Entra in contatto con noi

Mercati americani

S&P 500: nonostante il sentiment, i dati storici sono favorevoli per il 2023

Pubblicato

il

Scott Olsson

introduzione

Per capire dove si sposterà il mercato nel prossimo anno, la metrica più semplice da osservare sono i cambiamenti storici nel tasso effettivo dei fondi federali. Come tutti sappiamo, la Fed sta attualmente alzando i tassi per combattere gli alti inflazione, e questo è successo solo poche volte negli ultimi quarant’anni. Inoltre, si prevede che i tassi raggiungeranno il picco non appena l’inflazione inizierà a diminuire. Prenderò di mira i sei mesi prima del picco come un modo per compilare lo storico S&P 500 (SP500) aspettative di rendimento.

Delos Gioielli
Delos Gioielli

Per fare ciò, utilizzerò i dati forniti dall’ Sistema FREDDO. Ho quindi esaminato i dati per determinare quando i tassi effettivi stavano aumentando, quindi hanno raggiunto il picco o si sono stabilizzati. Ciò mi ha portato a trovare sei periodi tra il 1981 e il 2022 da utilizzare per l’analisi. Poiché i tassi non hanno raggiunto il picco nel 2022 e non sappiamo dove andrà a finire la Fed, ho esaminato i rendimenti totali tre volte durante i periodi di rialzo dei tassi. Ciò fornisce un adeguamento nel caso in cui siano necessari fino a sei mesi prima che i tassi raggiungano il picco nel 2023.

Tasso effettivo dei fondi federali

FED di St Louis, FRED

Advertisement

Inoltre, è importante confrontare questi risultati con il più ampio trend di crescita del mercato. Come da quanto segue Citazione dell’articolo SA, il rendimento annualizzato storico dell’S&P 500 è leggermente superiore al 10%. Tenetelo a mente mentre andiamo avanti da un 2022 che dovrebbe essere del tutto contrario ai dati storici, chiudendo vicino al -20% per l’anno.

Il rendimento medio dell’S&P 500 è del 10,67% annualizzato dall’inizio della sua struttura moderna nel 1957. Risalente alla sua prima struttura premoderna nel 1928, l’S&P 500 ha restituito il 10,22%. Questa coerenza di quasi un secolo nel tasso di rendimento medio a lungo termine supporta il “rendimento medio del 10% sul mercato azionario”, spesso citato.

Di fatto, secondo CNBCpiù anni consecutivi di rendimenti negativi sono un evento estremamente raro:

Pensaci: nonostante tutte le preoccupazioni per i mercati al ribasso, l’S&P è sceso per due anni consecutivi o più solo quattro volte dal 1929. È davvero notevole.

Advertisement

Tutti gli altri anni negativi sono stati una tantum (ce n’erano 12) e il mercato è stato più alto nell’anno successivo.

C’è un’altra cosa da notare sugli anni consecutivi negativi: seguono grandi eventi economici, guerre o grandi conflitti geopolitici.

Pertanto, la probabilità che il 2023 finisca in negativo è già piuttosto bassa. Mentre presumo che molti sosterranno che gli “eventi economici”, le guerre e la geopolitica del 2022 causeranno una prolungata negatività, ci sono altri dati che suggeriscono che il rovescio della medaglia rimane un evento a bassa probabilità. Ogni anno ci sono punti di discussione che indicano recessioni e ogni anno una parte del mercato si prepara a un mercato ribassista. Ma, come mostra la seguente raccolta di dati, la questione chiave degli aumenti della Fed ha fatto ben poco per fermare la corsa al rialzo del mercato.

Dati

Gli anni ’70 sono noti per avere lunghi periodi di alta inflazione e i tassi effettivi hanno raggiunto l’intervallo percentile degli anni ’20. Tuttavia, secondo me, i tassi erano estremamente volatili e non equiparabili alla politica moderna. Dopo la recessione dei primi anni ’80, la politica FFER è diventata più controllata. Il primo periodo di rialzo dei tassi si è verificato a partire dall’inizio del 1983, con il picco che si è verificato nell’autunno del 1984. Questo periodo di falchi non ha causato una recessione, ma diamo un’occhiata ai rendimenti generalizzati a 1 anno prima e dopo i sei mesi che hanno preceduto il picco.

Advertisement

1 aprile 1984

  • L’S&P 500 è salito del 3% nell’anno precedente alla data.
  • È aumentato del 13,6% l’anno successivo.

