anno su anno. Su base trimestrale collegata, il tasso di addebito è aumentato di 61 punti base e il tasso di insolvenza di oltre 30 punti base è aumentato di 77 punti base. La diapositiva 13 mostra i risultati del quarto trimestre per la nostra attività di banca commerciale. Rispetto al trimestre collegato, i saldi dei prestiti alla fine del quarto trimestre sono diminuiti dell’1% e i prestiti medi sono rimasti invariati.

I depositi finali sono diminuiti dell’1% rispetto al trimestre collegato. I depositi medi sono cresciuti del 7%. I ricavi del quarto trimestre sono diminuiti del 23% rispetto al trimestre collegato. Il calo è stato determinato principalmente da un impatto interno sui prezzi di trasferimento dei fondi che è stato compensato da un aumento equivalente nell’altra categoria ed è stato, quindi, neutrale per la società.

Escludendo questo impatto, i ricavi commerciali del quarto trimestre sarebbero diminuiti di circa il 6% trimestre su trimestre e aumentati del 2% su base annua. Le spese non per interessi sono aumentate del 2% rispetto al trimestre collegato. Il tasso di addebito annualizzato delle banche commerciali era di 6 punti base. Il tasso di prestito in bonis criticato è aumentato di 74 punti base dal trimestre collegato al 6,71% e il tasso di prestito in sofferenza criticato è aumentato di 17 punti base rispetto al trimestre collegato allo 0,74%.

In chiusura, continuiamo a guidare una forte crescita dei ricavi delle carte, del volume degli acquisti e dei prestiti nel quarto trimestre. La crescita dei prestiti nella nostra attività di Consumer Banking è stata più lenta rispetto ai trimestri precedenti poiché abbiamo continuato a ridurre le originazioni di auto. I depositi dei consumatori sono cresciuti. E nella nostra attività di banca commerciale, la fine dei prestiti e dei depositi è stata pressoché invariata rispetto al trimestre collegato.

Advertisement

Tassi di scarico e tassi di insolvenza continuano ue per normalizzarsi in tutta la nostra attività ed erano al di sotto dei livelli pre-pandemia. Le spese operative totali della società al netto delle rettifiche sono aumentate del 2,4% rispetto al trimestre collegato. Il nostro indice di efficienza operativa annuale per l’intero anno 2022 è stato del 44,5% al ​​netto degli aggiustamenti, con un miglioramento di 15 punti base rispetto all’intero anno 2021. 2022.

Tirando verso l’alto, continuiamo a vedere opportunità per una crescita resiliente degli asset in grado di fornire rendite sostenute. Continuiamo a monitorare e valutare da vicino le dinamiche competitive e l’incertezza economica. Alimentati dalla nostra moderna tecnologia digitale, miglioriamo continuamente le nostre capacità proprietarie di sottoscrizione, marketing e prodotti. Ci stiamo concentrando sul miglioramento dell’efficienza e stiamo gestendo il capitale con prudenza.

Come risultato dei nostri investimenti per trasformare la nostra tecnologia e guidare una crescita resiliente, siamo in una posizione forte per offrire un valore per gli azionisti a lungo termine convincente e prosperare in un’ampia gamma di possibili scenari economici. E ora saremo felici di rispondere alle tue domande. Jeff?

Jeff Norris — Vicepresidente senior, finanza globale

Advertisement

Grazie, Ricco. Inizieremo ora la sessione di domande e risposte. [Operator instructions] Inizia la sessione di domande e risposte.

Domande e risposte:

Operatore

La nostra prima domanda viene dalla linea di Mihir Bhatia di Bank of America. La tua linea è aperta.

Mihir Bhatia — Bank of America Merrill Lynch — Analista

Advertisement

Buon pomeriggio e grazie per aver risposto alla mia domanda. Volevo chiederti solo del condimento vintage o della matematica della crescita mentre parli, come penso abbiamo parlato in passato. Abbiamo aggiunto molti prestiti qui lo scorso anno. E mentre questi prestiti si stagionavano, stavo solo cercando di chiedermi se potresti forse parlare di come vedi che fluisce nei tuoi tassi di perdita? E cosa fa questo alla tua delinquenza e alla tua perdita nei prossimi 12-24 mesi?

Ricco Fairbank — Amministratore delegato

Sì. Permettetemi di iniziare con un promemoria di cosa intendiamo per crescita matematica. Come regola generale, le perdite sui nuovi prestiti tendono ad aumentare nell’arco di un paio d’anni, quindi raggiungere il picco e poi diminuire gradualmente. Quando acceleriamo la crescita e soprattutto quando questi nuovi prestiti vengono aggiunti a un portafoglio arretrato stagionato con basse perdite, può aumentare il livello complessivo delle perdite del portafoglio.

Siamo cresciuti rapidamente. Ad esempio, solo guardando indietro a quando parliamo molto di Growth Math, siamo cresciuti rapidamente nel 2014, 2015 e 2016 e aggiungiamo un effetto matematico di crescita particolarmente visibile sulla scia di quella crescita. A quel tempo, il grande libro in prima pagina si aggiungeva a un libro in fondo che era insolitamente stagionato, perché era sopravvissuto alla — grande Recessione. Dato il nostro recente tasso di crescita, penso che probabilmente vedremo di nuovo qualche effetto di crescita matematica nei prossimi anni.

Advertisement

Ma penso che la tendenza generale alla normalizzazione sarà il principale motore della nostra traiettoria del credito. Un’altra cosa diversa di Growth Math in futuro è il CECL. Sotto il regime contabile CECL, l’impatto delle indennità della nuova crescita è notevolmente aumentato. Non abbiamo visto questo effetto per la maggior parte della pandemia anche se abbiamo accelerato la nostra crescita a causa dei fattori favorevoli compensativi nella nostra indennità.

Ma mentre la nostra crescita continua, una parte delle nostre indennità accumulate in futuro è destinata a sostenere tale crescita.

Mihir Bhatia — Bank of America Merrill Lynch — Analista

OK. E poi, forse solo sulla tua riserva. Sto solo cercando di capire solo alcune delle ipotesi alla base delle riserve. Forse potresti semplicemente parlare di ciò che stai assumendo per la riserva di disoccupazione se hai una recessione incorporata nel breve termine? Qualsiasi colore aggiuntivo puoi aiutarci con quello?

