Entra in contatto con noi

Mercati americani

La Bank of Japan si prepara a un'importante riorganizzazione della politica obbligazionaria

Pubblicato

il

Per notizie commerciali ed economiche più nitide e approfondite, iscriviti a Il vantaggio quotidiano notiziario. È completamente gratuito e ti garantiamo che imparerai qualcosa di nuovo ogni giorno.

Lo sviluppo più consequenziale nella politica monetaria globale di questa settimana potrebbe arrivare a circa 6.000 miglia a est dell’annuale gabfest delle celebrità finanziarie del World Economic Forum a Davos.

Delos Gioielli
Delos Gioielli

Questa settimana, la Banca del Giappone terrà una riunione di politica monetaria di due giorni che gli economisti si aspettano possa portare a un colpo fatale alle sue pratiche di controllo della curva dei rendimenti a volte sconcertanti. Le ripercussioni per il mercato dei titoli di stato di quasi 8 trilioni di dollari della nazione sono sbalorditive. In altre parole, il governatore della BoJ Haruhiko Kuroda è appena emerso come l’ospite del cocktail party più ricercato di Davos… quando finalmente arriva.

Problemi con la curva

Quando una dimensione del campione è abbastanza grande? È passato meno di un mese da quando la BoJ ha istituito una nuova politica di controllo della curva dei rendimenti (YCC) che ha ampliato l’intervallo di tolleranza della banca centrale sul rendimento dei titoli a 10 anni per fluttuare di più o meno 0,5%, rispetto allo 0,25% — di fatto il come gli aumenti dei tassi di interesse. Quella mossa è arrivata dopo più di un anno in cui Kuroda ha resistito a qualsiasi messa a punto della politica fiscale estremamente accomodante del Giappone, sostenendo che l’aumento dei tassi prima di una robusta crescita dei salari (vale a dire, ciò che il resto del mondo stava facendo di fronte alla furiosa inflazione) avrebbe rendere impossibile raggiungere l’obiettivo nazionale del 2% di inflazione.

Ma proteggere i limiti appena ampliati del rendimento obbligazionario si è rivelato costoso. I rendimenti obbligazionari aumentano quando i prezzi scendono e i rendimenti dei titoli di Stato giapponesi a 10 anni hanno già superato il tetto dello 0,5% più di una volta dalla decisione politica di dicembre. A sua volta, la BoJ è stata costretta a spendere una fortuna in interventi di acquisto di obbligazioni nell’ultimo mese per proteggere il nuovo limite, inclusa la tosse di quasi dieci trilioni di yen, o oltre 70 miliardi di dollari, in obbligazioni solo lo scorso giovedì e venerdì. Anche quell’intervento pesante non è riuscito a impedire al rendimento di curvare oltre il limite dello 0,5%. Ora, la banca centrale si ritrova con riluttanza a controllare oltre la metà dell’intero mercato obbligazionario, più di quanto persino i banchieri burocratici giapponesi trovino a proprio agio:

Advertisement
  • La banca, che probabilmente manterrà i suoi tassi di interesse allo 0,1%, sta ora soppesando le sue opzioni YCC e, secondo quanto riferito, sta considerando sia di aumentare il suo intervallo di tolleranza a più o meno 0,75% sia di eliminare del tutto la politica.
  • Secondo gli economisti di Bank of America Global Research, gli investitori nazionali vedono quest’ultimo scenario come un altro rialzo dei tassi effettivo. A loro volta, gli economisti prevedono che la fine definitiva della politica potrebbe influire notevolmente sulle azioni giapponesi con un calo del 3% del Tokyo Stock Price Index, o TOPIX.

Se non Yen: La messa a punto della politica fiscale ha avuto finora almeno un effetto decisamente positivo per il Giappone: lo yen è salito di quasi il 14% rispetto al dollaro USA negli ultimi tre mesi dopo essere sceso al punto più basso dal 1998 a settembre. Kuroda, che lascerà il suo incarico questa primavera, può almeno rivendicare quella vittoria prima del ritiro. Potrà anche finalmente rivendicare un posto sotto i riflettori a Davos venerdì, dove apparirà dopo la conclusione della riunione della BoJ. Raramente un capo della BoJ è arrivato in cima alla A-List a Davos costellato di star, quindi speriamo che non manchi tutti il divertimento.

Advertisement

Trending