sabato 18 settembre 2021

Nona Salvaguardia Esodati e lettere dall’INPS

A partire da lunedì 26 luglio, l‘INPS sta inviando  lettere ai lavoratori interessati che confermano l’idoneità alla Nona Salvaguardia degli Esodati  con la decorrenza della pensione e l’invito a presentare domanda

Come riportato dall’INPS Istituto di Previdenza Sociale in un contestuale comunicato stampa sono state aggiornate le procedure per il pagamento delle pensioni.  I beneficiari potranno accedervi secondo la normativa precedente, poiché l’entrata in vigore avverrà il 6 gennaio 2022.

Si tratta di oneri che, dopo l’istruttoria e la verifica della compatibilità rispetto alle risorse assegnate, hanno dato esito positivo per l’accesso alla pensione ai sensi della tutela di cui ai commi 346-348 dell’articolo 1 della legge 178 del  30 dicembre 30 2020; infatti, con comunicazione 1673/2021 del 23 aprile, sono state date istruzioni per la verifica dei requisiti. I beneficiari sono classificati nelle categorie previste dal comma 346 della Manovra (Legge 178/2020):

  • autorizzati ai VV con o sena versamenti (accreditati o accreditabili) al 6/12/2011;
  • cessati entro o dopo il 30/06/2012;
  • cessati per risoluzione unilaterale;
  • in congedo per figli con disabilità;
  • a tempo determinato e in somministrazione cessati tra il 1° gennaio 2007 e il 31 dicembre 2011.

Sono stati considerati idonei anche coloro che erano stati esclusi dalle precedenti garanzie e che non hanno presentato domanda entro il termine indicato. Tuttavia, il diritto al pensionamento è valido solo per 2.400 soggetti selezionati in base alle risorse stanziate: 34,9 milioni per il 2021, 33,5 milioni per il 2022, 26,8 milioni per il 2023, 16,1 milioni per l’anno 2024, 3,2 milioni entro il 2025 e 0,6 milioni entro il 2026. Le proposte che superano il numero consentito non sono state effettivamente prese in considerazione, ma sono state prese in considerazione anche quelle idonee a presentare la domanda in data antecedente alla finestra stabilita dalla Legge di Bilancio.