sabato 31 ottobre 2020

Il software ritiene che le sue entrate siano a prova di crisi. Questa volta potrebbe essere diverso

Google Data Center a Council Bluffs, Iowa

Fonte: Google

Con molti fondi tecnologici torna al pareggio e il Nasdaq guida i principali indici azionari di nuovo dopo la chiusura del mercato iniziata a febbraio, c’è una saggezza convenzionale sul perché: il software è così importante per il business moderno che le aziende faranno quasi tutto per continuare ad acquistare e utilizzarlo.

Ma cosa succede se non è del tutto vero? Le società di software sono state poco colpite dalla crisi finanziaria 2008. Ma quella fiducia, e l’immunità dal ripensamento del budget IT aziendale, ha meno probabilità di essere duplicata questa volta.

La crescente fiducia del mercato che il software sarà OK nella recessione del coronavirus sarà testato man mano che le aziende iniziano a segnalare i guadagni, evidenziato questa settimana da Microsoft e Amazon.com, che ora traggono la maggior parte dei profitti dal suo business di cloud computing, che è, in fondo, un mezzo di nuova tecnologia per distribuire software.

Difficoltà economiche e fallimenti

La questione è stata sollevata in un saggio provocatorio del gestore del fondo di Boston Gavin Baker di Atreides Management. Baker sostiene che il mercato potrebbe sopravvalutare il modo in cui le società di software isolate provengono dalle ricadute economiche del coronavirus. Mentre le aziende potrebbero non annullare i contratti software, Baker ha scritto su Medium.com, molte aziende potrebbero essere ancora vulnerabili alla perdita di entrate poiché i clienti pagano meno per le licenze software per posto regolate per i licenziamenti presso le società dei clienti, spendono meno per i servizi di supporto per il software possiedono già e cercano termini di pagamento più indulgenti.

CEO di private equity miliardario Robert Smith di Vista Equity Partners, che ha avuto successo nell’investire in venditori di software, ha osservato in passato che ” i contratti software sono migliori del debito di primo livello. “

Ma Baker teme che ci saranno” molte difficoltà economiche e fallimenti. Indipendentemente dalla durata di questa crisi economica, io non credere a nessuno – investitore o dirigente – ha sottoscritto lo scenario che stiamo vivendo. “

I problemi a lungo termine nel software indicano i rischi che la crisi attuale potrebbe accentuare e accelerare, ha affermato l’analista John Freeman di CFRA Research.

Il capo tra questi è il passaggio dal software a pacchetto, in genere venduto con un forte pagamento anticipato e quindi un flusso continuo di entrate per servizi, a modelli di business software-as-a-service che richiedono meno soldi in anticipo ma fanno pagare di più al mese nel tempo.

Il leader di questo settore è da tempo Salesforce.com, ma la maggior parte delle società di software più recenti hanno adottato il modello pay-as-you-go nelle nicchie software dalla gestione delle risorse umane, come come Workday, al software di collaborazione, tra cui Atlassian e altre start-up, e persino alle videoconferenze domestiche tramite Zoom Video Communications, le cui quote sono più che raddoppiate quest’anno poiché le riunioni di Zoom hanno sostituito l’istruzione di persona e molte riunioni aziendali.

“Devi pensare a cosa succede a un nuovo modello in una recessione economica”, ha detto Freeman “Le flessioni favoriscono le tendenze che si sono tenute indietro per inerzia. ”

Il software integrato nei servizi di cloud computing ha contribuito a trasformare Microsoft e Amazon in società da trilioni di dollari, ha affermato Freeman. Mentre il mercato è tornato ai minimi di marzo, gli investitori hanno ripreso grandi scommesse sulle maggiori società tecnologiche del mercato, tra cui Microsoft e Amazon, che insieme ad Apple, Facebook e Alphabet no w costituisce più del 20% dell’S & P 500.

Il busto 2008 è stato positivo per il leader del software come servizio Salesforce.com e per le società cloud vedrà accelerare la crescita della loro quota di mercato questa volta. Ma se Baker ha ragione, questa è una brutta notizia per i giocatori di software in pacchetto, il cui profilo più alto rimane Oracle e SAP. Oracle ha riacquistato tutte le sue perdite 2020 e ha vantato una grande vittoria questa settimana quando Zoom l’ha scelto su Microsoft e Amazon per i servizi cloud, ma è stato superato dai guadagni in quelle due giganti di cloud hosting. Le azioni SAP sono in calo quest’anno.

Da oggi il sottosettore software e servizi dell’S & P 500 è negativo di circa 10%, ma è solo la metà del livello di declino del sottosettore dell’hardware tecnologico del mercato azionario statunitense, in calo di circa 20% fino ad aprile 28.

