Entra in contatto con noi

Mercati americani

Guadagni scarsi, recessione superficiale per trascinare inizialmente l'S&P 500, ma mi aspetto una forte ripresa a 4.151 entro la fine del 2023

Pubblicato

il

25 dicembre 2022 8:00 ETIndice S&P 500 (SP500), SPIARECOMP.IND, NFLX, ADBE, ABB, AAPL, ASML, NVDA, TER, ACTV, AFMC, AFSM, ARKK, AVUV, BAPR, BAUG, BBMC, BBSC, BFOR, BFT, BJUL, BJUN, BKMC, BKSE, BMAR, BMAY, BOCT, CAPO, INCONTRO, IN FORMA, BUL, VITELLO, CAT, CBSE, CSA, CSB, CSD, CSF, CSML, CSTNL, CWS, CZA, DDIV, IN PROFONDITÀ, DES, DEUS, DFAS, DGRS, DIAM, DIV, DJD, ASSISTENTE, DSPC, DVLU, DWAS, DMC, EES, EFIV, EPS, UGUALE, ESML, ETO, EWMC, EWSC, EZM, FAVOLOSO, FAD, FDM, FTY, FLQM, FLQS, FNDA, FNK, FNX, FNY, FOVL, FRTY, FSMD, FTA, FTDS, FYC, FYT, FYX, GLRY, GSSC, SALVE, HIBL, HIBS, HLGE, HOMZ, HSMV, IJH, IJJ, IJK, IJR, IJS, IJT, IMCB, IMCG, IMCV, IPO, ISCB, ISCG, ISCV, ISMD, IUSS, IVDG, IO HO, IVOG, IVOO, IVOV, IVV, IVW, IWC, IWM, IWN, IWO, IWP, IWR, IWS, IYY, JDIV, JHMM, JHSC, JPME, JPSE, JSMD, JSM, KAPR, KJAN, KJUL, KNG, KOMP, KSCD, LSA, MDY, MDYG, MDYV, MGMT, MEDIO, MIDE, NAP, NJAN, NOBL, NUM, NUMV, NUSC, NVQ, OMFS, UNO O, ONEQ, ONEV, UNO, OSCV, OUSM, OVS, PAMC, PAPR, PAUGO, PBP, PBSM, PEXL, PEY, PJAN, PJUN, PLTL, PRFZ, PSC, PTMC, PUTW, PWC, PY, QDIV, QMOM, QQC, QQD, QQEW, QQQ, QQQA, QQQE, QQQJ, QQQM, QQQN, QQXT, QTEC, QVAL, QVML, QVMM, QVM, QYLD, QYLG, REGL, RF G, RFV, RNMC, RNSC, ROSC, gioco di ruolo, RPV, RSP, RVR43 commenti

Sommario

  • Mi aspetto che gli utili a termine dell’S&P 500 2024 siano di $ 237,2, che a mio avviso dovrebbero raggiungere 17,5 volte, un multiplo più in linea con il 3,5-4%, titoli del Tesoro a 10 anni.
  • Mi aspetto anche che gli utili dell’S&P 500 diminuiscano del 5% a circa $ 210 nel 2023 e poi recuperino del 13% su una base inferiore a $ 237 nel 2024.
  • A mio avviso, il mercato azionario nel 2023 sarà un mercato di trader, offrendo opportunità sia a short che a long.
  • Credo che l’S&P dovrebbe testare il suo minimo di ottobre 2022 di 3.577 nei primi 4 mesi del 2023.
  • Se si acquista e si tiene all’indice odierno di 3.837, il rendimento di un anno a un obiettivo di 4.151 risulta dell’8%, o se la media è inferiore a 3.600, risulta del 15%.

mario31

Delos Gioielli
Delos Gioielli

io Aspettatevi una lenta combustione con gli utili S&P 500 che scendono a $ 210 nel 2023