Advertisement

Andrea Giovane — Capo dell’ufficio finanziario

Quindi qui, come ho detto in passato, siamo in gran parte consumatori di ipotesi economiche. In questo caso particolare per la disoccupazione, stiamo assumendo qualcosa che è leggermente superiore alle stime di consenso per dove atterreremo nel quarto trimestre. Penso che il consenso sia da qualche parte intorno al 48%. Siamo – la nostra previsione di base arriva a circa il 5% nel quarto trimestre, ma è importante notare che ci sono molte altre cose che entrano nel calcolo delle riserve come la disoccupazione – scusate, i cambiamenti nel tasso di disoccupazione , inflazione, prezzi delle case, salari, anche tutti questi fattori contano, ma la nostra ipotesi di disoccupazione è di circa il 4% nel quarto trimestre – scusate, circa il 5% nel quarto trimestre.

Jeff Norris — Vicepresidente senior, finanza globale

Prossima domanda, per favore.

Advertisement

Operatore

Grazie. Un momento per favore.

E la nostra prossima domanda viene dalla linea di Ashish Sharma con Capital One.

Jeff Norris — Vicepresidente senior, finanza globale

Advertisement

Ehi, Victor, non credo sia giusto.

Ryan Nash — Capital One Securities — Analista

Era destinato a me, Jeff?

Jeff Norris — Vicepresidente senior, finanza globale

Advertisement

Ehi, Ryan, perché non lo fai, vai avanti.

Ryan Nash — Capital One Securities — Analista

Mi dispiace per questo. Ehi, grazie, ragazzi. Quindi Rich, forse posso fare a Mihir — una delle domande di Mihir in un modo leggermente diverso. Quindi i concorrenti del settore parlano di raggiungere i livelli di perdita pre-pandemia entro la fine dell’anno o forse addirittura di superare quei livelli.

Puoi forse solo parlare un po ‘di come pensi al ritmo della normalizzazione o forse anche al superamento di quelli? E magari parlare un po’ della normalizzazione rispetto a parti del portafoglio se stai effettivamente assistendo a un deterioramento? E ho un seguito.

Advertisement

Ricco Fairbank — Amministratore delegato

OK. Grazie Ryan. Quindi le metriche del credito al consumo rimangono solide. E, naturalmente, come abbiamo visto, si sono normalizzati costantemente fino al 2022 e si stanno avvicinando ai livelli prepandemici.

Il – All’inizio la normalizzazione era più pronunciata in alcuni segmenti più di altri. Era – ovviamente – e comunque, questo è sempre il caso in cui il libro in prima pagina, le nuove originazioni tendono ad essere più alte. Quindi sarebbe stato scioccante se fosse stato diverso. Ma l’altra cosa che abbiamo anche detto e parlato con gli investitori è stata più: la normalizzazione stava avvenendo ovunque, ma era più pronunciata all’estremità inferiore del mercato.

Più recentemente, abbiamo effettivamente assistito a una tendenza più uniforme della normalizzazione tra le aziende e i segmenti. Quindi, ad esempio, in vari intervalli di punteggio FICO e anche in base ai livelli di reddito. Quando li indicizziamo sulle metriche del credito al punto in cui erano prima della pandemia, il tipo di resto dello spettro del credito e del resto dello spettro del reddito ha raggiunto il – molto recentemente negli ultimi mesi fino all’estremità inferiore. Quindi davvero, se lo tiro su, sembra che la normalizzazione sia abbastanza coerente su tutta la linea.

Advertisement

E — sì, vai avanti, Ryan.

Ryan Nash — Capital One Securities — Analista

No, no, no, provaci. Chiederò il mio follow-up quando avrai finito.

Ricco Fairbank — Amministratore delegato

Advertisement

Quindi hai chiesto a vari concorrenti di prevedere o parlare di tempi diversi in cui le cose superano i livelli del 2019. Penso che a Capital One non stiamo facendo previsioni specifiche su questo. Ma penso che la cosa fondamentale che vorrei che guardassi siano le metriche della delinquenza. Le metriche di delinquenza sono il miglior singolo predittore di dove andranno le cose a breve termine.

E infatti, se guardiamo ai tassi di flusso, possiamo vedere che i tassi di flusso molto precoci nei secchi di delinquenza sono piuttosto normalizzati. Quindi non stiamo dando una guida specifica. Ma diremmo, guarda le metriche del credito, guarda le dinamiche attraverso altre metriche, ma riteniamo che questo sia – sta chiaramente normalizzando come lo vediamo.

Ryan Nash — Capital One Securities — Analista

Fatto. E poi, Rich, forse per dare seguito ai commenti sull’efficienza da piatta a modestamente in calo. Penso che lo scorso trimestre stavi parlando di un modesto miglioramento dell’efficienza. Ci sono stati titoli sull’azienda che ha ridotto parte del personale.

Advertisement

Quindi sono solo curioso, è cambiato qualcosa in termini di aspettative per il miglioramento dell’efficienza? E immagino che, dato il ritmo di crescita dei ricavi previsto e contemplato, ci sia un’accelerazione negli investimenti che sta avvenendo per portare la stalla a un’efficienza modesta, migliorando l’efficienza?

Ricco Fairbank — Amministratore delegato

Sì. Ryan, le nostre prospettive di efficienza sono esattamente le stesse dello scorso trimestre. Se ricordi, in realtà, ci siamo orientati al — per l’intero anno 2022 affinché l’efficienza fosse piatta — fondamentalmente una specie di piatta fino al 2021, e poi leggermente in calo per il 2023 rispetto al 2021. Quello che è successo è che il ’22 è arrivato un po’ po’ più in basso.

Quindi la nostra guida da piatta a modestamente verso il basso, è la stessa prospettiva che avevamo prima. E così, sanno che non ci sono grandi investimenti dietro a questo. È un viaggio continuo di Capital One per sfruttare le nostre opportunità per continuare a investire nelle opportunità tecnologiche che vediamo e nelle opportunità per creare scoperte nel mercato e continuare a trasformare il modo in cui lavoriamo. Ma tirando su il tipo di storia se ti ritiri indietro sull’efficienza operativa, il viaggio in cui abbiamo guidato 440 punti base di miglioramento dal 2013 fino al 2019.

