domenica 28 febbraio 2021

Licenziamento nel post Covid-19. Facciamo il punto

Hai diritto alle indennità di disoccupazione in caso di pensionamento per motivi economici, nonostante l’attuale divieto. Ma il licenziamento è ancora valido?

Come sappiamo, il Decreto Rilancio, che ha assunto e modificato quanto prescritto da Cura Italia, ha stabilito il divieto di licenziamento per giustificati motivi oggettivi, vale a dire, per motivi economici, fino al 17 agosto 2020. Il procedimento di licenziamento collettivo è iniziato dopo il 23 febbraio , 2020. Tuttavia, alcune società hanno comunque risolto determinati dipendenti dal contratto di lavoro. In questi casi, l’INPS ha precisato qualche tempo fa che il dipendente licenziato tra il 17 marzo e il 17 agosto ha diritto a Naspi, ovvero al trattamento di sostegno al reddito riservato a coloro che hanno involontariamente perso il lavoro.

Le regole in vigore fino ad Agosto

L’Istituto ha sentito la necessità di chiarire questo aspetto. In primo luogo, è stato ricordato che il diritto alla Naspi non è perso perché sono stati licenziati nonostante il divieto in vigore fino a metà agosto (termine, tuttavia, quella parte della maggioranza che il governo vorrebbe estendere fino alla fine del l’anno). Secondo l’ufficio legislativo del Ministero del Lavoro, infatti, per il riconoscimento delle indennità di disoccupazione, “non indica la nullità del licenziamento per un motivo oggettivo giustificato notificato dal datore di lavoro durante il periodo di divieto, dato che la verifica della legittimità se il licenziamento rientra o meno nella giurisdizione del tribunale al merito, nonché l’identificazione di un’adeguata protezione dovuta dal prestatore. ”

Tuttavia, l’INPS ha la possibilità di recuperare l’importo pagato in caso di reintegrazione del lavoratore nell’azienda a causa di una causa di lavoro. O nel caso in cui il datore di lavoro decida di revocare la risoluzione del contratto e chiedere al dipendente un trattamento di licenziamento dalla data in cui ha effetto.

Il licenziamento è legittimo?

Un altro problema è quello della legittimità del licenziamento per motivi economici menzionati durante il periodo di divieto. Secondo alcuni punti di vista, dovrebbe essere considerato inefficace fino al 17 agosto (a meno che non venga valutata una nuova estensione del divieto, che, come menzionato sopra). Tuttavia, l’interpretazione più corretta sarebbe quella di considerare il licenziamento come nullo per violazione delle norme obbligatorie. In tal caso, la società deve rimborsare e versare il compenso del lavoratore pari alla retribuzione accumulata dal pensionamento all’effettivo ritorno sul posto di lavoro, con un minimo di cinque mesi, oltre all’obbligo di versare i contributi di protezione sociale e di sicurezza. Il principio si applica a tutti, indipendentemente dal fatto che l’assunzione sia stata effettuata prima o dopo l’entrata in vigore del diritto del lavoro, ovvero prima o dopo il 7 marzo 2015.