Il management e gli analisti dell’azienda non sono stati abbastanza disponibili nel ridurre l’S&P 500 (SP500) stime sugli utili e alimentano ancora la speranza che gli utili non diminuiscano in modo significativo nel 2023. È davvero delirante come Lisa Shalett di Morgan Stanley afferma: che gli amministratori delegati e, successivamente, gli analisti non hanno abbassato le stime degli utili per il 2023 e il 2024 in modo proporzionato, anche se molti prevedono con sicurezza una recessione. Prevedo che l’inflazione, che ha causato una riduzione graduale delle entrate a una cifra per le società S&P 500 nel 2023. Anche l’aumento del 6-8% di CPI e CPE per tutto il 2022, che ha esaurito i portafogli dei clienti, ha contribuito fortemente alla top line dell’S&P 500. Abbiamo pagato di più alla pompa e al negozio di alimentari perché le aziende hanno trasferito questi costi a noi, i loro clienti. È altamente improbabile che ciò accada nel 2023, soprattutto su una base più alta. In effetti, l’eccesso di scorte e la minore domanda dovrebbero portare a prezzi più bassi su tutta la linea.

Vedo la lenta reazione da parte di investitori e trader alla riduzione della guida sugli utili come la più grande minaccia per il mercato nel primo trimestre del 2023. Per ora, tuttavia, sembra una lenta combustione fino a quando la stagione degli utili del quarto trimestre-22 non inizierà sul serio nel terzo settimana di gennaio 2023, quando le indicazioni per il primo trimestre del 2023 e per l’intero anno 2023 finalmente si ribaltano e la delusione colpisce i mercati come un treno merci.

Non è che gli analisti abbiano dormito, hanno segnato un calo degli utili del 5,6% per il quarto trimestre del 2022 a ottobre e novembre.

Secondo FactSet la stima bottom-up dell’EPS del quarto trimestre (che è un’aggregazione delle stime mediane dell’EPS per il quarto trimestre per tutte le società dell’indice) è diminuita del 5,6% (a $ 54,58 da $ 57,79) dal 30 settembre al 30 novembre. Pertanto, il calo della stima bottom-up dell’EPS registrato durante i primi due mesi del quarto trimestre è stato superiore alla media a 5 anni, alla media a 10 anni, alla media a 15 anni e alla media a 20 anni. Il quarto trimestre ha anche segnato il calo maggiore della stima bottom-up degli EPS durante i primi due mesi di un trimestre dal secondo trimestre del 2020 (-35,9%).

Advertisement

La stima bottom-up dell’EPS per il CY 2023 è diminuita del 3,6% (a $ 232,52 da $ 241,22) dal 30 settembre al 30 novembre”.

A partire da ora, a mio parere, le stime dei ricavi dal basso verso l’alto del consenso di $ 232,52 sono ancora troppo alte e non riflettono debolezze nei settori dell’energia, degli immobili, della tecnologia e delle comunicazioni:

Ecco le mie stime dei tassi di crescita specifici del settore S&P 500 che indicano un guadagno su base annua del 2023 inferiore del 5% di $ 210 rispetto al 2022.

Utili S&P 500 per settore (FactSet, Bloomberg, Il rapporto Heisenberg, Fountainhead)

Advertisement

Secondo me, questi sono i settori che dovrebbero pesare di più sull’S&P 500 nel 2023.

  • Gli alti prezzi del petrolio, che hanno portato a un massiccio aumento del 100% degli utili energetici, vedranno un’inversione degli utili del 50% nel 2023 e riporteranno la ponderazione del settore al più normale 5%.
  • Il settore immobiliare, che ha visto guadagni del 15% nel 2022, dovrebbe diminuire con il crollo del settore immobiliare e scendere del 10% nel 2023.
  • Anche i beni di consumo ciclici dovrebbero perdere gran parte dei guadagni inflazionistici del 2022 con una crescita tiepida del 3% nel 2023.
  • La tecnologia, la ponderazione più alta, che ha comunque ottenuto un guadagno stimato del 4,8%, dovrebbe perdere circa il 6,3% nel 2023.

