Entra in contatto con noi

Mercati americani

Spingendo la tua fortuna

Pubblicato

il

TERADAT SANTIVIVUT/Moment via Getty Images

Si può percorrere una certa distanza in un campo minato senza che nulla esploda, è solo che le probabilità complessive non sono buone. Per ora, l’azione del mercato rimane sfavorevole, il che suggerisce che l’entusiasmo degli investitori non è ancora robusto, e ulteriore ombrosità è possibile. Ma ancora una volta, non vi è alcuna ragione particolarmente forte per aspettarsi una direzione piuttosto che un’altra nel brevissimo termine. In ogni caso, le condizioni rimangono pessime dal punto di vista delle valutazioni. Le azioni non sono enfaticamente “a buon mercato”.

Delos Gioielli
Delos Gioielli

È particolarmente interessante che la folla degli utili operativi a termine abbia avanzato l’idea che le azioni siano a buon mercato come lo erano nel 1990. A parte i problemi con gli utili operativi a termine che ho descritto in precedenza, questa particolare argomentazione si basa sul trascurare lo stato dei margini di profitto , che erano piuttosto depresse nel 1990 e sono attualmente ai massimi storici. Pensa a che per un momento e vedrai cosa sta succedendo. Un multiplo P/E forward su ipotesi di margine di profitto depresso fornisce almeno un certo margine di errore. Lo stesso P/E forward basato sull’ipotesi dei margini di profitto più alti della storia non contiene tale margine.

– John P. Hussman, Ph.D., 27 agosto 2007, poco prima della crisi finanziaria globale

Il problema con la speculazione è che di solito c’è un divario tra il rischio sottostante e il risultato inevitabile. Il divario è più pericoloso quando ci sono potenziali ricompense per aver sfidato la fortuna.

Advertisement

Nel luglio 2007, Chuck Prince, CEO di Citigroup, ha notoriamente sfidato la fortuna dicendo: “Quando la musica si fermerà, in termini di liquidità, le cose si complicheranno. Ma finché la musica continua a suonare, devi alzarti e ballare. Il deterioramento che presto si sarebbe trasformato in una crisi finanziaria globale era già in atto. Dopo anni di speculazioni alla ricerca di rendimento indotte dalla Fed in titoli ipotecari, aiutate dalla domanda di investitori affamati di rendimento e incoraggiate dalle istituzioni di Wall Street che erano fin troppo pronte a fornire nuovi “prodotti”, l’inevitabile implosione avrebbe prodotto una perdita del 55% nell’S&P 500 e una perdita del 98% del valore di Citigroup.

Sfortunatamente, il divario gratificante tra il rischio sottostante e gli esiti inevitabili può incoraggiare le persone a persistere in comportamenti sconsiderati. Nel 2007, i tragici risultati di quel comportamento erano già cotti nella torta. Solo i tempi erano incerti. Come ho scritto all’epoca, si può percorrere una certa distanza in un campo minato senza che nulla esploda – è solo che le probabilità complessive non sono buone.

Le distorsioni nei mercati finanziari sono diverse oggi rispetto al 2007. Questa volta, la Fed ha fatto morire di fame gli investitori per un decennio, e molto più aggressivo. Guardando nello specchietto retrovisore, gli effetti dell’implacabile speculazione alla ricerca di rendimenti sembrano gloriosi. Ma il relax può essere mozzafiato. Le distorsioni nel mercato azionario sono ben oltre quelle del 2007, assomigliano più da vicino al 1929 e al 2000. Ciò rimane vero, anche se la bolla ha raggiunto il picco un anno fa. Da allora, l’S&P 500 ha perso un modesto -15,7%, inclusi i dividendi.

Continuo ad aspettarmi che lo scioglimento di questa bolla porterà l’S&P 500 a poco un terzo del livello fissato al picco del gennaio 2022. Lo so, sembra assurdo. Ecco perché presento affermazioni del genere con i dati, come ho fatto prima della crisi finanziaria globale nel 2007, e come ho fatto quando ho previsto una perdita dell’83% nei titoli tecnologici nel marzo 2000. Assurdo, ma anche purtroppo corretto.

Advertisement

Gli investitori spesso commettono l’errore di ignorare le valutazioni ricche se non comportano perdite immediate. Non è decisamente così che funzionano le valutazioni. Le valutazioni estreme non corrispondono a una previsione a breve termine sulla direzione del mercato. Piuttosto, la nostra disciplina di investimento consiste nell’allineare le nostre prospettive a condizioni di mercato misurabili e osservabili, incluso Entrambi valutazioni e fattori interni del mercato – e per modificare le nostre prospettive di investimento al mutare di tali condizioni. Non sono necessarie previsioni o scenari.

