martedì 28 giugno 2022

Il peggior giorno de Dow Jones dal 2020: anche i futures crollano leggermente

I futures su azioni sono scesi nel trading notturno Mercoledì dopo che il Dow Jones Industrial Average ha registrato il più grande calo in un giorno dal 2020.

I futures su S&P 500 hanno ceduto lo 0,1% e i futures su Nasdaq 100 hanno perso lo 0,2%.

Le mosse successive all’orario di lavoro a Wall Street sono arrivate a seguito di una forte svendita del mercato poiché gli utili al dettaglio di big box hanno indicato l’inflazione che pesa sui profitti aziendali.

Torna a- i rapporti trimestrali precedenti di Target e Walmart hanno mostrato costi del carburante più elevati e una domanda contenuta dei consumatori che ha danneggiato i risultati in mezzo all’inflazione più calda degli ultimi decenni.

The Dow ha perso più di 1,100 punti nel calo più grande della media da giugno 2020. La media delle blue chip ha chiuso al livello più basso da marzo 2021. L’S&P 100 ha perso circa il 4%, anche il peggior calo da giugno 2020. Il Nasdaq Composite è sceso del 4,7%

“Questo continua la narrazione che… quest’anno saremo significativamente più bassi delle azioni prima di trovare un minimo”, Guggenheim Partners Il Global Chief Investment Officer Scott Minerd ha detto mercoledì alla “Closing Bell: Overtime” della CNBC.

Il sell-off di mercoledì è stato ampio con tutti 11 I settori S&P 500 stanno chiudendo. I titoli dei beni di consumo voluttuari sono stati i più colpiti, in calo del 6,6%.

Gli investitori riceveranno più utili aziendali da analizzare fino a giovedì con società come BJ’s Wholesale, Kohl’s, Applied Materials e Ross sul ponte.

Anche le prime richieste di sussidio di disoccupazione sono previste per il rilascio giovedì mattina.


Fonte: CNBC