Mi aspetto che la crescita riprenda nel 2024

S&P 500 Stima degli utili 2023 (FactSet, The Heisenberg Report, Bloomberg, Seeking Alpha, Fountainhead)

Ho accumulato le mie stime rispetto al consenso e a Morgan Stanley e Bank of America, i cui analisti avevano eccezionali richieste di ribasso per il 2022. Non sono così ribassista come Bank of America, che ha una stima di EPS di soli 200, ma cerca anche un ritorno a una crescita del 10% nel 2024. Le mie stime di crescita per il 2024 sono superiori al 13% per tre motivi:

a) Tecnologia e comunicazioni, i due maggiori settori, torneranno a crescere maggiormente.

b) Non prevedo che il mercato del lavoro vacilli oltre un tasso di disoccupazione del 5,5%

Advertisement

c) A mio avviso, in futuro ci sarà un’inflazione “normale” del 3%, quindi mi aspetto che si manifesti nei numeri dei guadagni nominali.

S&P 500 PE V Tassi di interesse (Valutazione di mercato corrente)

Un multiplo conservativo e un tasso di crescita

Sulla base del grafico storico di cui sopra, nel 1995 il Tesoro a 10 anni era sopra il 6% e poi è sceso a un minimo del 2% durante la Grande Crisi Finanziaria, oscillando tra il 3,5% e il 4,5% per la maggior parte in quei 15 anni. Durante questo periodo, il P/E dell’S&P 500 ha oscillato per la maggior parte tra 15 e 25, ad eccezione di quei due anni in cui gli utili sono crollati durante la GFC. Il “presumibilmente alto” tasso di interesse a 10 anni del 3,5%, che ha dato così tanta costernazione agli investitori, è stato “normale” per 15 anni e durante quel periodo abbiamo avuto ancora P/E di 15+. Pertanto, credo che un P/E di 17,5 verso la fine del 2023 con un calo tendenziale dei tassi di interesse nel 2024 non è affatto una grande domanda – semmai potrei essere prudente.

Andando avanti, non sto guardando i P/E oltre i 18, il che ci renderebbe colpevoli di un bias di recency. Nel più grande mercato obbligazionario della storia, prima che l’inflazione alzasse la sua brutta testa, dopo la GFC, i Treasury a 10 anni oscillavano tra il 2% e il 4% e ovviamente tra lo 0,5% e il 2% durante il COVID, il che ha portato l’S&P a 4.800 ad avere un P/E finale di 23 su un EPS 2021 di $ 209! Se sembra una bolla finanziaria, se cammina come una bolla finanziaria… Questo dovrebbe essere un chiaro avvertimento!

Advertisement

Anche dal punto di vista degli utili, se si appianano le fluttuazioni del COVID, il CAGR degli utili a 5 anni 2019-2024 è solo del 7,8%, il che è coerente con la crescita 2011-2022 del 7,6%. Non prendo il tasso più alto 2009-2022 perché dopo GFC la base di 62,09 era estremamente bassa e distorce la tendenza storica.

Guadagni S&P 500 (Fountainhead, Yahoo Finanza, Yardeni)

Credo che The Fed Pivot non sia fondamentale

In realtà credo che il perno della Fed non sia fondamentale, e invece di guardare l’ombelico su quando Powell sbatterà le palpebre di fronte alla recessione, dovremmo guardare a una nuova, “nuova normalità” di titoli del Tesoro a 10 anni che vanno dal 3,75% al 4,5% nella prima metà del 2023 e appiattimento dal 3,5% al ​​4% nel terzo e quarto trimestre del 2023 con una probabile diminuzione nel 2024. Come abbiamo visto dal grafico sopra, siamo sopravvissuti e abbiamo prosperato con tassi di interesse dal 3,5 al 4%, se non stai cercando stravaganti valutazioni “Stimmy”! Invece preferirei concentrarmi sulla ricerca di a) Grandi investimenti e b) Ricerca di occasioni che saranno disponibili a palate nel 2023 e c) Mettere limiti rigorosi per prendere profitti quando abbiamo raggiunto il nostro obiettivo di prezzo o il mercato gli ha dato un valutazione assurda.

