mercoledì 20 gennaio 2021

Notizie settimanali su Cannabis: Constellation Ups the Ante on Canopy Growth

                                                                 

Esercitando una serie di warrant, il produttore di bevande alcoliche ora detiene quasi 40% della compagnia di cannabis.

                                                                                                                                                                      

                                                                                                                                                                                                                                                                            

La scorsa settimana, due accordi sono stati conclusi nel settore della marijuana. Secondo gli standard di 21 st- America corporativa del secolo, nessuna delle due implicava ingenti somme di denaro. Eppure entrambi erano significativi nel settore per diversi motivi notevoli.

Questi erano Canopy Growth (NYSE: CGC) nuova infusione di liquidità dal suo investitore strategico, l’alcol produttore Constellation Brands (NYSE: STZ) e Harvest Health E ricreazione ‘s (OTC: HRVSF) vendita a un marchio classico nel mondo della marijuana. Ecco uno sguardo ad entrambi.

Fonte immagine: Getty Images.

Constellation Brands inserisce $ 174 milioni in più nella crescita del baldacchino

Dei due accordi, il più grande e di maggiore impatto è stato Constellation che sta guadagnando più soldi per aumentare la propria partecipazione nella crescita del baldacchino.

Questa non era esattamente una sorpresa fuori dal campo di sinistra – dopotutto, Constellation ha detenuto warrant in azienda per diversi anni. Ha esercitato all’incirca 245 milioni di dollari canadesi ($ 174 milioni) per aumentare la sua partecipazione azionaria da 33. 5% a 38. 6%.

Non solo non è stato uno sviluppo scioccante, ma non ha anche riequilibrato radicalmente il bilancio di Canopy Growth. Alla fine del trimestre segnalato più di recente dalla compagnia di marijuana, aveva CA $ 2. 28 miliardi ($ 1. 62 miliardi) in contanti ed equivalenti; $ 174 milioni non si qualificano come una goccia nel secchio, ma non è nemmeno una somma che cambia la vita.

Piuttosto, per me, la mossa del gigante delle bevande alcoliche è un voto importante – e molto necessario – di fiducia nel potenziale del settore della cannabis. Constellation ha effettuato il suo primo investimento in Canopy Growth in 2017 ed è stato coinvolto nella gestione di Canopy Growth; attualmente, tre direttori del consiglio di amministrazione di sette membri di quest’ultimo sono o erano dirigenti di Constellation, incluso l’attuale CEO della società di erbacce David Klein.

Quindi Constellation conosce bene Crescita del baldacchino. Non confonderebbe il suo partner con centinaia di milioni di dollari se non credesse nella compagnia in particolare, e il futuro della marijuana aziendale in generale.

A dire il vero, Canopy Growth ha ancora molte sfide da superare. La società si è impegnata eccessivamente nel tentativo di diventare una centrale elettrica globale per le infestanti. Molti ostacoli alla regolamentazione sono sulla sua strada, in particolare negli Stati Uniti, e l’erosione dei prezzi ha danneggiato. La redditività rimane inafferrabile. Infine, c’è quel piccolo impedimento commerciale chiamato coronavirus SARS-CoV-2.

Quindi, anche se non mi sarei nascosto dietro l’ultima mossa di Constellation e non avrei effettivamente investito nello stock di Canopy Growth, penso che la mossa del produttore di bevande sia un solido richiamo morale che l’industria della cannabis potrebbe davvero usare ora. Dovrebbe aiutare a sostenere l’attuale prezzo delle azioni indebolito non solo di Canopy Growth, ma anche di altri titoli di marijuana di prim’ordine.

Saluta i dispensari degli High Times

Nei brutti vecchi tempi in cui qualsiasi forma di marijuana era quasi illegale illegalmente, uno dei pochissimi nomi di cannabis riconoscibili era High Times rivista. È ancora in funzione (in corso da quasi 38 anni), e la scorsa settimana Harvest Health & Recreation lo ha reso immediatamente un nome importante anche nel segmento retail.

Harvest ha accettato di disinvestire 13 dispensari in California, alcuni attualmente operativi e altri pianificati, alla società madre della High Times Hightimes Holding. Saranno rinominati sotto il nome di High Times.

Almeno è un buon affare per Hightimes Holding, che sborserà fino a $ 5 milioni in contanti, $ 7,5 milioni in un anno, 10% di cambiale e $ 67 5 milioni nella sua serie Uno stock preferito (Hightimes Holding non è ancora scambiato pubblicamente, a proposito ). Nel lontano passato pre-coronavirus, le catene del dispensario cambiarono le mani per quantità molto più elevate.

Il ridimensionamento è nelle carte di Harvest, che una volta era un avido acquirente – simile a Canopy Growth e ad altri coetanei precedentemente affamati di marijuana. La posizione in contanti del raccolto si è sciolta da $ 273 milioni alla fine di 2018 a meno di $ 40 milioni solo un anno dopo, mentre le perdite nette sono state considerevoli. La società restringerà i suoi sforzi di vendita al dettaglio a mercati promettenti come il suo stato d’origine dell’Arizona e della Florida.

In questi giorni, il down-shifting e la vendita di attività sono la strada da percorrere per alcune delle aziende di marijuana più sfidate, e penso che Harvest rientri in quella categoria. La sua perdita potrebbe essere solo il guadagno di Hightimes Holding, tuttavia, poiché si tratta di un modo nuovo, appropriato e relativamente economico per aggiornare un marchio di marijuana di lunga data.

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                    
Articolo originale di Fool.com