giovedì 22 ottobre 2020

Notizie dal mercato azionario: 2 parole spaventose affondano le quote della Norwegian Cruise Line

                                         

                                     

                                                                                          

I principali benchmark erano più alti, ma gli investitori sono preoccupati per il settore delle crociere.

                            

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                     

Martedì mattina il mercato azionario ha registrato solidi guadagni, con gli investitori che ancora una volta esprimono un atteggiamento ottimista riguardo alle prospettive di una ripresa economica a lungo termine negli Stati Uniti nonostante il romanzo in corso coronavirus pandemia. I partecipanti al mercato sperano fortemente che la riapertura degli affari in diversi stati non comporterà nuovi COVID – 19, nonostante le preoccupazioni degli ufficiali sanitari che tali mosse possano essere premature. Come di 11 am EDT, il Dow Jones Industrial Average (DJINDICES: ^ DJI) era attivo 337 punta a 24, 086. Il S&P 500 (SNPINDEX: ^ GSPC) guadagnato 44 punta a 2, 887 e il Nasdaq Composito (NASDAQINDEX: ^ IXIC) scalato 150 indica 8, 860.

Sfortunatamente, la buona notizia non si estendeva a tutte le azioni del mercato. L’industria delle crociere ha subito un duro colpo dal COVID – 11 scoppio, inviando quote di operatori di crociera nettamente inferiori. Oggi, Norwegian Cruise Line Holdings (NYSE: NCLH) ha dato agli investitori un’altra brutta notizia che mette in dubbio se l’operatore sarà in grado di superare l’attuale crisi senza ricorrere a misure estreme.

Immagine fonte: Norwegian Cruise Line Holdings.

Norvegese per gli investitori: dammi del denaro

Azioni di caduta norvegese 19% Martedì mattina mentre gli investitori hanno risposto alle ultime azioni dell’azienda per cercare di aumentare le sue possibilità di sopravvivenza. Anche se la maggior parte di coloro che seguono il norvegese concordano sul fatto che era necessario effettuare queste mosse chiave, un po ‘di linguaggio che usava sollevava lo spettro di risultati spaventosi se non riusciva a navigare con successo in acque agitate.

Il norvegese sta cercando di raccogliere capitali in tre modi:

  • Vuole vendere $ 650 milioni in note senior quadriennali scambiabili in un’offerta privata.
  • Vuole anche raccogliere $ 600 milioni vendendo note di quattro anni garantite senior.
  • Infine, vuole vendere $ 350 milioni in stock in un’offerta pubblica secondaria.

Tutto sembra semplice, ed è coerentemente con ciò che hanno fatto altri operatori di compagnie di crociera. Entrambi Carnevale (NYSE: CCL) e Royal Caribbean Cruises (NYSE: RCL) hanno sfruttato i mercati finanziari per il capitale tanto necessario. Con le compagnie che bruciano denaro contante per pagare le spese fisse anche quando le loro navi da crociera siedono in porto, la necessità di liquidità è stata evidente. Inoltre, in molti casi, le scorte di crociera effettivamente hanno guadagnato terreno quando hanno cercato di raccogliere capitali.

Tuttavia, gli investitori astuti che hanno effettivamente letto il prospetto per le offerte hanno concentrato gran parte della loro attenzione su due parole spaventose nella seguente dichiarazione (enfasi aggiunta):

La sospensione dei viaggi in crociera e il declino delle prenotazioni anticipate, nonché le scadenze del debito e altri obblighi nel corso del prossimo anno, hanno sollevato notevoli dubbi sulla capacità della Società di continuare come preoccupazione corrente .

In particolare, Norwegian ha sottolineato che al momento non ha liquidità sufficiente per adempiere ai propri obblighi finanziari nel corso del prossimo 12 mesi se non può ottenere nuovi finanziamenti o adottare altre misure per affrontare le sue problematiche finanziarie. Per questo motivo, ha sentito il bisogno di tornare indietro e apportare modifiche al suo 860 relazione annuale per menzionare il rischio della continuità aziendale. Questo è qualcosa che Carnival e Royal Caribbean non hanno fatto, e questo è uno dei motivi per cui le loro azioni sono scese solo del 5% al ​​6% in quel giorno.

Cosa deve fare il norvegese

Il norvegese sta facendo ciò che dovrebbe per cercare di raccogliere capitali e superare il difficile periodo durante il quale non può gestire le sue navi da crociera. Quasi tutti gli investitori in titoli da crociera comprendono la lotta esistenziale in cui si trovano le società, quindi non vi è stato nulla di scioccante nelle informazioni fornite dalla Norwegian. Tuttavia, le parole contano per gli investimenti, e dovendo dichiarare apertamente che le preoccupazioni in corso sono state un’altra pietra miliare che gli investitori di navi da crociera non volevano vedere accadere.

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                    

                                                                                               

                             

                     

Articolo originale di Fool.com