Mi aspetto che il tasso di inflazione target del 2% della Fed venga abbandonato – Vivere con la nuova normalità

Credo che la Fed abbandonerà esplicitamente o implicitamente il suo tasso di inflazione target del 2%. Con il PCE (l’indicatore di inflazione preferito dalla Fed) al 6% su base annua, non ha senso puntare al 2% sapendo che dovresti impostare un tasso di interesse nominale dell’8% per raggiungere tale obiettivo. Il PCE ha effettivamente raggiunto un picco del 7% su base annua nel giugno 2022 e, pur fiducioso di un calo, non credo che scenderà al di sotto del 3-4% per la maggior parte del 2023. inflazione della catena di approvvigionamento.

Advertisement

Tendiamo a dimenticare che gli aumenti della Fed hanno un impatto limitato: il loro più grande impatto ed efficacia è nel pungere le bolle degli asset, ironicamente le stesse che hanno contribuito a creare! E in larga misura, nel 2022 i mercati sono stati puniti per l’esuberanza irrazionale, per aver acquistato il ribasso e pagato multipli eccessivi senza rendersi conto che i tassi di interesse non possono rimanere a zero per sempre.

Fino a questo punto e se questo è il loro mandato, hanno avuto molto successo. Ogni asset class è scesa nel 2022.

Dimentica i pivot e quando i federali smetteranno di aumentare i tassi; Penso l’obiettivo dovrebbe essere quello di accettare che è improbabile che l’inflazione si riduca in fretta – Non credo che i federali possano effettivamente ridurre la crescita dei salari nel modo in cui possono perforare le bolle degli asset.

I federali hanno anche difficoltà a combattere l’inflazione causata dalle interruzioni della catena di approvvigionamento e dalle tensioni geopolitiche. Ad esempio, la Fed può fare ben poco per influenzare i prezzi del petrolio, che sono anch’essi dettati dal monopolista OPEC. Certo, tassi di interesse più elevati rendono più costoso l’investimento di capitale, prevenendo così la sovraccapacità, ma semplicemente non rendere disponibile il capitale ha anche l’effetto opposto: stai riducendo la spesa in conto capitale, il che significa che i produttori esistenti o i produttori di materiali e i minatori possono addebitare di più senza preoccuparsi di nuovi capacità in arrivo di nuovo presto. Non credo che tassi di interesse più elevati ridurranno in modo significativo i prezzi dei materiali e delle materie prime. È controproducente.

Advertisement

A merito della Fed, è fondamentale capire che si ritiene che la Fed stia combattendo l’inflazione. Le aspettative di inflazione radicate sono peggiori perché predicano il comportamento umano, il che significa che invece di spendere, accumuliamo poiché ci aspettiamo che i prezzi salgano ulteriormente, il che crea quindi una spirale viziosa inflazionistica. Oppure rimandiamo, il che riduce la domanda nell’economia, non perché i prezzi siano aumentati di recente, ma vogliamo comprare quando le cose sono più economiche. Inoltre, la Fed deve essere quell’unica istituzione, che dovrebbe essere vista come vincente nella battaglia contro l’inflazione, anche se attaccano in modo “colpisci una talpa”. Credo che i risultati saranno selettivi e la maggiore influenza sarà sui prezzi delle attività, e con un calo di oltre il 30% nell’indice composito NASDAQ (COMP.IND) e il 20% nell’S&P 500 la Fed lo ha già raggiunto.

La Fed ha anche svolto un lavoro ragionevole nel ridurre la bolla immobiliare. Con i tassi ipotecari che sono saliti a oltre il 7%, ha scosso una buona dose di speculazioni eccessive. Il secondo obiettivo della Fed era ridurre l’inflazione dei rifugi/affittuari, che di solito si verifica con un ritardo, e credo che ciò dovrebbe accadere nel secondo trimestre del 2023, semplicemente perché i contratti di locazione sono affari annuali e appariranno nelle statistiche con un ritardo anche se questo sta già accadendo. L’inflazione dei rifugi è la parte più importante del nostro budget mensile e dovremmo vedere alcuni miglioramenti nel 2023, che continueranno a ridurre l’inflazione.