Advertisement

E poi, abbiamo avuto l’intera faccenda della pandemia. Ma se mi alzo, il graduale miglioramento dell’efficienza operativa è ciò che stiamo continuando a perseguire sfruttando la nostra trasformazione tecnologica anche se continuiamo a investire.

Ryan Nash — Capital One Securities — Analista

Fatto. Grazie per il colore, Rich.

Jeff Norris — Vicepresidente senior, finanza globale

Advertisement

Domanda sul nido, per favore.

Operatore

Grazie. E la nostra prossima domanda viene dalla linea di Betsy Graseck con Stanley.

Betsy Graseck — Morgan Stanley — Analista

Advertisement

Ciao. Buona serata. OK. Quindi due domande.

Uno, proprio mentre pensiamo al margine e — il margine di interesse netto e le prospettive del margine di interesse netto, puoi darci un’idea di come stai pensando ai beta dei depositi e come è probabile che crescano qui nel corso del anno? Ho notato che poco prima hai parlato della crescita dei depositi che era davvero forte. Forse darci un’idea di quali tipi di depositi ti stai davvero appoggiando in questa fase? E poi, aiutaci a capire in che modo è probabile che i rendimenti delle attività tendano data una curva forward, presumo sia il caso base, ma dimmi se hai un punto di vista diverso su questo?

Andrea Giovane — Capo dell’ufficio finanziario

Sì, Betsy, inizierò prima con la tua ultima domanda, ovvero stiamo seguendo la curva in avanti, ipotizzando 50 bps qui nel primo trimestre e mantenendosi piatti per tutto il ’23 prima di scendere nel ’24. Per quanto riguarda il modo in cui pensiamo al beta e ai rendimenti degli asset come componenti del NIM mentre entriamo nell’ultima parte di questo ciclo dei tassi, i tassi di deposito ritardati hanno davvero un impatto maggiore rispetto ai rendimenti degli asset che riprezzano più rapidamente e lo hanno fatto nel corso del ultimi due trimestri mentre la Fed si stava muovendo rapidamente. E così, c’è un po ‘di quella dinamica sequenziale in corso in termini di riflessione sul beta complessivo del deposito e sul mix di prodotti, circa l’85% dei nostri depositi è nel consumatore. È qui che si trova la nostra attenzione.

Advertisement

E quindi, se guardi solo al beta di deposito cumulativo per l’azienda totale, è di circa il 35%, era basso 20 nell’ultimo trimestre. Ma se guardi all’ultimo ciclo di tassi in aumento, penso che il beta terminale fosse intorno al 41%. Quindi ho potuto vedere una beta terminale da qualche parte al di sopra di quella, date le dinamiche competitive sul mercato a questo punto. Quindi direi che la rete di tutti questi fattori potrebbe essere un modesto vento contrario per NIM.

Abbiamo parlato lo scorso trimestre del mix di bilancio. E siamo in gran parte tornati a un mix di bilancio pre-pandemico rispetto a dove eravamo un anno fa. E francamente, il nostro NIM si trova più o meno in una situazione simile. Quindi direi che il mix di bilancio su un periodo di più trimestri non è probabile o essere un grande motore a meno che non vediamo solo una crescita fuori misura nel business delle carte a margine più elevato.

E poi, l’altro fattore che potrebbe rivelarsi un vantaggio per compensare potenzialmente un po’ del modesto vento contrario che probabilmente deriva dalle dinamiche beta che ho descritto è che potremmo anche vedere un po’ di aumento dei tassi di rotazione delle carte da dove loro sono oggi. Quindi tutte queste cose servono solo a lasciarti con una sorta di netta impressione che ci siano venti contrari e potenzialmente alcuni venti favorevoli. Ma l’unica cosa che noterò solo mentre guardiamo avanti al primo trimestre, come promemoria, nel modo in cui calcoliamo il conteggio dei giorni NIM ha un effetto. Quindi l’unica cosa che sappiamo per certo è che avremo un vento contrario di circa 14 punti base nel primo trimestre a causa di due giorni in meno nel trimestre.

Betsy Graseck — Morgan Stanley — Analista

Advertisement

OK. È un colore super utile. Come follow-up, volevo solo avere un’idea di come stai pensando alle prospettive per il marketing? Ovviamente, un motore di crescita fondamentale, e so che è stato qualcosa con cui hai avuto molto successo nel generare quel cliente top of wallet, ma volevo solo vedere come dovremmo pensare a quell’investimento mentre entriamo nel prossimo anno con questo vento contrario NIM, ecc.?

Ricco Fairbank — Amministratore delegato

Betsy, sì, continuiamo a – mi sento molto bene per la trazione che stiamo ottenendo nel marketing. Naturalmente, la maggior parte del marketing che facciamo è nel settore delle carte. Continuiamo a vedere interessanti opportunità di crescita in tutta l’azienda per la creazione di nuovi account. Abbiamo continuato ad espandere i nostri prodotti e i canali di marketing da cui proveniamo.

Vediamo prove ovunque dei vantaggi della nostra trasformazione tecnologica che ci offre qualche opportunità in più. Quindi ci sentiamo molto bene a riguardo. Lei ha menzionato, ovviamente, come ci sentiamo ad appoggiarci a questo nel contesto della potenziale recessione incombente. E quello che facciamo è semplicemente continuare a guardare intorno ai bordi delle nostre origini e cercare luoghi che potremmo pensare possano essere particolarmente propensi a presentare una sfida o essere vulnerabili o cose che vediamo avere qualsiasi tipo di problema di prestazioni, e in un certo senso rifiniamo i bordi.

Advertisement

Questo è ciò che facciamo da tre decenni in Capital One e continuiamo a farlo. Quindi c’è un po’ di rifinitura attorno ai bordi. Ma in realtà, l’impressione netta che ti porterei sul lato della carta è che continuiamo ad appoggiarci. Ora, naturalmente, c’è il marketing che facciamo solo – per originare account direttamente attraverso tutti i mezzi di marketing diretto.

Naturalmente, abbiamo i nostri continui investimenti sul lato del marchio, noi – gli investimenti pesanti, che sono particolarmente pesanti in termini di costi di marketing. Continuiamo a ottenere un’ottima trazione dal lato dei fornitori, la nostra crescita mentre osservi ogni tipo di gamma di spender, il – stiamo ottenendo la crescita maggiore nella fascia più alta. Quindi questo continua ad essere un buon segno per noi. E così, ci stiamo appoggiando a questo.

