sabato 25 settembre 2021

Google svela la tecnologia per rendere più semplice per medici e pazienti condividere informazioni sulla salute

Sundar Pichai, amministratore delegato di Google LLC, interviene durante il Google Cloud Next ’19 evento a San Francisco, California, USA, martedì 9 aprile 2019.

Michael Short | Bloomberg | Getty Images

Google annuncia la disponibilità generale di tecnologia che, se ampiamente adottata, potrebbe rendere più semplice per i pazienti l’accesso alle proprie informazioni sulla salute tramite app di terze parti.

I sistemi di assistenza sanitaria potrebbero riscaldarsi con la tecnologia, nota come l’API di Google Healthcare, in quanto incombe un nuovo mandato governativo che richiederà loro di rendere più facile per i pazienti la visualizzazione e l’utilizzo dei loro dati sanitari.

Tuttavia, l’attività dominante di Google come società pubblicitaria che utilizza i dati dei clienti per indirizzare gli annunci ha creato pubblicità negativa e bloccato alcune iniziative passate nel settore della salute. Google è attualmente il terzo più grande fornitore di tecnologia cloud, dietro Amazon e Microsoft.

‘Due anni per conformarsi’

A partire da lunedì, gli operatori sanitari possono costruire nuovi sistemi utilizzando la nuova API di assistenza sanitaria di Google per tradurre e convertire i dati memorizzati in diversi tipi di sistemi, dai sistemi di imaging a quelli medici registra software. Sebbene la documentazione affermi che l’API Healthcare è pensata per “archiviare e accedere ai dati sanitari in Google Cloud, fornendo un ponte critico tra i sistemi di assistenza esistenti e le applicazioni ospitate su Google Cloud”, Google ha affermato che i clienti non sono tenuti a archiviare i dati in Google Cloud.

Il rivale di Google Microsoft Azure ha anche un’API per l’assistenza sanitaria simile, progettata per aiutare i suoi clienti sanitari a connettersi a fonti, come le cartelle cliniche elettroniche.

Le aziende sanitarie sono sempre più costrette a condividere le informazioni sulla salute con i loro pazienti, così come le app sulla salute che scelgono di uso. Il Dipartimento della sanità e dei servizi umani ha pubblicato una serie di regole all’inizio di quest’anno per impedire alle società di assistenza sanitaria il cosiddetto “blocco delle informazioni”. La pratica, che durava da anni, rende difficile per le persone accedere alle proprie informazioni mediche presso l’ospedale o l’ufficio del medico. Alcuni sistemi sanitari dicono ai pazienti che dovranno pagare per i loro registri o che le informazioni sarebbero disponibili solo tramite PDF o CD-Rom stampati.

“Gli ospedali e i fornitori hanno due anni per conformarsi alle nuove regole”, ha osservato Aneesh Chopra, il primo responsabile della tecnologia della Casa Bianca e il presidente di Care Journey, un’analitica sanitaria società, in un’intervista a CNBC.

“Ciò potrebbe aiutarli a muoversi più velocemente e dovrebbe aumentare il mercato delle applicazioni rivolte ai medici, ai pazienti e potenzialmente ai piani sanitari, così gli individui possono ottenere le loro informazioni sanitarie che sarebbero state rinchiuse. “

Ci sono state anche sfide ben documentate per i pazienti nella condivisione delle informazioni tra ospedali, in particolare quelli che si basano su differenti venditori di cartelle cliniche. Google Cloud, in un post sul blog scritto da Joe Corkery, un medico e il suo direttore del prodotto, e Aashima Gupta, il suo direttore delle soluzioni sanitarie, osserva che può essere uno “sforzo erculeo” per i sistemi sanitari di accedere a una visione unificata dei dati da varie fonti.

I leader sanitari di Google Cloud notano che la pandemia di Covid – 19 mostra ancora perché l’interoperabilità dei dati sanitari è importante. Può aiutare a supportare i tipi di sforzi che sono già in corso, come la nuova app di Centers for Disease Control and Prevention che mira a condividere informazioni dai registri sanitari elettronici con i dipartimenti di sanità pubblica. L’app verrà lanciata a maggio.

“Covid – 19 sta davvero portando in primo piano l’intera conversazione sull’interoperabilità (dati sanitari)”, ha affermato Gupta , tramite una chiamata virtuale. “Sta diventando davvero cruciale dal punto di vista del paziente.”

“Le persone stanno ora riconoscendo che c’è solo un modo per affrontare questo periodo e che è quello di collaborare”, ha aggiunto John Halamka, presidente della piattaforma clinica Mayo. Mayo Clinic è un importante cliente cloud per Google, che ha un team di persone che lavorano nelle vicinanze di Rochester, Minnesota. “L’importante è che questa API sia un set di strumenti fornito da Google che facilita la condivisione dei dati tra medici e ospedali. Ma non si tratta di inviare i dati a Google.”

Articolo originale di CNBC