lunedì 02 agosto 2021

La testata Apple Daily e gli arresti di Hong Kong

Blitz negli uffici dell’Apple Daily di Hong Kong: arrestato direttore e caporedattore filodemocratico. Il popolare quotidiano ha sostenuto il movimento democratico e ha criticato le scelte di Pechino su come governare Hong Kong. Cinque arresti, congelati i fondi dei giornali.

I nuovi clamorosi arresti a Hong Kong sono avvenuti  in base all’ultima legge sulla sicurezza approvata da Pechino. Dopo gli organizzatori  della rivolta, la polizia ha visitato  gli uffici di Apple Daily: sono stati arrestati 5 dirigenti e redattori pro-democrazia, tra cui il regista Ryan Lowe, accusato di “cospirazione con uno stato straniero o elementi esterni che rappresentano una minaccia per la sicurezza interna.

Il giornale ha trasmesso in diretta le riprese il blitz della polizia sul suo account Facebook: nel video, si vedono gli agenti che entrano nell’edificio. Si sente la voce di un reporter che racconta il raid in diretta: “Sono arrivati intorno alle 7 di questa mattina, il nostro edificio è assediato. Ora possiamo vederli spostare scatole di materiali sul loro camion. La polizia ci sta limitando l’uso di molte delle nostre attrezzature. Ma possiamo ancora tenere questa telecamera in diretta e il nostro sito web continuerà ad aggiornarsi”.

La legge sulla sicurezza, messa in atto da giugno 2020, è solo una delle tante iniziative emesse in atto con lo scopo di attivare una repressione dei critici di Pechino a Hong Kong dopo le proteste democratiche del 2019. Siamo già al secondo raid  ai danni dell’ Apple Daily in meno di un anno.

La popolare testata Apple Daily, tabloid del tycoon Jimmy Lai, 73 anni, arrestato e condannato dalle autorità, ha sempre sostenuto il movimento a favore della democrazia. I fondi del giornale sono stati congelati e la polizia ha perquisito gli uffici mentre aumentavano i timori per il futuro dei media in città.

I giornalisti, nonostante le difficoltà economiche non vogliono arrendersi e continuare a pubblicare. Apple Daily è noto per la sua forte ispirazione  pro-democrazia. Una posizione che spesso critica il governo cinese per il suo controllo su Hong Kong. Pechino non nasconde affatto il suo desiderio di voler “silenziare” la voce del giornale, visto come “traditore”. A maggio, la polizia ha usato la legge sulla sicurezza nazionale per congelare i conti bancari di Lai e le sue azioni di maggioranza in Next Digital.

Il congelamento dei beni di Apple Daily di 18 milioni di dollari di Hong Kong o di 2,3 milioni di dollari USA costituisce un grave precedente.

Preoccupano infatti le disposizioni della legge sulla sicurezza nazionale, essendo una mossa prima del suo genere contro una società di media. Apple Daily Limited, Apple Daily Printing Limited e Apple Daily Intellect Limited , i tre asset principali della società media  di Jimmy Lai sono stati quindi congelati, ha detto il sovrintendente Steve Lee in una conferenza stampa per valutarne il valore.