E poi, l’altra cosa dal lato del marketing, ovviamente, è il marketing della banca nazionale. Hai visto parte del successo che stiamo avendo lì. Tutti nel settore bancario si stanno in qualche modo appoggiando al lato della crescita dei depositi nel contesto del cambiamento dei tassi di interesse. E alcuni depositi che guidano i sistemi bancari.

Quindi le nostre sedi di marketing ottengono un’ottima trazione lì. Quindi, tirandoci su, continuiamo a sentirci bene con il marketing. Ci piace la trazione che stiamo ottenendo. E abbiamo, ovviamente, un occhio molto vigile sull’ambiente economico in cui ci stiamo muovendo.

Advertisement

Jeff Norris — Vicepresidente senior, finanza globale

Prossima domanda, per favore.

Operatore

La nostra prossima domanda viene dalla linea di Bill Carcache con Wolfe Research.

Advertisement

Bill Carcache — Wolfe Research — Analista

Ciao. Buona serata. Grazie per aver accettato la mia domanda. Rich, volevo dare seguito al tuo commento sulle metriche di delinquenza.

Al ritmo attuale della normalizzazione, è ragionevole aspettarsi che potremmo vedere i DQ tornare ai livelli pre-pandemia entro la metà del 2023? E poi da lì, la tua prospettiva suggerisce che ti aspetti che le insolvenze si appiattiscano? Oppure vi aspettate prudenzialmente che le DQ si alzino e siete preparati a un certo grado di modesto peggioramento del credito che forse vada un po’ oltre la normalizzazione?

Ricco Fairbank — Amministratore delegato

Advertisement

Bene, quello che abbiamo detto, Bill, è che ci sono molte metriche da guardare, e posso anche parlarti di alcune – anche alcune delle altre che stiamo guardando. Ma il numero 1, che vorremmo indicare ai nostri investitori, è la delinquenza. E le voci di delinquenza e i flussi di delinquenza individuali hanno visto la normalizzazione in atto lì, come ho detto prima.

E pensiamo che continui – è interessante loro – quando guardi alle insolvenze stesse e alla maggior parte delle metriche del credito, continuano a continuare a muoversi verso quella che chiamiamo una sorta di normalizzazione. La normalizzazione, ovviamente, non è un punto preciso. Ma ci sono anche una serie di altre cose che guardiamo che penso, mostrino una sorta di forza di dove questa cosa è diretta. E uno è sulle curve vintage di nuove origini.

Continuano ad essere piuttosto piatti mese dopo mese. Sono, ovviamente, ritardati di diversi mesi, ma piuttosto piatti. E in – quando confrontiamo i singoli segmenti con dove erano nel periodo pre-pandemia. praticamente uno sopra l’altro.

Quindi è un buon segno. Continuiamo a guardare i nostri tassi di pagamento, che continuano ad essere elevati, ci piacciono i tassi di pagamento elevati che abbiamo ipotizzato che si normalizzeranno in parte fino a dove erano prima. Ma, naturalmente, c’è stato un cambiamento di mix verso più spendaccioni all’interno del portafoglio di Capital One. Ma i tassi di pagamento continuano ad essere elevati.

Advertisement

La percentuale di clienti che effettuano solo il pagamento minimo è ancora al di sotto dei livelli pre-pandemia. La percentuale di clienti che effettuano pagamenti completi è superiore ai livelli pre-pandemici, il tasso di rotazione è pressoché invariato rispetto allo scorso anno e rimane al di sotto dei livelli pre-pandemia. Quindi queste sono tutte cose che sono indicatori positivi. Ma voglio dire anche, ancora una volta, che c’è stato un cambiamento di mix nel nostro portafoglio con un po’ di spostamento verso gli spendaccioni più pesanti.

Molte di queste metriche potrebbero non tornare completamente al punto in cui erano prima della pandemia. Ma se ci fermiamo su questo, ciò che vediamo non è nulla di sorprendente. Sarebbe coerente con un consumatore che esce da alcuni degli stimoli estremi e da alcuni degli estremi ritiri della pandemia e torna a un comportamento più normale. E penso che le metriche della delinquenza siano certamente indicatori principali di quella traiettoria.

Bill Carcache — Wolfe Research — Analista

È molto utile, Rich. Se posso, come follow-up, argomento separato. Puoi darci un aggiornamento sulla strategia di Capital One per ridurre l’attrito alla cassa con diverse soluzioni di portafoglio elettronico per i consumatori? Ci sono stati alcuni recenti rapporti di stampa riguardanti partnership con altri fornitori di portafogli digitali. Sarebbe utile se potessi condividere i tuoi ultimi pensieri.

Advertisement

Ricco Fairbank — Amministratore delegato

Quindi una frase che ho usato spesso è la punta di lancia nella trasformazione dei pagamenti bancari, sia dal punto di vista del consumatore che da quello commerciale. E il motivo per cui lo dico è che prima di tutto è molto incline a cambiamenti significativi nella tecnologia. Inoltre, non è uno spazio così pesantemente regolamentato come gran parte del settore bancario, non devi essere una holding bancaria per fare molte di queste cose. E questa è in realtà l’area in cui abbiamo visto sicuramente molta trazione – da parte di un’azienda tecnologica di grande successo.

Quindi Capital One ha – continuiamo a supportare i vari attori tecnologici, che hanno sviluppato innovazioni di pagamento e continuiamo a sviluppare innovazioni nostre. Ci sono state alcune notizie nelle notizie di oggi, infatti, su potenzialmente un nuovo portafoglio in uscita. Siamo uno dei sette comproprietari ad essere EWS. E siamo una delle migliaia di banche che utilizzano EWS.

Ma su quello, non abbiamo davvero commenti specifici per anticipare il team di gestione di EWS su questo.

Advertisement

Jeff Norris — Vicepresidente senior, finanza globale

Prossima domanda, per favore.

Operatore

Grazie. E la nostra prossima domanda viene dalla linea di Don Fandetti con Wells Fargo.

Advertisement

Don Fandetti — Wells Fargo Securities — Analista

Ciao. Rich, mi chiedevo se puoi parlare un po’ dei tuoi pensieri sul credito auto. E poi come follow-up, cosa vedi sulla spesa con carta di credito, in particolare, chi spende molto e se può sostenere o meno per viaggiare e spendere numeri?