Prima che l’attuale bolla speculativa alla ricerca di rendimento si risolva (il 2022 è stato solo un riscaldamento, a mio avviso), ricordiamo che l’unica cosa veramente “diversa” dell’allentamento quantitativo e della politica dei tassi di interesse zero è stata che ha incoraggiato gli investitori a speculare al di là di qualsiasi ben definito storico “limite”, sulla convinzione che i tassi di interesse zero non lasciassero loro altra alternativa. Come ho spiegato regolarmente, alla fine ho abbandonato la nostra dannosa risposta ribassista a quei “limiti” e sono lieto che il vantaggio di questi adattamenti sia diventato sempre più chiaro negli ultimi anni.

Le valutazioni e gli elementi interni del mercato continuano a essere essenziali per navigare nell’intero ciclo di mercato. Le nostre misure di valutazione più affidabili rimangono ben correlate con i successivi rendimenti a lungo termine e i ribassi dell’intero ciclo. Infatti, mentre il livello medio di valutazioni è stato sopra norme storiche negli ultimi decenni, il livello medio di successivi ritorni è stato prevedibilmente minore rispetto alle norme storiche. C’è voluta la bolla di ricerca del rendimento più estrema della storia per portare il rendimento totale dell’S&P 500 addirittura al 6,27% dal picco del marzo 2000, gran parte del quale sospetto sarà spazzato via nei prossimi anni. Allo stesso modo, l’intero rendimento totale dell’S&P 500 nel ciclo di mercato più recente è maturato in periodi in cui gli interni del mercato erano favorevoli.

Gli investitori spesso commettono l’errore di ignorare le valutazioni ricche se non comportano perdite immediate. Non è decisamente così che funzionano le valutazioni. Le valutazioni estreme non corrispondono a una previsione a breve termine sulla direzione del mercato. Piuttosto, la nostra disciplina di investimento consiste nell’allineare le nostre prospettive a condizioni di mercato misurabili e osservabili, incluso Entrambi valutazioni e fattori interni del mercato – e per modificare le nostre prospettive di investimento al mutare di tali condizioni. Non sono necessarie previsioni o scenari.

Advertisement

Tuttavia, è impossibile per noi esaminare gli attuali estremi di valutazione senza consentire anche all’S&P 500 di perdere più della metà del suo valore, anche da qui. Non si tratta tanto di una previsione quanto di una stima del “ciclo completo” della perdita di mercato che sarebbe necessaria per ripristinare i rendimenti attesi storicamente ordinari. Vale anche la pena notare che quando i rendimenti dei buoni del Tesoro si sono attestati tra il 3 e il 5%, come avviene oggi, le nostre misure di valutazione più affidabili si sono attestate in media solo alla metà dei loro livelli attuali.

Risultati più immediati saranno guidati dal flusso e riflusso della psicologia degli investitori tra speculazione e avversione al rischio, e lo valutiamo dall’uniformità delle dinamiche interne del mercato. Attualmente, sia le valutazioni che gli interni del mercato rimangono sfavorevoli, il che crea quella che io chiamo una situazione di “botola”.

Gli investitori potrebbero certamente riprendersi la punta speculativa, nonostante un mercato sopravvalutato. Per noi andrebbe bene, poiché abbiamo abbandonato la nostra convinzione che esista un “limite” ben definito a tale volontà. Anche i cambiamenti nella politica della Fed, ragionevoli o meno, andrebbero bene per noi, almeno dal punto di vista della nostra disciplina di investimento. Risponderemo alle condizioni man mano che cambiano e prenderemo le prove così come arrivano.

Due leve della botola

Alcuni grafici aiuteranno a illustrare le nostre preoccupazioni sulle attuali condizioni di mercato. Di seguito è riportata la nostra singola misura di valutazione più affidabile: la capitalizzazione di mercato delle società non finanziarie in rapporto al valore aggiunto lordo, inclusi i ricavi esteri stimati. Valutiamo l’affidabilità delle nostre misure di valutazione in base alla loro correlazione con i successivi rendimenti di mercato effettivi nel corso della storia. Altre misure affidabili (ad esempio, capitalizzazione di mercato/PIL, prezzo/ricavi S&P 500 e il nostro P/E aggiustato per il margine) sembrano abbastanza simili. L’avanzamento al picco di mercato del gennaio 2022 ha portato le valutazioni oltre gli estremi del 2000 e persino del 1929. Il calo del mercato dello scorso anno ha semplicemente sfiorato la schiuma più speculativa, portando le valutazioni allo stesso estremo che abbiamo osservato al picco della bolla del marzo 2000.