L’ultima frontiera – Salari alti. Per quanto sfortunato possa sembrare, la Fed ha il mandato di ridurre i posti di lavoro per raggiungere i propri obiettivi di inflazione. Attualmente, si aspettano che il tasso di disoccupazione aumenti a circa il 5% dall’attuale 3,6%. Tuttavia, credo che l’inflazione salariale sarà ostinata perché a) c’è stata una carenza di manodopera a causa di una marcata diminuzione dell’immigrazione dovuta a COVID e b) c’è stato un costante deflusso di manodopera dal mercato a causa del pensionamento anticipato e una riluttanza a lavorare in condizioni simili a COVID. Abbiamo ancora 1,9 posizioni per 1 persona disponibile sulla base dei rapporti JOLTS (Job Openings to Labor Turnover). Sospetto che la Fed si rifiuterà di raggiungere questo obiettivo: lo spettro di una recessione e della disoccupazione supererà la necessità di portare l’inflazione al tasso prefissato, ci saranno pressioni politiche mentre ci dirigiamo verso un anno elettorale nel 2024 e, infine, i membri della Fed sono abbastanza grandi da ricordare la ripresa senza lavoro degli anni di Obama – un aumento della disoccupazione non è un risultato desiderato. Ci vogliono anni per riprendersi da quello!

La Fed deve anche stare attenta a evitare impulsi eccessivi

È così difficile liberarsi dalla nostra dipendenza dalla ZIRP (Zero Interest Rate Policy) e la Fed deve garantire che noi negli Stati Uniti non abbiamo le stesse ricadute del Regno Unito quando i fondi pensione improvvisamente non avevano acquirenti o liquidità prima della Reserve La Bank of England è intervenuta. Per citare Marko Kolanovic, Chief Global Strategist di JP Morgan Chase sullo stesso…

Advertisement

Il sistema finanziario negli ultimi 15 anni si è evoluto attorno a un ambiente di tassi di interesse prossimi allo zero. Ciò include la leva finanziaria, il funzionamento dei canali di arbitraggio e le strategie che si basano sulla leva finanziaria, i nuovi modelli di fornitura di liquidità, il rischio di liquidità delle attività private, gli investimenti sistematici, ecc. Insieme, questi possono dare origine a un ciclo di feedback di volatilità-liquidità- posizionamento. Questo tipo di interdipendenze di mercato, che sono una caratteristica dei mercati finanziari costruiti attorno a un contesto di tassi vicini allo zero, possono causare selloff come quello alla fine del 2018 e in una serie di altre occasioni. Questi rischi finanziari possono portare al contagio e non vengono catturati dall’economia a bassa frequenza (ad esempio, “curva di Phillips”, ecc.). In un contesto di deterioramento dei fondamentali, inasprimento quantitativo e brusco aumento dei tassi di interesse, questi rischi potrebbero emergere molto prima rispetto, ad esempio, a un aumento della disoccupazione oa un calo dell’inflazione.

Credo che di fronte al calo degli utili e ai tassi di crescita del PIL più bassi, la Fed non rischierà improvvisi impulsi di inasprimento, soprattutto ora che si è impegnata a tassi più bassi per periodi più lunghi, il che ha portato i mercati a prezzare un tasso terminale di 5,1 % invece del 4,8% di settembre.

Strategia di trading e investimento per il 2023

Mi aspetto che l’S&P 500 testi il ​​suo minimo del 16 giugno di 3.667 e la chiusura del 10 ottobre di 3.577, entro il primo trimestre del 2023. Tecnicamente, dal suo massimo di 4.797 il 3 gennaio 2022, l’S&P 500 ha registrato massimi inferiori e minimi più bassi in un mercato ribassista e sebbene i rally siano stati veloci e furiosi, sono anche tipici dei rally del mercato ribassista.