Ricco Fairbank — Amministratore delegato

In auto, parliamo un po ‘del business automobilistico e forse un po’ di paragone con il business delle carte. Solo per parlare di auto come molte delle stesse tendenze. Sono tutte le stesse tendenze generali in corso con il consumatore e la normalizzazione di cui abbiamo parlato. Il business automobilistico ha anche alcune altre cose che sono uniche.

Advertisement

I recuperi automatici, ad esempio, gli inventari di recuperi automatici sono insolitamente bassi a causa degli addebiti molto bassi che abbiamo avuto negli ultimi anni. Gli addebiti passati sono fondamentalmente la materia prima per i recuperi futuri. Quindi la notizia generalmente buona che è stata nell’industria automobilistica dei robusti prezzi delle auto usate esercita effettivamente una pressione al rialzo sul nostro tasso di perdita complessivo mentre le scorte di recupero si accumulano. Quindi anche noi – in termini di parametri di credito, abbiamo assistito a un maggiore degrado nel livello molto, molto basso e per lo più al di sotto di dove giochiamo nel settore automobilistico, ma abbiamo ridotto un po ‘i bordi al – al nostro propria fascia bassa.

Ma fondamentalmente, continuiamo a sentirci molto bene con le nostre origini dal punto di vista del credito. Il problema più grande nel settore automobilistico è la pressione sui margini che è venuta dall’aumento dei tassi di interesse che non sono stati completamente recepiti dalla concorrenza. Quindi continuiamo a sentirci davvero bene riguardo all’opportunità dell’auto, ma il nostro pullback non è davvero un pullback guidato dal credito quanto piuttosto un pullback guidato dal margine. Ma certamente vediamo il – possiamo vedere la normalizzazione nel settore automobilistico.

Don Fandetti — Wells Fargo Securities — Analista

OK. E poi sulla spesa con carta di credito, stesso negozio, vedi moderazione? E puoi parlare delle tendenze di chi spende molto?

Advertisement

Ricco Fairbank — Amministratore delegato

Sì. Noi – noterai che i nostri numeri di crescita della spesa si sono moderati un po ‘in questo trimestre. Stiamo assistendo a una spesa per account, per cliente moderata in tutto il nostro portafoglio, moderando maggiormente all’estremità inferiore, ma vediamo la moderazione. Lo vediamo meno negli spendaccioni più pesanti, ma la moderazione che vedi nelle nostre metriche di crescita della spesa è guidata davvero da ciò che sta accadendo per account, continuiamo a ottenere una buona crescita degli account.

Quindi questo è un fenomeno che – e poi ci chiediamo, beh, per cosa dovremmo fare il tifo? Penso che tu stia assistendo a una risposta molto razionale da parte dei consumatori nei confronti dell’ambiente. C’è stato un forte aumento della spesa. Penso che stia in qualche modo moderando, in particolare in luoghi diversi dalla fascia più alta del mercato. Quindi penso che sia fondamentalmente un segno che i consumatori sono razionali.

Jeff Norris — Vicepresidente senior, finanza globale

Advertisement

Prossima domanda, per favore.

Operatore

La nostra prossima domanda viene dalla linea di Sanjay Sakhrani con KBW.

Sanjay Sakhrani — KBW — Analista

Advertisement

Grazie. Andrew, prima domanda per te sui riacquisti di azioni. Forse potresti semplicemente aiutarci a pensare al ritmo dei riacquisti di azioni man mano che andiamo avanti, perché so che li avete rallentati, ma avete accumulato capitale? Forse puoi aiutarci prima con quello?

Andrea Giovane — Capo dell’ufficio finanziario

Certo Sanjay. In termini di riflessione sul capitale che abbiamo spostato nel corso degli ultimi due anni da – nel ’14, abbiamo raggiunto un punto minimo del 12, 1%, un paio di trimestri fa. Ma mentre siamo seduti qui oggi, stiamo solo osservando i livelli effettivi e previsti e gli utili e la crescita in particolare, condizioni economiche e ci sono alcune barre di errore piuttosto ampie attorno a questi fattori, in particolare per quanto riguarda la crescita e l’incertezza economica. E così, in questo momento riteniamo che sia bene essere un po’ più prudenti con la gestione del rischio di gestire quel capitale.

Ma chiaramente, abbiamo la flessibilità per quanto riguarda le nostre decisioni sul capitale sotto le SCB. E così – e lo so, Rich, se volessi fare commenti anche sui riacquisti.

Advertisement

Ricco Fairbank — Amministratore delegato

Sì. Bene, noi – penso che continuiamo a generare molto capitale, e noi una parte centrale della nostra strategia è il ritorno del capitale attraverso riacquisti di azioni e dividendi. Ultimamente, abbiamo ridotto un po’ la questione proprio come misura di prudenza in un momento insolitamente incerto come questo. Penso che ci sia – non ho mai incontrato nessuno, che in un certo senso dica di avere troppo capitale in una recessione.

Quindi, dopo livelli molto forti di riacquisti, abbiamo moderato qui in questo ambiente, ma la strategia di Capital One continua ad essere la stessa e crediamo che il ritorno del capitale sia una parte importante dell’equazione economica per gli investitori nel tempo.

Sanjay Sakhrani — KBW — Analista

Advertisement

Quindi dovremmo assumere una sorta di ritmo del quarto trimestre come un buon ritmo di esecuzione o semplicemente non assumere nessuno?

Andrea Giovane — Capo dell’ufficio finanziario

Sì, Sanjay. Lo gestiremo in modo dinamico in base a ciò che vediamo sul mercato e ai fattori che ho descritto prima. Quindi, a questo punto, avete visto cosa abbiamo fatto negli ultimi mesi, circa 50 milioni di dollari al mese. Ma ancora una volta, abbiamo flessibilità e poiché abbiamo un po ‘più di certezza su come andranno a finire i prossimi trimestri, questo informerà le nostre azioni.

Operatore

Advertisement

Grazie.

Jeff Norris — Vicepresidente senior, finanza globale

Prossima domanda, per favore.

Operatore

Advertisement

La nostra prossima domanda viene dalla linea di Arren Cyganovich con Citi.