Advertisement

Enfaticamente, le valutazioni non operano nel vuoto. Sarebbe stato impossibile per le valutazioni raggiungere estremi speculativi come il 1929, il 2000 e il 2022 senza continuare ad avanzare in modo persistente oltre gli estremi minori. Durante la bolla tecnologica della fine degli anni ’90, ho setacciato i dati storici alla ricerca di fattori che potessero aiutare a distinguere un mercato sopravvalutato che continua ad avanzare da un mercato sopravvalutato che crolla come un sasso. La mia risposta è stata, e rimane, la psicologia degli investitori, in particolare se gli investitori sono inclini alla speculazione o all’avversione al rischio.

Nel 1998, ho introdotto il nostro indicatore degli interni di mercato, ciò che all’epoca chiamavo “uniformità di tendenza”. Continua a essere un elemento essenziale della nostra disciplina di investimento. L’approccio specifico all’estrazione del segnale è una delle poche cose che mantengo proprietario, ma sono molto aperto riguardo al concetto centrale. Quando gli investitori sono inclini a speculare, tendono ad essere indiscriminati al riguardo, quindi l ‘”uniformità” degli interni del mercato tra migliaia di azioni, industrie, settori e tipi di sicurezza trasmette informazioni su quella psicologia.

Di fronte a politiche di tassi di interesse pari a zero, abbiamo dovuto abbandonare la nostra risposta ribassista a “limiti” storicamente affidabili alla speculazione. Al contrario, le valutazioni e gli aspetti interni del mercato continuano a essere essenziali per la nostra disciplina di investimento e tale enfasi ha ripristinato la flessibilità strategica di cui abbiamo goduto in decenni di cicli di mercato completi. A mio avviso, sarebbe un grave errore prendere la nostra difficoltà con i “limiti” speculativi come una ragione per respingere la “botola” aperta dalle due leve delle valutazioni sfavorevoli e degli interni di mercato sfavorevoli.

Il grafico sottostante presenta il rendimento totale cumulativo dell’S&P 500 nei periodi in cui le nostre misure degli interni di mercato sono state favorevoli, accumulando altrimenti interessi sui buoni del Tesoro. Il grafico è storico, non rappresenta alcun portafoglio di investimenti, non riflette valutazioni o altre caratteristiche del nostro approccio agli investimenti e non è una garanzia di risultati futuri. Le porzioni piatte nel grafico sottostante sono periodi in cui, come lo scorso anno, i fattori interni di mercato erano costantemente sfavorevoli, portandoci a preferire buoni del Tesoro o azioni coperte al rischio di mercato senza copertura. Vedrai la stessa tendenza durante i crolli del 2000-2002 e del 2007-2009. Non possiamo escludere “whipsaws” e non ci aspettiamo che i fattori interni “catturino” le fluttuazioni di mercato a breve termine. Tuttavia, nei quasi 25 anni da quando ho introdotto la nostra misura degli interni di mercato, non ho trovato un modo più utile per valutare la speculazione rispetto all’avversione al rischio.

Advertisement

Cause e condizioni

Privando incessantemente gli investitori di rendimenti privi di rischio, la Federal Reserve ha generato una bolla speculativa di tutti gli asset che stimiamo fornirà agli investitori poco rischio ma privo di rendimento.

– John P. Hussman, Ph.D., Rischio senza ritorno14 gennaio 2022

Nell’ultimo anno, l’S&P 500 si è ritirato solo modestamente dal picco speculativo del gennaio 2022, ma i tassi di interesse si sono normalizzati in misura molto maggiore. Questo, a mio avviso, è probabilmente l’aspetto più pericoloso dell’attuale contesto di mercato. Continuiamo a osservare valutazioni che sono state create solo come risultato di un decennio di sconsiderata politica del tasso di interesse zero, ma la politica del tasso di interesse zero non è più presente.

Come insegnò il Buddha, “Tutte le cose appaiono e scompaiono a causa del concorso di cause e condizioni. Niente esiste mai interamente da solo; tutto è in relazione a tutto il resto”. Con i tassi di interesse ora ben al di sopra dello zero, non sussistono più le cause e le condizioni primarie della recente bolla speculativa. La persistenza di ricche valutazioni qui è, a mio avviso, in gran parte il risultato dell’ancoraggio psicologico e del senno di poi che tratta i prezzi passati come uno standard di valore. Abbiamo visto la stessa cosa durante il collasso del 2000-2002, ed è pericoloso. Ho avuto amici che sono stati spazzati via, non acquistando al massimo, ma supponendo che una volta che i prezzi fossero diminuiti del 15%, o del 20%, o in alcuni casi del 50% dai massimi, il ritiro rappresentasse in qualche modo il “valore”.

