martedì 24 novembre 2020

Jeff Bezos: l’investimento fatto in Beacon è di natura personale e non legato ad Amazon

L’investimento di Jeff Bezos nel sistema di spedizione digitale di merci e nella società di finanziamento della catena di approvvigionamento Beacon è personale. Lo ha dichiarato espressamente l’amministratore delegato della start-up britannica a CNBC mercoledì.

“Dovrei essere molto chiaro che questo investimento proviene direttamente dal Sig. Bezos. È un investimento personale, non uno fatto da Amazon. Amazon è consapevole e ha dovuto approvarlo, ma lì non è una relazione commerciale e questo non ha legami diretti con Amazon stesso ed è importante fare questa distinzione “, ha dichiarato il CEO di Beacon Fraser Robinson.

Il supporto del CEO di Amazon Bezos, che ha investito in numerose start-up, è destinato a dare un grande impulso alla società nella sua missione dichiarata di essere un leader globale nella logistica e nel commercio finanza. I suoi investitori includono anche l’ex presidente di Google Eric Schmidt e i fondatori di Uber Travis Kalanick e Garrett Camp. I suoi attuali dirigenti erano precedentemente in ruoli senior presso Uber e Amazon.

Beacon, con sede a Londra e fondata a 2018, vuole sconvolgere il settore navale globale usando AI per trovare le rotte di spedizione più economiche offrendo ai clienti finanziamenti per la catena di approvvigionamento per aiutare il flusso di cassa

L’industria delle spedizioni o il modo in cui le merci si spostano dal produttore al mercato valgono $ 1 trilione di dollari. Robinson vede il ruolo di Beacon nel soddisfare la necessità che l’industria diventi più digitalizzata.

“Siamo rimasti sorpresi da quanto sia analogo il settore logistico esistente”, ha affermato. “Automatizzando e trasmettendo in streaming e creando enormi efficienze all’interno della nostra piattaforma operativa, ciò significa che siamo in grado di fornire un servizio di gran lunga superiore ai nostri clienti – con aggiornamenti automatici, ottimizzazione del percorso superiore e capitale circolante per soddisfare ciò che consideriamo uno dei più grandi problemi creati dalla logistica, che è il flusso di cassa. ”

Alla domanda sul potenziale per i giganti di spedizione affermati come DHL e Maersk di utilizzare la stessa tecnologia e rafforzare la concorrenza, Robinson ha detto che si aspetta che l’industria digitalizzare se stesso.

“È una tendenza che sta già accadendo e va avanti da un paio d’anni”, ha detto, ma ha osservato che “è molto più difficile di quanto si pensi per le grandi aziende per adeguare la tecnologia e rendersi più efficienti dall’oggi al domani. In genere acquistano tecnologia o acquistano aziende per aiutarli ad arrivarci “.

“Iniziando innanzitutto con un focus sulla tecnologia ed essendo incentrato sui dati, penso che tu abbia una possibilità migliore per una soluzione più olistica che sia più scalabile ed efficace”, ha detto Robinson.

Vede anche Uber Freight, il braccio di autotrasporto di Uber per l’industria navale, potenzialmente un utile complemento per il business più ampio di Beacon, piuttosto che la concorrenza. Questo perché l’operazione di autotrasporto è solo una parte del processo più lungo e complesso di trasportare merci attraverso terra, mare e aria verso le loro destinazioni finali. Lo scorso anno Uber ha annunciato che avrebbe investito $ 200 milioni e assunto migliaia di ingegneri per potenziare la sua piattaforma di trasporto merci.

“Il pezzo truckload, il pezzo Uber Freight, è un componente di ciò che facciamo, e possono e saranno un ottimo partner per noi come parte della soluzione che forniamo, ma è fondamentalmente un business molto diverso “, ha detto Robinson.