Arren Cyganovic — Citi — Analista

Grazie. Forse potresti solo parlare un po’ del livello di crescita del marketing per l’anno. Hai fatto un piccolo passo avanti, direi, nel 2022 e i tassi di crescita lì, ovviamente mostrando molta trazione nella maggior parte delle tue metriche. C’è essenzialmente una sorta di rallentamento, ma hai ancora la capacità di continuare a crescere e cogliere l’opportunità dal lato delle carte?

Ricco Fairbank — Amministratore delegato

Advertisement

Sì. Arren, sì, il marketing della storia del marketing ha diversi componenti. Uno è solo il – e una parte importante di questo è il tipo di risposta in tempo reale alle opportunità che vediamo. E continuiamo – e sto parlando in particolare della carta e, naturalmente, la carta è dove si trova la maggior parte del marketing.

Ma continuiamo a vedere interessanti opportunità di crescita in tutta la nostra attività e ci stiamo appoggiando a loro. In questo modo – e corrisponde a una certa espansione delle opportunità che sono solo un sottoprodotto della nostra trasformazione tecnologica, e sono solo più punti di accesso, più canali, modelli di credito più migliori che danno un accesso un po’ più profondo e più ampio alle opportunità e più granularità . Maggiore è la granularità che otteniamo dai nostri modelli, in realtà, più possiamo separare i clienti attraenti da quelli meno attraenti e questo ci consente di appoggiarci di più. Quindi il marketing – la ricerca delle opportunità in tempo reale che vediamo è una parte importante del marketing e sta andando molto bene.

Il secondo driver importante, ovviamente, è la continua trazione che stiamo ottenendo nel nostro viaggio di 10 anni per guidare sempre più di fascia alta con particolare attenzione a chi spende molto. E ripenso a quando abbiamo lanciato la venture card nel 2010. E — ma ovviamente, questo viaggio — e abbiamo dichiarato per anni che la ricerca del vertice del mercato non è qualcosa di opportunistico di dentro e fuori. E si tratta molto di più di lavorare a ritroso rispetto a ciò che serve per vincere con chi spende molto e poi investire per poterlo fare.

E si tratta di ottimi prodotti con pesanti contenuti di ricompensa, ottimo servizio, esperienze digitali eccezionali, ma anche sempre più esperienze che sono coerenti con lo stile di vita di fascia alta e così via. Quindi ci sono stati un sacco di investimenti lì. La maggior parte di questo, non tutto, ma molto si manifesta nel marketing. Ciò ha anche una significativa componente iniziale in termini non solo di marketing diretto e costruzione del marchio, ma anche di bonus di spesa anticipata che passano attraverso la linea di marketing quando noi – nella fase iniziale di questi account.

Advertisement

Quindi è qualcosa che abbiamo coltivato e sostenuto negli ultimi anni, adoriamo la trazione che stiamo ottenendo. E così, continuiamo ad appoggiarci a questo. E poi, ancora una volta, la banca nazionale, dove voglio solo commentare, siamo davvero contenti della banca nazionale che abbiamo costruito. Questo è un – siamo l’unico tipo di banca nazionale a servizio completo che non è – non ha una ricerca nazionale – attraverso l’acquisizione per continuare a crescere.

In altre parole, se tutte le banche sono delle nostre dimensioni o anche più piccole, il percorso realistico per la crescita è farlo attraverso fusioni e acquisizioni. Il nostro percorso è organico. Abbiamo investito parecchio per creare funzionalità digitali complete per quasi tutto ciò che puoi fare in una filiale per poterlo fare digitalmente da un cliente. E così, la nostra storia di crescita non riguarda solo i conti di risparmio, ma riguarda anche i conti correnti.

E questa è la nostra ricerca che abbiamo intrapreso per un certo numero di anni per costruire una banca nazionale. Anche questo è – questa è la distribuzione fisica leggera e il marketing pesante. Quindi un sacco di cose si uniscono per creare i livelli di marketing piuttosto grandi che abbiamo ora, ma ci sentiamo molto bene per la trazione che stiamo ottenendo.

Arren Cyganovic — Citi — Analista

Advertisement

Molto utile. Grazie.

Jeff Norris — Vicepresidente senior, finanza globale

Prossima domanda, per favore.

Operatore

Advertisement

La nostra prossima domanda viene dalla linea di Richard Shane con JP Morgan.

Riccardo Shane — JP Morgan — Analista

Hey ragazzi. Grazie per aver accettato la mia domanda. Andrew, hai fatto il commento parlando del tasso di riserva sul portafoglio delle carte e riflettendo la stagionalità dell’aumento della spesa e dei saldi dai conti orientati alla spesa. Mentre ci spostiamo nel primo trimestre, dovremmo presumere che con il normale deflusso del portafoglio, ma un mix shift che quel rapporto di copertura dell’indennità aumenterà effettivamente perché otterrai un mix shift?

Andrea Giovane — Capo dell’ufficio finanziario

Advertisement

Beh, ci sono un certo numero di fattori, Rick, che giocheranno nel rapporto di copertura. Quindi perché non mi fermo e dispongo i pezzi chiave e prevedo le ipotesi della nostra indennità. E arriverò al tuo punto di equilibrio stagionale in un attimo. Ma penso che sia importante disporre tutte le parti componenti piuttosto che parlare solo di una singola, poiché tutte influiranno su dove va la copertura da qui.

Quindi la prima parte dell’indennità è che stiamo usando i modelli per stimare i prossimi 12 mesi di perdite. E il primo periodo di questa previsione è generalmente più accurato perché, come diceva Rich in precedenza, possiamo esaminare gli inventari di insolvenza esistenti e i tassi di flusso oltre quei mesi che incorporiamo nelle ipotesi economiche, diventano un fattore più significativo della perdita attesa contenuto. L’ho fatto riferimento nella risposta alla prima domanda che è stata posta durante la chiamata, ma le barre di errore attorno al contenuto della perdita si sono ampliate man mano che usciamo nel corso dell’anno. Il secondo fattore che incide sulle indennità, partiamo dal tasso di uscita del primo anno per le perdite e quindi assumiamo un ritorno a una media a lungo termine nei successivi 12 mesi.

E poi, la terza cosa è che abbiamo previsto i recuperi netti rispetto alle stime di perdita per tutti quei periodi. E così, oltre a tutti questi presupposti, inseriamo un fattore nei punti in cui riteniamo che i risultati modellati abbiano dei limiti. E così, finiamo per mettere insieme tutti quei pezzi per valutare l’indennità. Il prodotto aperto della carta di credito è diverso dai prestiti chiusi mentre passiamo attraverso quei meccanismi perché con i prestiti chiusi, stiamo riservando il contenuto di perdita stimato per l’account.