Advertisement

Lo dirò di nuovo. Il valore non si misura dalla misura in cui i prezzi sono diminuiti, ma dal rapporto tra i prezzi e lo sconto corretto ed i flussi di cassa. Attualmente stimiamo che l’S&P 500 dovrebbe scendere al livello di 2800 semplicemente per stabilire rendimenti prospettici a 10 anni pari a quelli dei buoni del Tesoro a 10 anni. Ripristino di un rendimento atteso del 5% storicamente ordinario al di sopra e al di sopra I rendimenti dei buoni del Tesoro richiederebbero un calo al livello del 1850. Il ripristino dei rendimenti a lungo termine attesi storicamente del 10% per l’S&P 500 richiederebbe, secondo le nostre stime, un calo al livello 1600.

In parole povere, stimiamo che l’S&P 500 affronti la stessa prospettiva di perdita dell’intero ciclo e rischio senza rendimento come nel 1929, 2000 e 2007. Non è necessaria una massiccia recessione. L’iperinflazione non è richiesta. Non è richiesto un crollo dell’alloggiamento. Tutto ciò che è necessario per un crollo del mercato azionario è che gli investitori richiedano storicamente ordinario rendimenti potenziali dalle azioni, piuttosto che continuare a valutare le azioni a valutazioni speculative che rappresentavano l’equivalente di gridare “zio” di fronte a tassi di interesse pari a zero.

Il grafico seguente mostra le nostre stime dei rendimenti totali dell’S&P 500 superiori ai rendimenti del Tesoro a 10 anni, insieme ai rendimenti successivi effettivi, nei dati dal 1928. Vedrai molti modelli di “premio per il rischio azionario” a Wall Street. Il problema è che, in generale, scopriamo che in realtà non funzionano affatto bene. Questo è certamente vero per il favorito ingenuo di Wall Street: rendimento operativo a termine – rendimento obbligazionario a 10 anni. Come ho notato l’anno scorso, vale anche per Shiller-Black-Jirav “Rendimento in eccesso del capo.”

Quando senti gli analisti di Wall Street parlare dell’attrattiva delle azioni rispetto alle obbligazioni, è imperativo chiedersi se il modello che stanno utilizzando abbia effettivamente una relazione significativa con i rendimenti successivi. È una delle mie grandi frustrazioni con questo settore che la risposta sia tipicamente “no”. Di seguito è riportata una misura che soddisfa tale requisito. Sfortunatamente, al momento stimiamo che i rendimenti totali dell’S&P 500 probabilmente lo faranno ritardo i rendimenti dei buoni del Tesoro del -3,4% annuo nel prossimo decennio. Dato che il rendimento dei titoli del Tesoro a 10 anni è attualmente di circa il 3,4%, ciò implica anche che stimiamo che i rendimenti totali dell’S&P 500 siano in media di circa zero nel prossimo decennio.

Advertisement

Fortunatamente o sfortunatamente, i periodi di rendimenti S&P 500 stimati negativi, relativi alle obbligazioni, non tendono a persistere a lungo. In generale, le azioni tendono a subire gravi perdite nei prossimi 30-36 mesi. Il grafico sottostante illustra questa regolarità. L’asse orizzontale mostra il rendimento totale stimato dell’S&P 500 superiore ai rendimenti del Tesoro a 10 anni. La verticale mostra il valore di un $ 1 originale investito nell’S&P 500, 30 mesi dopo. Si noti che i punti sul lato sinistro del grafico collassano essenzialmente al di sotto di 1,0. Questo è l’investimento originale che viene spazzato via.

Il grafico sottostante illustra la frase di apertura del commento di questo mese: “Il problema con la speculazione è che di solito c’è un divario tra il rischio sottostante e il risultato inevitabile”. La linea blu mostra la perdita stimata nell’S&P 500 che sarebbe necessaria per ripristinare il maggiore tra a) 10% di rendimenti totali nominali previsti nell’S&P 500; oppure b) un premio per il rischio atteso del 2% rispetto ai buoni del Tesoro. L’ombreggiatura rossa mostra la successiva perdita effettiva più profonda dell’S&P 500 nel successivo periodo di 3 anni. Nota che spesso c’è un bel po’ di “spazio bianco” tra le tazze blu e l’inchiostro rosso che alla fine le riempie. Quello spazio bianco rappresenta un rischio elevato senza conseguenze apparenti; periodi che invogliavano gli speculatori a correre nei campi minati ea sfidare la fortuna.

