martedì 11 maggio 2021

Questo buco nero “unicorno” appena rilevato è molto vicino alla Terra

vchal Gli scienziati hanno scoperto un altro buco nero nel nostro universo, ma questo è solo 1, 500 ad anni luce dalla Terra, soprannominato il buco nero “l’unicorno”. Questo lo rende il buco nero conosciuto più vicino al nostro sistema solare.

A solo tre volte più massiccio del nostro Sole, è considerato essere un piccolo buco nero. Gli scienziati della Ohio State University che hanno scoperto che stavano effettuando una ricerca di stelle luminose con buchi neri “non interagenti” nelle vicinanze, il che significa buchi neri che non stanno sifonando materiale da dette stelle.

“La scoperta dell’Unicorno è stata fortuita!” ha detto Tharindu Jayasinghe, dottorando e membro della presidenza dell’università, che ha guidato il team di astronomi che ha fatto la scoperta. “Tuttavia, stiamo lavorando per trovare questi buchi neri non interagenti da un po ‘di tempo e questa scoperta è stata stimolata da questo progetto in corso”. Il buco nero ha preso il nome dalla sua posizione nella costellazione dell’unicorno, Monoceros, e anche perché offrirà agli astronomi uno sguardo super raro a un buco nero di piccola massa.

Una delle difficoltà nel rintracciare i buchi neri è che la luce non può sfuggirli, il che li rende quasi impossibili da individuare anche per i più grandi telescopi basati sulla luce. Mentre i buchi neri che si nutrono attivamente di una stella possono occasionalmente produrre luce altamente visibile, quelli che non interagiscono non lo fanno. In effetti, di solito possono essere tracciati solo da esplosioni di radiazioni o dall’influenza gravitazionale – nota come distorsione di marea – che possono avere sulle stelle vicine.

Il team di astronomi ha notato proprio una tale distorsione che ha avuto un impatto su V 723 Lun , una stella morente vicina. Nel loro studio pubblicato di recente nel Avvisi mensili della Royal Astronomical Society , gli scienziati notò che la distorsione li spingeva a cercare i segni di un buco nero vicino, che “doveva essere molto meno luminoso e significativamente più massiccio del gigante V 723 Mon. ”

La distorsione era visibile come riportato dal Transiting Exoplanet Survey Satellite (TESS) della NASA, dal Kilodegree Extremely Little Telescope (KELT) e dall’All Sky Automated Survey (ASAS). Successivamente, il team ha ottenuto ulteriori conferme dal Remote Observatory Atacama Desert (ROAD), dal Keck Observatory e dal Neils Gehrels Swift Observatory, tra le altre fonti.

Elena 11 / Shutterstock.com Questa non è la prima volta che gli scienziati rilevano buchi neri che si trovano vicino al nostro sistema solare. In 2020, un diverso team di scienziati ha condiviso le osservazioni di un potenziale buco nero che è solo 1, 000 anni luce dalla Terra, situato in un sistema stellare denominato HR 6819. Tuttavia, un altro studio pubblicato pochi mesi dopo ha messo in dubbio questa osservazione e gli scienziati non hanno ancora dimostrato nulla in modo definitivo.

“The Unicorn” è una scoperta fantastica e solleva diverse nuove domande riguardanti sia la quantità che il comportamento dei buchi neri non interagenti. Insieme ai suoi colleghi, Jayasinghe stima che la nostra galassia potrebbe contenere ovunque da 100 a 1, 000 “Unicorn- come “sistemi di buchi neri. Più possiamo confermare, più informazioni avremo per studiare questo tipo specifico di buco nero e i buchi neri in generale.

tramite Vice