Ma in un prodotto rotante come la carta, siamo in grado di riservare solo il contenuto della perdita relativo ai saldi che si trovano nei libri alla fine del trimestre rispetto al contenuto della perdita previsto per l’account. Quindi, arrivando alla tua domanda, quando avremo saldi stagionali elevati nel quarto trimestre, ci aspettiamo che una parte di quei saldi si riduca molto rapidamente. E quindi, è probabile che quei saldi specifici abbiano un contenuto di perdita molto, molto basso, dato che la durata del saldo è molto più breve della durata del conto. Quindi, a parità di condizioni, il rapporto di copertura nel quarto trimestre ha un po’ di naturale pressione al ribasso da quel denominatore elevato come suggerisci.

Advertisement

Ma guardando al futuro, ci sono una serie di fattori che possono influire su dove va l’indennità da qui al di là di quel singolo effetto nei periodi in cui le perdite future potrebbero aumentare. Sostituiremmo il contenuto a bassa perdita del trimestre corrente con il contenuto di perdita più elevato previsto in un periodo futuro. E per quello che vale, anche quelle ipotesi portano a quel periodo di ritorno. Dato che abbiamo una crescita con saldi destagionalizzati, Rich lo ha menzionato prima, CECL fa avanzare significativamente il costo della crescita dell’indennità.

E poi, il terzo fattore sta uscendo da un periodo in cui abbiamo perdite insolitamente basse come abbiamo sperimentato negli ultimi due trimestri, hai recuperi inferiori per compensare il contenuto di perdita previsto. Quindi tutte queste cose possono esercitare una pressione al rialzo sull’indennità, ma possiamo anche avere revisioni delle nostre ipotesi economiche sui tassi di flusso di delinquenza solo sul nostro contenuto di perdita complessivo. E così, ci sono pressioni nella direzione opposta. E quindi, apprezzo che tu mi abbia sopportato per una risposta complessa e prolissa, ma penso che tutti abbiamo visto la complessità e la prociclicità del CECL manifestarsi durante la pandemia, quando abbiamo dovuto fare una serie di ipotesi.

Mentre la pandemia si esauriva, abbiamo accumulato un’indennità considerevole solo per rilasciarla praticamente tutta nei trimestri successivi. E quindi, è solo una cosa molto difficile da prevedere date tutte le ipotesi in gioco, ed è per questo che stiamo cercando di concentrarti su NACO e di considerare le insolvenze come un indicatore all’avanguardia di NACO, perché è in definitiva dove il vero costo economico si fa sentire.

Riccardo Shane — JP Morgan — Analista

Advertisement

Fatto. No, è un’ottima risposta e sono felice di sopportarti. Probabilmente lo leggerò nella trascrizione circa altre sette volte. Quindi grazie.

Jeff Norris — Vicepresidente senior, finanza globale

Prossima domanda, per favore.

Operatore

Advertisement

La nostra prossima domanda viene dalla linea di Moshe Orenbuch con Credit Suisse.

Moshe Orenbuch — Credit Suisse — Analista

Grande. Grazie. E speravo di parlare un po’ di marketing. Voglio dire, Rich, hai detto che eri principalmente nella carta e principalmente nel cliente di alto livello.

Ma potresti parlare un po’ di, n. 1, cosa potresti fare in un certo senso in nonprime? E come dovremmo pensare se la spesa totale per il marketing, dato quello che vedi, sarà probabilmente più alta nel ’23 o no?

Advertisement

Ricco Fairbank — Amministratore delegato

Sì. Quindi Moshe, sono contento che tu abbia posto la domanda, perché non vorrei che l’impressione netta fosse – penso che quello che stavi dicendo è che il nostro marketing è principalmente solo nel segmento dei clienti di alto livello. Differenzialmente rispetto ad anni fa, abbiamo sicuramente avuto un passaggio alla fascia più alta in termini di marketing. Anche il marketing è così costoso a tal fine.

E poi, anche il marketing di fascia alta tende in un certo senso a sollevare le barche attraverso il franchising. Quindi il marketing di fascia alta sta portando molto sulle sue spalle, Moshe. Ma facciamo molto marketing nel mercato di massa del business delle carte, anche nella fascia più alta del segmento subprime del mercato. Questa è — la nostra strategia qui è Beh, cambia tutto — la modifichiamo attorno a t lui bordi tutto il tempo.

Lo facciamo da quasi tre decenni ormai nella fascia più bassa del mercato. E il marketing lì è marketing diretto, risposta allo stimolo, molto basato sulle informazioni. E così, la macchina di marketing che abbiamo costruito, che è stata migliorata dalla tecnologia qui, si sta decisamente appoggiando a questa opportunità. E voglio dire che il – continuiamo a ottenere una buona trazione nelle parti subprime e prime del mercato anche se certamente rispetto a 10 anni fa, abbiamo molto più marketing in corso nella parte superiore del mercato.

Advertisement

Quindi c’è molto da fare e ci sentiamo bene con la trazione lì.

Moshe Orenbuch — Credit Suisse — Analista

Fatto. Forse solo per una specie di – come follow-up, cosa ti servirebbe per vedere nel portafoglio o nel mercato per fare meno marketing?

Ricco Fairbank — Amministratore delegato

Advertisement

Sì. Il modo in cui questo tende ad accadere è che accade in un piccolo segmento, un micro segmento al margine in risposta a cose che vediamo accadere lì. Uso molto questa frase, tagliando i bordi. E mi hai sentito usarlo per molti, molti anni.

E questo è qualcosa che facciamo sempre o che stiamo espandendo oltre i bordi. Il sigillo netto di questi giorni è che stiamo facendo più rifiniture attorno ai bordi che espandendo attorno ai bordi, ma è – quindi si tratta meno di dire ai vertici della casa, crediamo solo che dovremmo fare, ovviamente, al in cima alla casa, stiamo osservando tutte le cose macro, ma stiamo collegando ciò che vediamo a livello macro a ciò che stiamo vedendo proprio lì in tempo reale o il prima che possiamo vedere dalle nostre metriche di credito. E poi, utilizzando la tecnologia su cui abbiamo continuato a investire così tanto per avere una diagnosi sempre più granulare. E in un momento prima che mai, diagnosi di dove qualcosa sta deviando dalla traiettoria che ci aspetteremmo.