Nonostante i profondi rischi che crediamo siano insiti nella torta delle valutazioni, lo ripeto: in qualsiasi momento in cui le nostre misure interne suggeriscono che la psicologia degli investitori si è spostata verso la speculazione, ci asterremo dall’adottare o amplificare un mercato ribassista prospettiva. Infatti, anche alle valutazioni attuali, un passaggio a interni uniformemente favorevoli ci incoraggerebbe ad adottare una prospettiva di mercato costruttiva il più delle volte (sebbene con limiti di posizione e reti di sicurezza). Comprendiamo i rischi di valutazione, ma comprendiamo anche che ci sono determinati periodi in cui agli investitori non potrebbe importare di meno dei rischi di valutazione. Il nostro compito è aderire a una disciplina di investimento a ciclo completo attenta al valore, storicamente informata, gestita dal rischio e ci siamo adattati in modi che ci consentono di rispondere in modo flessibile alle condizioni di mercato mentre cambiano, senza il rischio di essere “fissato” in una data prospettiva di mercato.

Sul rischio di recessione, sulla persistenza dell’inflazione e sulle aspettative implicite

Il National Bureau of Economic Research generalmente definisce le recessioni come periodi in cui la produzione, il reddito, la spesa e l’occupazione si ritirano in un modo che combina profondità, diffusione e durata (sebbene una chiara debolezza in una caratteristica possa compensare una debolezza più moderata in un’altra). Attualmente, la mia opinione è che l’occupazione non si è deteriorata nella misura in cui sarebbe coerente con i criteri di recessione NBER – almeno non ancora.

Advertisement

– John P. Hussman, Ph.D., Siamo arrivati?luglio 2022

All’inizio dell’anno, è normale che vengano diffuse varie prospettive per il 2023. La mia opinione, dettagliata sopra, è che le valutazioni di mercato rimangono il rischio più saliente per gli investitori, in particolare dato che i tassi di interesse non sono più a zero. Sembra estremamente ottimista per gli investitori aspettarsi una navigazione tranquilla, a valutazioni che rivaleggiano ancora con gli estremi del 1929 e del 2000, ma senza le sconsiderate politiche dei tassi di interesse zero che hanno consentito alle valutazioni di superare gli estremi del 1929 e del 2000 in primo luogo. Tuttavia, come sempre, risponderemo alle condizioni di mercato man mano che cambiano nel tempo e non sono necessarie previsioni.

La mia opinione sul rischio di recessione rimane che l’occupazione non si è deteriorata nella misura in cui sarebbe coerente con i criteri di recessione NBER. Nonostante la debolezza in varie misure del sentiment dei responsabili degli acquisti e dello stress creditizio, anche le componenti dell’occupazione dei nostri Recession Warning Composites non si sono ancora spostate in modo tale da suggerire una recessione imminente.

Dati gli attuali estremi di valutazione, non credo che una recessione ufficiale sia necessaria affinché le azioni subiscano gravi perdite. Sospetto che osserveremo qualcosa che soddisfi la definizione di recessione anche se il tasso di disoccupazione sale oltre il 4%, ma le mie stesse aspettative riguardo alla gravità di una recessione richiederebbero un deterioramento maggiore di quello che vediamo attualmente. Oltre alle misure sull’occupazione, un forte allargamento degli spread creditizi, unito a un deterioramento della fiducia dei consumatori e del numero di ore lavorate, contribuirebbe a creare timori di recessione più immediati. Per ora, non ho aspettative terribilmente puntate sull’argomento.

Advertisement

Per quanto riguarda l’inflazione, la mia impressione è che gli investitori siano andati molto avanti rispetto a se stessi estrapolando un modesto miglioramento dei dati. Può darsi che l’inflazione migliori progressivamente da qui, ma il problema è che gli investitori l’hanno data per scontata e incorporato nei prezziil che significa che ora fare affidamento su quel miglioramento. Qualsiasi stallo in atto sul fronte dell’inflazione, e in particolare qualsiasi sorpresa al rialzo dell’inflazione core anche nell’ordine dello 0,2-0,4%, potrebbe essere dirompente sia per le obbligazioni che per le azioni.

Da parte mia, ho sempre insistito per formare aspettative esaminando i dati. Francamente, non c’è modo migliore che studiare i dati sull’inflazione per dimostrare a te stesso che Wall Street, gli economisti di strada principale, i media finanziari e la Federal Reserve stanno tutti esprimendo opinioni completamente fuori dalle loro teste, apparentemente incapaci di gestire il grafico a dispersione più elementare. .

