lunedì 30 novembre 2020

Fondo pensione svedese con miliardi di attività gestite per bloccare gli investimenti in combustibili fossili

Natalya Danko | EyeEm | Getty Images

Annunciato un importante fondo pensione svedese che “non investirà più in combustibili fossili”.

Första AP-fonden (AP1), che è uno dei cinque fondi pensione nel sistema pensionistico nazionale del paese, ha delineato i motivi della sua decisione in una dichiarazione pubblicata lunedì.

Il fondo con sede a Stoccolma ha spiegato che il passaggio a un’economia a basse emissioni di carbonio meno dipendente dai combustibili fossili ha rappresentato “una sostanziale incertezza per le società coinvolte nelle attività di carbone, petrolio e gas naturale”

Ha aggiunto che “gli investimenti continui relativi a queste attività possono aumentare l’esposizione al rischio finanziario del fondo” e ha affermato che la sua decisione è stata presa una misura per gestire l’esposizione al rischio climatico del fondo. “

A partire da dicembre 31 2019, AP1 aveva 366 miliardi di corona svedese (circa $ 36. 82 miliardi) di attivi in ​​gestione.

Lunedì, il presidente del fondo, Urban Hansson Brusewitz, ha descritto la cessione dai combustibili fossili come “un efficiente per il fondo gestire il rischio finanziario associato a una transizione in linea con l’accordo di Parigi. “

Ha continuato affermando che AP1 aveva” deciso di sviluppare una tabella di marcia e misurabile obiettivi per raggiungere un portafoglio carbon neutral di 2050. ” L’annuncio di questa settimana arriva dopo che AP1 ha deciso di smettere di investire in aziende coinvolte con sabbie bituminose e carbone termico in ritardo 2018. La decisione appena annunciata di cedere da tutti i combustibili fossili è stata presa dal consiglio di amministrazione del fondo a dicembre 2019.

Negli ultimi anni un certo numero di organizzazioni, gruppi e governi hanno preso decisioni per allontanarsi dai combustibili fossili.

A gennaio 2020, il governo federale tedesco e i quattro stati tedeschi in cui viene estratta la lignite – o carbone bruno acconsentono a “una via da seguire” per la graduale eliminazione delle centrali elettriche a carbone nel paese.

In un annuncio dell’epoca, il governo federale dichiarò che avrebbe fornito 40 miliardi di euro (circa $ 43. 87 miliardi) agli stati federali interessati dalla transizione.

Lo scorso novembre, la Banca europea per gli investimenti ha annunciato che avrebbe smesso di finanziare per progetti di energia da combustibili fossili “dalla fine di 2021.” In 2017, una coalizione di 40 Le istituzioni cattoliche hanno annunciato la decisione di prelevare i loro soldi da – o bloccare investimenti futuri in – combustibili fossili. All’epoca, il Global Catholic Climate Movement lo definì “il più grande annuncio congiunto di disinvestimento da parte delle organizzazioni cattoliche fino ad oggi.”

Articolo originale di CNBC