1 giugno 1984

  • Anno precedente: -5,9%
  • Anno postale: 22,7%

1 agosto 1984

  • Anno precedente: -2,5%
  • Anno postale: 21,2%

Media precedente: -1,8%

Media successiva: 19.2

Finora, i dati sembrano essere correlati al 2022/23 poiché l’S&P 500 ha offerto scarsi rendimenti l’anno precedente. In tal caso, gli investitori potrebbero aspettarsi rendimenti elevati nel 2023 che si avvicinano al 20%. Ciò è anche del tutto contrario a coloro che potrebbero suggerire che tassi di interesse più elevati sopprimono guadagni e valutazioni. Tuttavia, un periodo di tempo non è sufficiente per essere conclusivi, quindi continuiamo a esaminare altri periodi di tempo.

Il periodo successivo di aumento dei tassi è stato dal 1988 al 1989. Anche una recessione non si è verificata fino a quando i tassi non hanno già iniziato a scendere a metà del 1990. quasi due anni. Vediamo se il mercato azionario riflette la prolungata debolezza dell’economia.

1 dicembre 1988

  • Anno precedente: 17,5%
  • Anno postale: 29,3%

1 febbraio 1989

  • Anno precedente: 16,5%
  • Anno postale: 11,5%

1 aprile 1989

  • Anno precedente: 15,7%
  • Anno postale: 14,3%

Precedente medio: 16,6%

Media successiva: 18.4

Advertisement

È interessante notare che il periodo che ha portato al picco dei tassi effettivi nel 1989 non è riuscito a rallentare lo slancio degli anni precedenti. Il modello è meno simile a dicembre 2022 poiché la performance finale è stata molto positiva. Ad ogni modo, questo non è il destino negativo che molti attualmente suggeriscono nelle loro prospettive per il 2023. In effetti, gli anni ’80 fino alla fine degli anni ’90 sono stati un mercato rialzista lungo e secolare, e i tassi di interesse hanno fatto poco per cambiarlo. Forse una tendenza simile sta continuando e consiglierei il teoria della demografia secolare per gli interessati. Per ora, continuiamo a compilare i dati.

Il successivo periodo di rialzo dei tassi arrivò nel 1994 quando la Fed aumentò dal 3% al 6%. Ancora una volta, non si registra alcuna recessione negli anni precedenti o successivi a questo periodo di aumento dei tassi. Una differenza da considerare rispetto ad altri periodi di tempo finora è il fatto che al picco, i tassi si sono stabilizzati anziché diminuire e forse questo influenzerà i rendimenti dell’S&P 500.

1 dicembre 1994

  • Anno precedente: -2,8%
  • Anno successivo: 35,2%

1 febbraio 1995

  • Anno precedente: -1.9
  • Anno successivo: 35,7%

1 aprile 1995

  • Anno precedente: 14.3
  • Anno successivo: 30,3%

Media precedente: 3,2%

Media successiva: 33,7

Sfortunatamente per gli orsi, i dati sono di nuovo positivi per l’anno successivo a un picco nel FFER. I dati sono anche più simili al 2022 con rendimenti da negativi a piatti nell’anno precedente al periodo identificato. Noto anche che i rendimenti nel periodo successivo sono stati tutti superiori alla media storica dell’S&P 500, tra il 9 e il 10% all’anno. Forse il periodo post-inflazione degli anni ’80 e ’90 non è un periodo di confronto valido per oggi, quindi spostiamoci su un periodo più recente.

Advertisement

Uno dei periodi più famosi di aumento dei tassi di interesse è arrivato con la crisi delle dot-com tra la fine degli anni ’90 e l’inizio degli anni 2000. A partire dal 1999, i tassi hanno iniziato a salire da un minimo relativamente alto del 4% superiore. Il picco si è poi verificato nell’estate del 2000 intorno al 6,5%. Questa volta, la maggior parte degli investitori sa che il mercato ha subito un duro colpo dopo il crollo e subito dopo c’è stata una recessione. Il problema è se la tempistica del picco coincide con il crollo del mercato.

1 gennaio 2000

  • Anno precedente: 18,5%
  • Anno successivo: -11.8

1 marzo 2000

  • Anno precedente: 11,6%
  • Anno successivo: -10,0%

1 maggio 2000

  • Anno precedente: 8,4%
  • Anno successivo: -13.7

Media precedente: 12,8%

Media successiva: -11,8%

I dati ora iniziano a mostrare uno spostamento della performance in seguito agli aumenti dei tassi. Dopo il tremendo mercato rialzista di 20 anni, doveva esserci un reset. Ma ciò ha comportato solo un calo del prezzo di circa il 12%. Considerando che l’S&P 500 è già in calo del 20% rispetto ai massimi, il ribasso nel prossimo anno sembra limitato, se non del tutto. Tuttavia, dobbiamo considerare tutti gli scenari e il prossimo scenario è piuttosto impressionante: la Grande Crisi Finanziaria.