Vedi, il fatto è che quasi tutto ciò che la gente immagina sia predittivo dell’inflazione non ha praticamente alcuna relazione affidabile con l’inflazione. Ciò include la disoccupazione – come ho notato prima, anche la curva di Phillips è essenzialmente una relazione di scarsità tra disoccupazione e salario reale inflazione. Ha ben poco a che fare con l’inflazione generale dei prezzi. Metà di voi si è appena arrabbiata con me. Non arrabbiarti. Dai, guarda i dati. Entraci dentro. Entra in profondità. Rimarrai così deluso perché tutto ciò in cui credi, tutto ciò che hai imparato in Economia 101, è un dogma teorico.

Ora, ci sono certamente utili prospettive sull’inflazione – il mio quadro è quello di esaminare quattro driver – la quantità di passività del governo (misurabili), la domanda e la fiducia nelle passività del governo (psicologiche), l’offerta di beni e servizi insieme alla capacità inutilizzata (misurabile) e la domanda di beni e servizi (psicologica). Come per il mercato azionario, gli elementi psicologici hanno un impatto autoriflessivo. I prezzi influenzano le aspettative, che influenzano i prezzi. Il risultato qui è che il miglior predittore dell’inflazione è, beh, l’inflazione e l’inflazione ritardata. I successivi migliori correlati, ma più deboli, sono gli shock economici negativi e gli shock alla capacità e all’offerta tra deficit pubblici insostenibili.

Advertisement

Quindi, a meno che non veniamo colpiti dalla recessione e dalle tensioni creditizie, che qui non sono molto evidenti, la mia impressione è che l’inflazione possa essere più persistente di quanto gli investitori sembrino puntare. È qui che gli investitori si stanno davvero mettendo in pericolo. Sulla base delle relazioni storiche tra tassi di interesse, inflazione core, crescita del PIL nominale, disoccupazione e altri fattori, il limite inferiore per un “pivot della Fed” e il tipico limite inferiore per il rendimento dei titoli del Tesoro a 10 anni sono entrambi nell’area di 5,2 % qui. Prezzando le obbligazioni e altri asset in modo da presumere che l’inflazione scenderà rapidamente e in linea retta, gli investitori si sono messi nella posizione di affidandosi sull’inflazione a scendere rapidamente e in linea retta.

Non è impossibile. Non posso escluderlo. Ma non è proprio così che l’inflazione tende a risolversi. Al contrario, gli shock inflazionistici hanno avuto storicamente un tempo di dimezzamento sorprendentemente lungo.

Il grafico sottostante illustra questo punto. L’asse verticale mostra il coefficiente di pendenza che mette in relazione l’attuale tasso di inflazione con il successivo tasso anno su anno, mese per mese, nei prossimi 5 anni.

Ovviamente, la correlazione più alta è nei primi 12 mesi, in calo al diminuire della sovrapposizione dei dati. Ma il “periodo di dimezzamento” dell’inflazione è in realtà di circa 3-4 anni, e la correlazione tra l’inflazione in un punto e l’inflazione in un altro punto si avvicina allo zero solo dopo circa 12 anni.

Advertisement

La linea di fondo è semplice. Non richiediamo previsioni, ma gli investitori non dovrebbero ignorare i rischi o insistere per sfidare la fortuna. L’attuale combinazione di valutazioni estreme e azioni di mercato sfavorevoli crea una “botola” di rischio al ribasso per i mercati finanziari. Allo stesso modo, la persistenza di valutazioni estreme – in assenza delle cause e delle condizioni che incoraggiavano quelle valutazioni estreme – crea rischio. La tendenza dei premi al rischio stimati negativi a risolversi in profondi ribassi del mercato nei prossimi 30-36 mesi crea rischio. La dipendenza degli investitori da multipli di “guadagni a termine” che incorporano margini di profitto record crea rischi. L’ipotesi che l’inflazione scenderà in modo rapido e lineare, nonostante la persistenza storica dell’inflazione, crea rischio.

Se le nostre misure degli interni del mercato dovessero migliorare, potremmo almeno dedurre che gli investitori si sono spostati verso una mentalità speculativa, piuttosto che incline all’avversione al rischio. Attualmente, osserviamo una grande quantità di rischio potenziale in un mercato sopravvalutato a cui sono inclini anche gli investitori cura su quel rischio.

Queste condizioni cambieranno. Fino ad allora, siamo comodamente allacciati.