E poi, uno è una sorta di diagnosi di deviazione. E la seconda cosa, ovviamente, è cercare di ottenere una sorta di comprensione della causa principale di ciò che potrebbe guidarlo. E questo è qualcosa su cui continuiamo a investire molta energia e ci ha portato a tagliarne un po’. Ci sono alcune cose che abbiamo visto degradare una discreta quantità attorno ai bordi.

Sono abbastanza piccoli nella dimensione complessiva delle cose, ma siamo sicuramente contenti quando li vediamo. E poi, quello che proviamo a fare è collegare i dati che vediamo al comportamento che — mi scusi, a una specie di spiegazione di cosa sta succedendo da un cliente e alla dinamica del credito per poter vedere se ha senso. Quindi, man mano che le cose vanno avanti, è meno probabile e diciamo, andiamo più in una fase discendente. È meno probabile che dal lato della carta tu veda un grande pullback.

Advertisement

Il tipo di cose che vedresti come una maggiore riduzione dei bordi, una maggiore riduzione delle linee di credito concesse e sarebbe più come andrebbe a finire.

Operatore

Grazie.

Jeff Norris — Vicepresidente senior, finanza globale

Advertisement

Prossima domanda, per favore.

Operatore

La nostra prossima domanda viene dalla linea di John Pancari con Evercore ISI.

Giovanni Pancari — Evercore ISI — Analista

Advertisement

Buona serata. Sul – per quanto riguarda la costruzione della riserva in termini di fattori trainanti della costruzione della riserva in questo trimestre, so che hai citato la crescita del prestito. Hai citato il contesto macro e hai individuato la normalizzazione del credito. C’è un modo per aiutare ad analizzare quanta parte della costruzione di $ 1 miliardo è attribuibile alla crescita dei prestiti rispetto alla macro rispetto alla normalizzazione del credito?

Andrea Giovane — Capo dell’ufficio finanziario

Sì, John, non scomponiamo questi componenti in parte perché alcuni di essi sono effettivamente correlati tra loro, ad esempio, il modo in cui pensiamo ai fattori qualitativi e il modo in cui pensiamo alla nostra previsione di base è legato l’uno all’altro. E quindi, ecco perché volevamo solo tracciare quel trimestre su trimestre quando guardi le stime di consenso per cose come la disoccupazione, guardando avanti al 2023, da dove eravamo alla fine del terzo trimestre a dove eravamo alla fine del quarto trimestre, guardando avanti ad alcune di queste metriche, abbiamo visto un certo peggioramento. E quando lo accoppi con lo spostamento in avanti di un trimestre e la sostituzione di un contenuto di perdita molto inferiore nel quarto trimestre con una normalizzazione continua come ho fatto riferimento al 2023, questi sono i fattori che entrano in gioco. Ma in realtà non sono nemmeno in grado di separare le parti componenti perché sono legate l’una all’altra con tutti i presupposti.

Giovanni Pancari — Evercore ISI — Analista

Advertisement

OK. No, ho capito. È utile. Il punto di normalizzazione, se potessi chiedere ancora una cosa su questo, c’era qualcosa sulla normalizzazione? E apprezzo il colore che hai già dato.

Ma c’è qualcosa nella normalizzazione che stai vedendo che è più veloce del previsto? O qualche cambiamento del genere che ha reso necessaria la dimensione della costruzione in questo trimestre?

Andrea Giovane — Capo dell’ufficio finanziario

No. E penso che Rich abbia toccato alcuni di questi in una delle sue precedenti risposte, ma quello che stiamo vedendo in termini di normalizzazione sta andando come previsto. Fa parte del motivo per cui ho voluto sottolineare il fatto che i meccanismi della riserva tengono conto solo di quel periodo di modello di 12 mesi e tornano da lì. E così, stiamo solo consentendo il contenuto, anche il contenuto eccezionale alla fine del trimestre.

Advertisement

Quindi, anche se le cose andassero esattamente come ci aspettiamo, potremmo vedere aumentare l’indennità, proprio come abbiamo visto in questo trimestre, dipende solo da tutta una serie di fattori.

Jeff Norris — Vicepresidente senior, finanza globale

E penso che questo concluda il nostro Q&A per la serata. Grazie per esserti unito a noi nella teleconferenza di oggi e grazie per il tuo continuo interesse per Capital One. Il team per le relazioni con gli investitori sarà qui più tardi questa sera se ha altre domande. Buonanotte.

Operatore

Advertisement

[Operator signoff]

Durata: 0 minuti

Partecipanti alla chiamata:

Jeff Norris — Vicepresidente senior, finanza globale

Andrea Giovane — Capo dell’ufficio finanziario

Advertisement

Ricco Fairbank — Amministratore delegato

Mihir Bhatia — Bank of America Merrill Lynch — Analista

Ryan Nash — Capital One Securities — Analista

Betsy Graseck — Morgan Stanley — Analista

Advertisement

Bill Carcache — Wolfe Research — Analista

Don Fandetti — Wells Fargo Securities — Analista

Sanjay Sakhrani — KBW — Analista

Arren Cyganovic — Citi — Analista

Advertisement

Riccardo Shane — JP Morgan — Analista

Moshe Orenbuch — Credit Suisse — Analista

Giovanni Pancari — Evercore ISI — Analista

Più analisi COF

Advertisement

Tutti i guadagni chiamano le trascrizioni

Questo articolo è una trascrizione di questa teleconferenza prodotta per The Motley Fool. Mentre ci impegniamo per il nostro Foolish Best, potrebbero esserci errori, omissioni o inesattezze in questa trascrizione. Come per tutti i nostri articoli, The Motley Fool non si assume alcuna responsabilità per l’utilizzo di questi contenuti e ti incoraggiamo vivamente a fare le tue ricerche, incluso ascoltare tu stesso la chiamata e leggere i documenti SEC dell’azienda. Si prega di consultare il nostro Termini e Condizioni per ulteriori dettagli, comprese le nostre esclusioni di responsabilità obbligatorie in maiuscolo.

The Motley Fool non ha alcuna posizione in nessuno dei titoli menzionati. Il Motley Fool ha un politica di divulgazione.

Advertisement
Advertisement

Trending