Indice S&P 500 (Grafico a barre)

Advertisement

Credo che ci stiamo dirigendo verso una recessione breve e superficiale nel 2023, sulla base almeno di questi indicatori:

  • La curva dei rendimenti (2 anni contro 10 anni) è invertita nella sua posizione più profonda dal 1981. A mio parere, le curve dei rendimenti invertite sono buoni predittori di recessioni (non infallibili ma corrette più del 65% delle volte)
  • Il petrolio è sceso di oltre il 40% rispetto al suo picco.
  • La riapertura della Cina è ancora dubbia e lenta per il 2023.
  • Le vendite di case in sospeso negli Stati Uniti sono diminuite del 37% su base annua a ottobre.
  • I nuovi ordini di produzione ISM sono in calo da 3 mesi consecutivi.

Ho circa il 25% del mio portafoglio in contanti e prevedo di aggiungere il 10-15% in più nel 2023.

S&P 500 – Inizierò a mordicchiare circa 3.650. Non sono un buon market timer e anche se credo che 3.577 sia un buon livello di supporto, credo che i rischi al ribasso non si estendano oltre il 10% e spero di impiegare il 90% della liquidità tra 3.450 e 3.650, mantenendo il 10% per special situazioni. Credo fermamente che il picco pre-Covid di 3.380 dell’S&P 500 dovrebbe essere un supporto chiave per l’indice.

Azioni tecnologiche – Credo che nel 2023-2024 l’attenzione dovrebbe tornare sulla tecnologia di alta qualità, in particolare sui titoli che hanno perso dal 50 al 70% rispetto al loro picco.

NVIDIA (NVDA) – grande investimento a lungo termine, azienda di chip più innovativa, abbondanti opportunità di crescita. Lo possiedo da molto tempo e consigliato in ottobre. Ho ottenuto un buon prezzo di circa $ 118- $ 120, ma sto cercando di aggiungere altro se si rompe $ 150. Il titolo tende a diventare costoso velocemente perché è volatile: solo pochi giorni fa superava i $ 180, quindi mantieni i limiti.

Advertisement

Holding ASML (ASML) – Un vero e proprio monopolio nelle macchine litografiche Ultra Violet, questo è un altro acquisto in calo e dovrebbe andare molto bene nei prossimi 5-7 anni.

Teradyne (TER) – Un altro favorito nello spazio delle semifinali, parte di un duopolio for Apparecchiatura di test automatizzata: questo ha ancora un prezzo ragionevole e continuo ad aggiungerne altri.

Mela (AAPL) – Assediato da problemi di produzione fuori dalla Cina, che si risolveranno nel tempo, vale la pena acquistare anche questo al ribasso.

Aggiungerò anche Netflix (NFLX) in calo – Credo che il modello pubblicitario abbia le gambe. Adobe Inc. (ADBE) è un’azienda molto ben gestita, anch’essa attraente sebbene il suo tasso di crescita sia leggermente rallentato.

Advertisement

Non sono un grande fan dei ciclici e in una recessione verranno colpiti, ma ABB Ltd (ABB), è ben gestito e regge bene nei momenti difficili, esaminandolo in modo più dettagliato.

Conclusione – Mi aspetto che l’S&P 500 chiuda a 4.151 alla fine del 2023

Il 2023 sarà molto difficile per fare soldi – immagino sia un eufemismo importante!

Ho una prospettiva di due anni: non sto cercando di cronometrare il mercato vendendo allo scoperto l’S&P 500 a 3.500. Preferirei invece essere paziente, ponendo limiti più bassi. Supponendo guadagni nel 2024 di $ 237 e guadagni nel 2025 di $ 256 (crescita dell’8% – intorno alla media a lungo termine) mi aspetto un indice di 4.607 – sperando di avere di nuovo dei veri spiriti animali sul mercato nel 2024, invece del “sarà lui, non sarà lui” day trader che analizza Fedspeak. Ciò restituisce circa 1.100 su una base di 3.500 o 14,7% all’anno. Questo è un grande ritorno per l’indice. I rendimenti sui singoli titoli, in particolare quelli tecnologici, sarebbero più elevati (ovviamente, anche un rischio più elevato).