I precedenti commenti rappresentano l’analisi generale degli investimenti e le opinioni economiche del Consulente e sono forniti esclusivamente a scopo informativo, istruttivo e dialettico.

Advertisement

Prospetti per Hussman Strategic Growth Fund, Hussman Strategic Total Return Fund, Hussman Strategic International Fund, a e l’Hussman Strategic Allocation Fund, così come i rapporti sui fondi e altre informazioni, sono disponibili facendo clic sul pulsante del menu “I fondi” da qualsiasi pagina di questo sito web.

Le stime del rendimento e del rischio prospettici per azioni, obbligazioni e altri mercati finanziari sono dichiarazioni previsionali basate sull’analisi e sulle ragionevoli convinzioni di Hussman Strategic Advisors. Non costituiscono una garanzia di rendimento futuro e non sono indicativi dei potenziali rendimenti di nessuno dei Fondi Hussman. I rendimenti effettivi possono differire sostanzialmente dalle stime fornite. Le stime dei potenziali rendimenti a lungo termine per l’S&P 500 riflettono la nostra metodologia di valutazione standard, concentrandosi sulla relazione tra gli attuali prezzi di mercato e gli utili, i dividendi e altri fondamentali, corretti per la variabilità durante il ciclo economico. Ulteriori dettagli relativi a MarketCap/GVA (il rapporto tra la capitalizzazione di mercato non finanziaria e il valore aggiunto lordo, inclusi i ricavi esteri stimati) e il nostro P/E aggiustato per il margine (MAPE) sono disponibili nel Archivio dei commenti di mercato nella scheda Knowledge Center di questo sito Web. Capitalizzazione di mercato/VAL: Husman 18/05/15. MAPE: Husman 05/05/14, Husman 09/04/17.

I dati sulle prestazioni citati rappresentano le prestazioni passate. Le performance passate non garantiscono risultati futuri. Il rendimento dell’investimento e il valore del capitale di un investimento oscilleranno in modo che le azioni di un investitore, una volta riscattate, possano valere più o meno del loro costo originale. La performance attuale potrebbe essere inferiore o superiore ai dati sulla performance citati. I dati sulla performance più aggiornati fino alla fine del mese più recente sono disponibili sul sito Web del Fondo www.hussmanfunds.com o chiamando il numero 1-800-487-7626. Gli investitori dovrebbero considerare attentamente gli obiettivi di investimento, i rischi, gli oneri e le spese dei Fondi prima di investire. Per questa e altre informazioni, si prega di procurarsi un Prospetto e di leggerlo attentamente.

Gli Hussman Funds hanno la capacità di variare la loro esposizione alle fluttuazioni del mercato a seconda delle condizioni generali del mercato e potrebbero non seguire i movimenti dei mercati azionari e obbligazionari complessivi, in particolare nel breve termine. Sebbene l’intento di questa strategia sia l’apprezzamento del capitale a lungo termine, il rendimento totale e la protezione del capitale, il rendimento dell’investimento e il valore principale di ciascun Comparto possono fluttuare o discostarsi dai rendimenti complessivi del mercato in misura maggiore rispetto ad altri fondi che non impiegano tali strategie. Ad esempio, se un Fondo ha assunto una posizione difensiva e il mercato avanza, il rendimento per gli investitori sarà inferiore rispetto a se il portafoglio non fosse stato difensivo. In alternativa, se un Comparto ha assunto una posizione aggressiva, un calo del mercato amplificherà le perdite di investimento del Comparto. Il distributore dei fondi Hussman è Ultimus Fund Distributors, LLC., 225 Pictoria Drive, Suite 450, Cincinnati, OH, 45246.

Advertisement

L’Hussman Strategic Growth Fund ha la capacità di coprire il rischio di mercato vendendo allo scoperto i principali indici di mercato per un importo massimo, ma non superiore, al valore delle sue partecipazioni azionarie. Tuttavia, il Fondo può subire una perdita anche quando l’intero valore del suo portafoglio azionario è coperto se i rendimenti delle azioni detenute dal Fondo non superano i rendimenti dei titoli e degli strumenti finanziari utilizzati per la copertura, o se i prezzi di esercizio di le opzioni call e put del Fondo differiscono, cosicché la perdita combinata su queste opzioni durante un’avanzata di mercato supera il guadagno sull’indice sottostante. Il Fondo ha anche la capacità di sfruttare la quantità di azioni che controlla fino a 1 1/2 volte il valore delle attività nette, investendo una percentuale limitata delle attività in opzioni call.