Dopo una corsa impressionante dopo il Dot Com Crash, la Fed ha lentamente aumentato i tassi dall’1% al 5% tra il 2004 e il 2006. Il picco è arrivato nell’estate del 2000, e questo evento è stato il primo periodo degli sono ora comuni e possono essere influenti. Un altro punto chiave degli aumenti fino al 2006 è che si sono stabilizzati fino al 2007 prima di diminuire rapidamente con la recessione. Pertanto, il calo potrebbe non essere scontato durante l’anno successivo.

Advertisement

1 marzo 2006

  • Anno precedente: 6,7%
  • Anno successivo: 8,67%

1 maggio 2006

  • Anno precedente: 12,3%
  • Anno successivo: 13,9%

1 luglio 2006

  • Anno precedente: 7,2%
  • Anno successivo: 18,7%

Media precedente: 8,7%

Media successiva: 13.8

Come puoi vedere, i tassi di picco non sono ancora un problema. Tuttavia, a differenza degli anni precedenti, c’è stato anche un forte slancio che ha portato all’evento. Ciò impedisce ai dati di riflettere pienamente l’attuale modello di trading del mercato. È anche possibile che la sofferenza dovuta alla recessione del mercato si prolunghi per più di un anno da adesso, e ciò significherebbe che il ribasso arriverà nel 2024.

L’ultimo periodo che esaminerò è la prima occasione di aumento dei tassi effettivi dei fondi federali dopo la recessione dell’08. Da tassi quasi dello 0% tra il 2008 e il 2016, la Fed ha aumentato la percentuale al 2,5% nel corso di cinque anni. Molto diverso dalla nostra attuale rapida salita sopra il 4% in soli nove mesi. Tuttavia, i tassi sono scesi relativamente velocemente alla fine del 2019 e prima che la pandemia causasse una politica monetaria estremamente accomodante. Vediamo se i dati si adattano prima che l’evento pandemico del cigno nero sconvolga l’equilibrio generale della politica.

1 settembre 2018

  • Anno precedente: 17,0%
  • Anno successivo: 0,33%

1 novembre 2018

  • Anno precedente: 6,24%
  • Anno successivo: 11,9%

1 gennaio 2019

  • Anno precedente: -6,9%
  • Anno successivo: 29,7%

Media precedente: 5,5%

Media successiva: 14,0%

Advertisement

Analisi

È interessante notare che i dati sono un miscuglio in questa occasione, evidenziando la volatilità durante il periodo. Mentre i rialzi dei tassi non hanno portato al ribasso, per alcuni periodi il rialzo è stato trascurabile. D’altra parte, anche gli anni precedenti sono stati variabili con una tendenza generalmente rialzista. Di certo non un crollo, almeno fino alla pandemia. Con tutti i periodi di tempo fuori mano, è il momento di analizzare i dati.

In primo luogo, ho calcolato la media dei rendimenti in tutti i punti temporali e i risultati mostrano che durante i periodi precedenti e successivi a un picco del tasso effettivo dei fondi federali, i rendimenti totali dell’S&P 500 sono stati positivi. Il periodo successivo ha visto la più alta probabilità di rendimenti positivi e il rendimento medio a 1 anno del 14,6% è piuttosto elevato. Ciò suggerisce che il 2023 finirà a sua volta positivo in quanto mancano solo 12 mesi. Naturalmente, i dati sono altamente volatili a causa delle oscillazioni giornaliere dei prezzi e delle notizie minori.

Un problema che si pone è che il 2022 non si è comportato in modo simile ai periodi di tempo riflessi nei dati. Ad oggi, la mattina del 22 dicembre, l’indice S&P 500 è sceso del 18% e del 20,5% da inizio anno. Questa performance negativa può indicare un diverso rendimento futuro, quindi ho anche calcolato il rendimento medio di tutti i periodi precedenti che hanno avuto rendimenti negativi. Ciò rappresentava 5 occasioni su 15, ovvero un terzo dei dati storici. Tuttavia, la differenza di rendimento è significativa in quanto la perdita media durante i periodi precedenti negativi era solo del 4,0%. Allo stesso tempo, i rendimenti totali nell’anno successivo sono stati di gran lunga superiori alla media e quasi del 30% in media. Chiaramente, gli anni poveri nel mercato hanno spesso portato a rapidi rimbalzi.

