Entra in contatto con noi

Mercati americani

Party City presenta istanza di fallimento

Pubblicato

il

Per notizie commerciali ed economiche più nitide e approfondite, iscriviti a Il vantaggio quotidiano notiziario. È completamente gratuito e ti garantiamo che imparerai qualcosa di nuovo ogni giorno.

La festa non era tutto ciò che doveva essere.

Delos Gioielli
Delos Gioielli

Party City, il rivenditore che dalla metà degli anni ’80 ha fornito a milioni di bambini costumi di Halloween larghi e ha lasciato i genitori assediati in lunghe file per palloncini a forma di Cookie Monster, ha annunciato che presenterà istanza di fallimento del capitolo 11. Non è esattamente l’ora della festa per le grandi catene nel 2023, poiché l’imminente scomparsa di Letto Bagno e oltre rende anche abbondantemente chiaro.

Non festeggiare abbastanza

Il fallimento non significa chiudere l’attività. Quindi per ora, mamma e papà, avrete ancora un posto dove comprare tovaglie e tovaglioli economici e far divertire ragionevolmente i vostri figli. Ciò che significa è che la società con sede nel New Jersey con un debito di 1,7 miliardi di dollari ha raggiunto un accordo con le parti interessate e ha ottenuto un finanziamento di 150 milioni di dollari per una ristrutturazione che consenta di mantenere aperti i suoi circa 800 punti vendita.

Nonostante il suo titolo di più grande rivenditore di costumi negli Stati Uniti, Party City ha perso il consueto afflusso di entrate della stagione spettrale lo scorso Halloween. Con i costi gonfiati di energia, gas e cibo, molti hanno scelto di realizzare i loro costumi a casa invece di sborsare $ 60 per una tuta rosa da Gioco di calamari. Combinalo con il calo delle vendite e – non lo stiamo inventando – una carenza globale di elio, ed è facile vedere come Party City sia diventato alla disperata ricerca di denaro.

Advertisement

Anche se è ancora troppo presto per gridare “apocalisse al dettaglio”, Party City probabilmente non sarà l’unica grande catena a presentare bancarotta quest’anno:

  • The Gap, il marchio di abbigliamento che possiede anche Old Navy, Banana Republic e Athleta, si sta rapidamente sfilacciando e non è il tipo alla moda. Nel 2020, l’affidabile casa del denim ha annunciato la chiusura di 350 negozi e lo scorso luglio ha licenziato l’amministratore delegato Sonia Syngal dopo un anno brutale che ha visto il prezzo delle azioni dell’azienda scendere del 75%. Anche aziende come Rite Aid, Dollar General e Kohl’s sono traballanti in modo allarmante.
  • Moody’s, una società di rating del credito, prevede che il tasso di default globale aumenterà fino a quasi il 5% nel 2023. Il vicepresidente senior Ed DeForest ha dichiarato alla CNBC le aziende non possono più fare affidamento su tassi di interesse bassi e sul sostegno del governo, il che porterà a ulteriori dichiarazioni di fallimento nel prossimo futuro.

Falso allarme, forse: Nonostante tutto il destino negativo, il 2022 ha effettivamente visto le dichiarazioni di fallimento degli Stati Uniti scendere al minimo di 13 anni a soli 391, secondo S&P Global. Questo è significativamente meno del totale di 828 nel 2010. E non tutti sono ancora pronti a gettare la spugna. Alla National Retail Federation Expo di quest’anno, L’amministratore delegato di Lowes, Marvin Ellison ha riconosciuto lo stato difficile dei negozi, ma ha detto: “Credo che anche durante le discussioni sull’apocalisse al dettaglio il più grande vantaggio competitivo centrale della vendita al dettaglio sia, hai negozi fisici e puoi collegare quei negozi digitalmente al tuo sito online. ” Festa, Lowes.

Advertisement

Trending