L’Hussman Strategic Allocation Fund investe principalmente in azioni ordinarie, obbligazioni ed equivalenti di liquidità (come buoni del Tesoro statunitensi e quote di fondi comuni di investimento del mercato monetario, allineando le proprie allocazioni a queste classi di attività sulla base delle valutazioni prevalenti e dei rendimenti attesi stimati in questi mercati. strategia di investimento aggiunge enfasi alla gestione del rischio per adeguare l’esposizione del Fondo a condizioni di mercato che suggeriscono avversione al rischio o speculazione tra i partecipanti al mercato.Il Fondo può utilizzare opzioni e futures su indici azionari e buoni del Tesoro per adeguare le proprie esposizioni di investimento relative al titolo e mercati obbligazionari o per ridurre l’esposizione del portafoglio del Fondo all’impatto delle fluttuazioni generali del mercato quando le condizioni di mercato sono sfavorevoli a giudizio del consulente per gli investimenti.

Il fondo Hussman Strategic Total Return ha la capacità di coprire il rischio di tasso d’interesse del suo portafoglio per un importo massimo, ma non superiore, al valore delle sue partecipazioni a reddito fisso. Il Fondo ha inoltre la capacità di aumentare l’esposizione ai tassi d’interesse del suo portafoglio attraverso acquisti limitati di titoli del Tesoro zero coupon e STRIPS. Il Fondo può anche investire fino al 30% delle attività in strumenti alternativi al mercato obbligazionario statunitense, inclusi titoli di stato esteri, titoli di servizi pubblici, obbligazioni convertibili, fondi comuni di investimento immobiliare e azioni di metalli preziosi.

L’Hussman Strategic International Fund investe principalmente in azioni di società che traggono la maggior parte dei loro ricavi o utili da, o detengono la maggior parte delle loro attività in, un paese o un paese diverso dagli Stati Uniti, nonché azioni di fondi negoziati in borsa (“Exchange Traded Funds”). ETF”) e veicoli di investimento simili che investono principalmente nei titoli azionari di tali società. Il Fondo ha la capacità di coprire il rischio di mercato vendendo allo scoperto i principali indici di mercato utilizzando swap, opzioni su indici e future su indici per un importo massimo, ma non superiore, al valore delle sue partecipazioni azionarie. Questi possono includere indici azionari esteri e indici di azioni statunitensi come l’indice Standard and Poor’s 500. I mercati esteri possono essere più volatili dei mercati statunitensi e possono comportare rischi aggiuntivi.

Advertisement

Il Prospetto di ciascun Comparto contiene ulteriori informazioni su obiettivi, strategie, rischi e spese di investimento. Si prega di leggere attentamente il Prospetto prima di investire.

Il Market Climate non è una formula ma un metodo di analisi. Il termine “Market Climate” e la grafica utilizzata per rappresentarlo sono marchi di servizio di Hussman Strategic Advisors (precedentemente noto come Hussman Econometrics Advisors). Il Gestore del Fondo ha esclusiva discrezione nella misurazione e interpretazione delle condizioni di mercato. Le informazioni relative alla strategia di investimento di ciascun Comparto sono descritte nel relativo Prospetto e Dichiarazione di informazioni aggiuntive. Un prospetto delle posizioni di investimento per ciascun Comparto è presentato nelle relazioni annuali e semestrali. Fatta eccezione per gli articoli che citano specificamente le posizioni di investimento detenute dai Fondi, i commenti generali sul mercato non riflettono necessariamente la posizione di investimento dei Fondi.

Nota dell’editore: I punti riassuntivi per questo articolo sono stati scelti dagli editori di Seeking Alpha.

Questo articolo è stato scritto da

Advertisement

Il Dr. John Hussman è il presidente e il principale azionista di Hussman Econometrics Advisors, la società di consulenza per gli investimenti che gestisce i Fondi Hussman (http://www.hussmanfunds.com). Ha conseguito un dottorato di ricerca. in economia presso la Stanford University, un master in istruzione e politiche sociali e una laurea in economia presso la Northwestern University. Prima di gestire i fondi Hussman, il dottor Hussman è stato professore di economia e finanza internazionale presso l’Università del Michigan. A metà degli anni ’80, il dottor Hussman ha lavorato come matematico delle opzioni per Peters & Company presso il Chicago Board of Trade, e nel 1988 ha iniziato a pubblicare la newsletter Hussman Econometrics. Praticamente tutte le attività liquide del Dr. Hussman sono investite nei Fondi Hussman. Nota: il Dr. Hussman non è un collaboratore attivo di Seeking Alpha; piuttosto, i redattori di SA estraggono regolarmente dal commento pubblico del Dr. Hussman.

Advertisement

Trending