martedì 27 ottobre 2020

Royalty Pharma potrebbe essere l’IPO dell’anno

Royalty Pharma potrebbe diventare la più grande offerta pubblica iniziale del 2020 per alcune caratteristiche societarie.

Royalty Pharma (RPRX), come suggerisce il nome, possiede i diritti d’autore sui farmaci di altre società farmaceutiche. Finora è stato un vincitore: anche con un recente pullback, le azioni sono scambiate al 66% sopra il suo prezzo IPO.

In sostanza, Royalty Pharma offre una forma di finanziamento alle società farmaceutiche, che sono sempre alla ricerca di più capitale e / o per ridurre il rischio. Royalty Pharma offre agli sviluppatori di droga un guadagno in cambio di una royalty a lungo termine. Quella royalty di solito è di qualche punto percentuale delle entrate.

Abbiamo visto questo modello funzionare altrove, con l’industria mineraria un adottante notevole. Sandstorm Gold (SAND) e, in particolare, Royal Gold (RGLD) hanno entrambi avuto successo e generato solidi rendimenti per gli azionisti.

La forza di detenere i diritti d’autore dei farmaci

Ma Royalty Pharma ha innovato nell’applicare il modello di royalty allo spazio farmaceutico. Nel suo prospetto presentato prima dell’IPO, Royalty Pharma ha dichiarato di aver distribuito circa $ 18 miliardi dalla sua fondazione nel 1996. La società stima che sia più della metà del valore totale di tutte queste transazioni in tutto il mondo.

Ovviamente, Royalty Pharma è il protagonista del settore. Di conseguenza, ha stretto collaborazioni con i maggiori attori del settore farmaceutico globale. Gilead (NASDAQ: GILD) è un partner importante, poiché Royalty Pharma raccoglie entrate dall’intero franchising HIV (virus dell’immunodeficienza umana) dell’azienda. RPRX ha anche esposizione ai successi di Merck (NYSE: MRK), Pfizer (NYSE: PFE) e Johnson & Johnson (NYSE: JNJ), tra molti altri.

Tale diversificazione aiuta il caso dello stock RPRX. Quindi esegui margini operativi estremamente elevati. Escludendo i fattori non monetari, nel 2019 la società ha trasformato quasi 90 centesimi di dollaro in ricavi operativi. Sono gli sviluppatori di farmaci a sostenere i costi di vendita, marketing e ricerca sui farmaci.

Dato il dominio del mercato, la protezione al ribasso e una valutazione apparentemente ragionevole, l’entusiasmo post-IPO verso Royalty Pharma sembra avere un senso.

Detto questo, ci sono alcune ragioni per essere cauti. Tali fattori potrebbero aver portato al ritiro dai massimi post-IPO superiori a $ 56.

Innanzitutto, la società non è così diversificata come potrebbe pensare un investitore. Royalty Pharma ha royalties su oltre 45 terapie approvate. Ma cinque di questi farmaci generano oltre la metà delle entrate.

L’IPO dell’anno?

Abbiamo assistito a “scogliere di brevetti” in bilico su artisti del calibro di Gilead – in effetti, per Truvada, da cui Royalty Pharma riceve un flusso di royalty. AbbVie (ABBV) e Celgene, ora di proprietà di Bristol-Myers Squibb (BMY), hanno subito pressioni simili. La diversificazione di Royalty Pharma mitiga un po’ il problema, ma non lo rimuove del tutto.

Dopotutto, Royalty Pharma dovrebbe avere nuovi farmaci da cui può generare royalties. Il problema è che la sua “pipeline” sembra piuttosto labile. La società ha esposizione solo a tre candidati in fase di sviluppo.

Quei candidati sembrano intriganti, in quanto includono un trattamento per l’asma da AstraZeneca (AZN) che potrebbe essere approvato il prossimo anno. Tuttavia, esiste il rischio reale che Royalty Pharma non possa riempire il buco creato mentre i leader attuali maturano.

Da un punto di vista generale, il modello di Royalty Pharma è probabilmente migliore di quello di un farmaco farmaceutico puro. Ma non è perfetto. E a questa valutazione, potrebbe essere un po ‘un problema.