Un altro modo in cui si possono guardare i dati è che i recenti cambiamenti politici hanno avuto un effetto diverso sui rendimenti del mercato nei successivi periodi di tempo. Ciò significa che gli investitori stanno ora valutando gli effetti della politica della Fed in misura diversa rispetto agli anni precedenti. Per determinare se questo è il caso, ho calcolato la media dei rendimenti per i tre periodi più recenti: settembre-gennaio 2019-20, marzo-luglio 2006 e gennaio-maggio 2000. Ora, abbiamo dati che potrebbero suggerire un rialzo per il 2023 maggio essere limitato a un grado. Infatti, il rendimento medio successivo del 5,3% è la metà della media storica dell’S&P 500.

Advertisement

Set di dati Periodo precedente

Periodo successivo

Rendimento medio: tutti i periodi (%)

5.1

Advertisement

14.6

Rendimento medio: periodi con precedenti negativi ritorna

-4.0

28.9

Advertisement

Rendimento medio: tre precedenti periodi di rialzo dei tassi (%)

9.0

5.3

Un altro indicatore che possiamo analizzare è la relazione tra crescita degli utili e valutazione per il prossimo anno. Sebbene ritenga che lo slancio degli utili possa essere mantenuto per tutto l’anno, la rispettiva valutazione consentita dal mercato potrebbe essere diversa. Quando si guardano gli stessi periodi di tempo sopra, il Rapporto Shiller PE ha avuto una tendenza al rialzo nei primi tre casi, al ribasso durante la crisi delle dot-com e piatta durante il periodo che ha preceduto la crisi finanziaria e la pandemia.

Advertisement

Ancora una volta, potrei aggiustare i dati per la valutazione, ma i rendimenti totali prendono in considerazione sia la valutazione che la crescita. Con la crescita delle valutazioni e degli utili che si muove in una direzione positiva grazie all’inerzia dal 2021 e un rimbalzo dai minimi osservati nel 2022, le aspettative di rendimento positivo di cui sopra sembrano realistiche.

Discussione

Se questi dati riflettono le corrette influenze sul mercato dovute all’aumento e poi al picco dei tassi di interesse, il rendimento medio del 14,6% porterebbe l’S&P 500 a chiudere a 4.354, supponendo che gennaio inizi a 3.800. È interessante notare che questo è ancora inferiore ai livelli di trading del 2021 e dei primi tre mesi del 2022. Mi sento abbastanza fiducioso in quel numero in quanto implica entrambi uno slancio di rimbalzo, ma si adegua alle valutazioni elevate viste nel 2021.

Ricorda, 4.354 in 12 mesi è molto diverso da 4.354 in un mese o due. Non ci sono dati che suggeriscano che i prossimi dodici mesi avranno una crescita lineare puramente al rialzo. Inoltre, se aggiustato per gli altri set di dati sui rendimenti medi, troveremo che l’S&P 500 oscillerà da 4.001 a nuovi massimi storici di 4.898. Con tutte e tre le medie combinate allo stesso modo, l’S&P 500 potrebbe finire a 4.418. In ogni caso, i dati suggeriscono che lo slancio di crescita al rialzo dei componenti dell’S&P 500 sarà sufficiente a sostenere questi prezzi nonostante il mutamento del sentiment. Ci sono alcuni avvertimenti da considerare:

  • La fascia bassa prevista potrebbe diventare più probabile se aumenta il sentiment geopolitico negativo con Russia e Cina.
  • La fascia alta potrebbe essere più possibile se i tassi di crescita dell’azienda rimangono forti nonostante i tassi più elevati.
  • I componenti dell’S&P 500 cambiano frequentemente, con il passaggio all’info tech la principale perturbazione. Di conseguenza, sono praticabili un tasso di crescita e una valutazione più elevati. Se i mercati dell’energia rimangono forti, possiamo anche vedere che le partecipazioni nel settore energetico continuano a sovraperformare.
  • Questi dati sono agnostici di valutazione, ma le tendenze al ribasso a lungo termine nel Media P/E S&P 500 potrebbe determinare un ulteriore momentum al ribasso (questo vale se il mercato ritiene che i tassi continueranno a salire oltre il 5-6%). Ne parleremo più avanti.

Sono sicuro che più investitori orientati ai dati possono spostare le ponderazioni di ciascuna media in base a probabilità diverse e arrivare a aspettative più personalizzate, ma credo che l’utilizzo della media più ampia sia un approccio più privo di pregiudizi. Un problema che potrebbe cambiare la tesi è il fatto che questa ricerca presuppone che i tassi raggiungeranno il picco nei prossimi sei mesi, piuttosto che nel corso dell’anno. Tuttavia, più a lungo resiste la Fed, più forte è l’economia e maggiore è la probabilità che i rendimenti superino le aspettative.