Dal mio punto di vista, è estremamente probabile che assisteremo a un calo degli utili nel 2023 e a una recessione: in realtà ho elencato un elenco molto breve di indicatori di recessione e mi espanderò di più solo sulla recessione in un altro articolo. Guadare attraverso indicazioni deboli, prezzi delle case in calo, disoccupazione più alta dovrebbe essere straziante e richiederà molta pazienza. Tuttavia, questa non è la Grande Crisi Finanziaria, né l’inflazione di Volcker degli anni ’70 e per fortuna un’enorme fetta dell’esuberanza irrazionale ha alr È già stato eliminato dagli indici con l’S&P 500 in calo del 21% dal suo massimo e il NASDAQ Composite in calo di oltre il 30% dal suo massimo storico. La maggior parte del danno è fatta e il ribasso è limitato, e mentre l’inflazione persisterà al di sopra dell’obiettivo della Fed, l’attenzione si sposterà sull’allontanamento di una recessione.

Advertisement

Credo che un P/E da 17,5 a 18 sia ragionevole date le tendenze storiche e aspettatevi che l’S&P 500 chiuda intorno a 4.151 basato su un EPS 2024 di $ 237 alla fine del 2023 e 4.607 basato su un EPS 2025 di $ 256 alla fine del 2024.

Buon investimento e buone vacanze a tutti.

Nota del redattore: questo articolo è stato inviato nell’ambito del concorso Market Prediction 2023 di Seeking Alpha. Hai una convinzione per l’S&P 500 del prossimo anno? Se è così, clicca qui per saperne di più e inviare il tuo articolo oggi!

Questo articolo è stato scritto da

Advertisement

Analisi finanziaria, ricerca, scrittura, gestione del portafoglio Budgeting, pianificazione e strategia Controller, Chief Financial Officer ESPERIENZA 12/2001 – Presente Fountainhead Consulting New York Research Director Responsabilità Scrivere rapporti di ricerca azionaria indipendenti e imparziali Gestire progetti di ricerca, scrivere rapporti strategici sulle dimensioni del mercato Sviluppare processi di ricerca per la compilazione e l’integrazione dei dati Internet Formare gli analisti junior sull’utilizzo e modificare i loro report Consultare i clienti sull’allocazione del capitale per nuovi progetti Gestire i portafogli per i clienti Incarichi di ricerca e progetti Intelligenza competitiva per il settore dei mutui – progetto di sette mesi Intelligenza competitiva per il servizio dei mutui industria – progetto di tre mesi Intelligenza competitiva per il settore delle forniture industriali – progetto di tre mesi Intelligenza competitiva per il settore dell’analisi dei dati e della pubblicità online Profilazione aziendale di società di telecomunicazioni globali per un fornitore di ricerca sulle telecomunicazioni s e intelligenza competitiva del mercato delle applicazioni aziendali Profilazione della società e valutazione della concorrenza del mercato dell’elaborazione delle carte di credito Profilazione della società e analisi finanziaria di tre concorrenti nel mercato al dettaglio Analisi della concorrenza del mercato sudafricano delle carte di credito e dei prestiti immobiliari Analisi della concorrenza del mercato dell’Asia meridionale mercato delle telecomunicazioni Dimensionamento del mercato, prezzi e strategie di posizionamento per il mercato dei saloni di bellezza in India 01/2005 – 06/2006 Contributor The Motley Fool New York Ha scritto commenti sugli investimenti su aziende, come Adobe e Pier 1

Divulgazione: Ho/abbiamo una posizione lunga vantaggiosa nelle azioni di SPY, NVDA, NFLX, ASML, TER, ADBE, AAPL tramite azioni, opzioni o altri derivati. Ho scritto io stesso questo articolo ed esprime le mie opinioni. Non ricevo compenso per questo (tranne che da Seeking Alpha). Non ho rapporti d’affari con nessuna società le cui azioni sono menzionate in questo articolo.

Raccomandato per te

Advertisement
Advertisement

Trending