“Se sei una società di software legacy multinazionale e hai pratiche di vendita tradizionali, queste non sono possibili in questo momento”, ha dichiarato Scott Kessler, analista presso la società di ricerca sugli investimenti con sede a New York Third Bridge.

SAP ha dichiarato in una nota alla CNBC che alcuni clienti che avevano pianificato soluzioni aziendali on-premise stanno ora pensando di passare completamente al cloud e al modello pay-as-you-go del suo prodotto S / 4HANA Cloud per alcune acquisizioni precedentemente pianificate. In alcuni casi, ciò è dovuto alla difficoltà di portare le persone nelle strutture. Le aziende regionali SAP sono state inoltre guidate a fare concessioni per i clienti caso per caso, con il potere di adeguare la data, i termini di pagamento e le date di inizio degli abbonamenti.

“A molte aziende in questi giorni devono – devono superare alcune sfide di liquidità “, ha dichiarato Christian Klein, CEO di SAP, nelle sue chiamate sugli utili del primo trimestre, ma ha aggiunto che le aziende prenderanno anche decisioni di acquisto in futuro basate sulla costruzione di catene di approvvigionamento più intelligenti” essere più resilienti in una crisi del genere “e in quel turno c’è molto potenziale di mercato.

Salesforce e Oracle non hanno risposto alle richieste di commento al momento della stampa.

Simon Moss, CEO di Redwood City, California- Symphony Ayasdi, società basata sull’intelligenza artificiale, ha affermato che un’azienda come Amazon si trova in una buona posizione perché la natura “distribuita” della vita nel cloud gioca a pieno i suoi punti di forza. Ma pensa che la percezione dell’invincibilità del software possa aver contribuito a un’inflazione delle valutazioni di avvio del software e ha permesso alle aziende meno essenziali di fluttuare quando il debito era a buon mercato.

I clienti ora stanno negoziando con spese impreviste a breve termine mentre si cerca anche di preservare il denaro, due cose che non funzionano insieme. Come azienda che vende il suo software a grandi aziende del settore dei servizi finanziari, il suo compito più grande in questo momento, ed è lo stesso per ogni avvio di software, pensa Moss, è giustificare la natura essenziale di ciò che può offrire ai clienti.

Il software rappresenta una parte molto più grande dell’economia

Il software è oggi una parte più ampia della grande economia, e poiché questa recessione sta interessando una fascia più ampia di settori rispetto a quella abitativa e finanziaria 2008 – 2009, rappresenterà un rischio maggiore per le società di software in quanto i loro clienti soffrono.

John Rymer, analista del cloud presso la tecnologia la società di consulenza Forrester Research, ha dichiarato in una recessione che l’attenzione si sposta su costi e ottimizzazione piuttosto che su innovazione e crescita. Le aziende devono togliere la matita affilata e guardare alle riduzioni delle spese.

Nei prossimi mesi, in un mondo in cui i pagamenti dei mutui, delle tasse e degli interessi degli studenti vengono differiti, non sono sicuro che le società di software saranno in grado di insistere sul pagamento o che sarebbe saggio farlo.

Gavin Baker

Boston fund manager, Atreides Management

“Questo sta sicuramente succedendo, e sarà il migliore nelle industrie colpita più duramente da questa crisi, come hotel, viaggi e vendita al dettaglio “, ha detto. “Le aziende cercheranno di rinegoziare i contratti e potrebbero cercare di ridurre il numero complessivo di fornitori di software con cui collaborano come modo per risparmiare denaro e anche ottenere sconti dal consolidamento del business con una società tecnologica. … Tutti questi contratti hanno disposizioni per consentire rinegoziazione. “

I giganti del cloud hanno collaborato con alcuni clienti per gli aiuti finanziari negli ultimi mesi.

Le piccole e medie imprese, il cui flusso di cassa è stato interrotto in alcuni casi a causa della chiusura dei mandati statali e della apprensione dei clienti in altri, sarà in una situazione difficile spot, ha scritto Baker of Atreides Management. Meno a rischio sono i fornitori al servizio di industrie che sono state in grado di trasferire il personale a lavorare da casa, utilizzando ancora il loro software per ufficio. Le società di software che fanno pagare in base al numero di utenti, o alla quantità di utilizzo, dovrebbero vedere cali che riflettono il declino dell’attività economica, ha detto.

“Nei prossimi mesi, in un mondo in cui i pagamenti dei mutui, le tasse e gli interessi degli studenti vengono differiti, non sono sicuro che le società di software saranno in grado di insistere sul pagamento o che sarebbe saggio farlo “, ha affermato Baker. “Per quanto possano peggiorare i termini di pagamento per alcune società di software, l’industria del software non vorrebbe che i governi iniziassero a includere le bollette del software nel loro elenco di spese per le quali è previsto il differimento.”

Articolo originale di CNBC