Lavorando a ritroso rispetto alle mie stime di rendimento, si può presumere che la crescita degli utili possa avvenire in tre modi:

Advertisement
  • Crescita positiva del 14,6% senza variazioni del P/E di Shiller da 29,7 al 22 dicembre.
  • Meno crescita tra lo 0 e il 14%, ma con un corrispondente aumento del P/E di Shiller supportato dai trend storici.
  • Oppure, una rapida crescita degli utili superiore al 15% ma con un continuo calo del P/E di Shiller per compensare i guadagni.

L’opzione più praticabile ai miei occhi è una crescita minore con un P/E in aumento. Con l’inflazione che rimane un problema, ma alcune aree registrano un calo della domanda, Set di fatti ha elencato le aspettative degli analisti per la crescita degli utili nel 2023 al 5,5%. Il tasso di crescita positivo è inferiore alla media, ma lontano dalla recessione e dall’oscurità che gli investitori hanno scontato negli ultimi mesi. Ciò consentirà un ritorno del sentimento positivo per il P/E di Shiller che aumenterà del 9% a circa 32,4, o circa 23 volte per un P/E normale.

Pertanto, il rapporto normale rimarrebbe al di sotto di altri periodi come il 2016-18, la fine degli anni ’90 e l’inizio degli anni 2000 e persino i primi anni ’90. Questi sono tutti periodi che si sono riflessi nei dati che ho accumulato. Ancora una volta, le medie del rendimento totale dipingono un’aspettativa di crescita per l’anno molto chiara e supportata e consentirò ai dati di guidare le mie strategie.

Conclusione

Per ora, continuerò con la mia stima dell’indice S&P 500 che termina a 4.354, più o meno 100 punti per la volatilità. Ciò spiegherebbe una SPY approssimativa (SPIARE) prezzo di $ 433, o VOO (VOO) di $ 398.

Preferisco adottare un approccio basato sui dati poiché il tempismo del mercato è difficile. Nei prossimi dodici mesi, approfitterei dell’aspettativa di crescita positiva aggiungendo prelievi. Ovviamente anche questa è pura speculazione. Sarò sempre un sostenitore degli investimenti ricorrenti, ma i dati sono abbastanza positivi per un’opportunità di trading di 1 anno.

Ricorda, queste sono solo aspettative di 12 mesi, ed è chiaro dai periodi di tempo che guardo che potrebbe essere importante tagliare le partecipazioni subito dopo. Per ora, tuttavia, credo che sia probabile una continua tendenza al rialzo. Non vedo l’ora di vedere come andrà a finire l’anno.

Advertisement

Se hai tempo, sentiti libero di adattare i dati che ho presentato con le tue ponderazioni e aspettative e condividili nei commenti. Inoltre, condividi i tuoi pensieri se sei d’accordo con la mia positività! Sono sicuro che ci sono molti punti di vista da prendere e affrontare l’anno a venire.

Grazie per aver letto.

Nota del redattore: questo articolo è stato inviato nell’ambito del concorso Market Prediction 2023 di Seeking Alpha. Hai una convinzione per l’S&P 500 del prossimo anno? Se è così, clicca qui per saperne di più e inviare il tuo articolo oggi!

Questo articolo è stato scritto da

Advertisement

Ciao, sono un investitore individuale con interesse a portare la diversificazione dei punti di vista nell’analisi e negli investimenti delle azioni. Ciò porta a sottolineare il proverbio giapponese 他山之石 -ta-zan-no-ishi- che si traduce in “un’altra-roccia-di-montagna” e denota l’importanza di diversificare le fonti della propria conoscenza al fine di ottenere il vantaggio di molteplici prospettive . Inoltre, una roccia rappresenta gli aspetti fondamentali del mondo che una montagna sostiene, a significare l’importanza di comprendere i semplici fondamenti per avere successo. In quanto tale, copro una vasta gamma di attività al fine di trovare il meglio di ogni tipo di investimento. Ti preghiamo di considerare di seguirci in modo da poter continuare insieme lungo questo percorso di conoscenza e, si spera, di essere in grado di fornirti alcune nuove intuizioni con ogni articolo. Grazie per aver letto.

Divulgazione: Non deteniamo/non deteniamo posizioni su azioni, opzioni o derivati ​​simili in nessuna delle società menzionate e non prevediamo di aprire posizioni di questo tipo entro le prossime 72 ore. Ho scritto io stesso questo articolo ed esprime le mie opinioni. Non ricevo compenso per questo (tranne che da Seeking Alpha). Non ho rapporti d’affari con nessuna società le cui azioni sono menzionate in questo articolo.

Advertisement

Trending