sabato 18 settembre 2021

Termina la sospensione Covid delle attività di riscossione e pignoramenti

Inizia la ripresa economica, arrivano gli aiuti ed si riattivano anche i pagamenti per notifiche e pignoramenti  che sono stati sospesi fino al 31 agosto a causa dell’emergenza covid.

La sospensione per il Covid-19 delle attività di riscossione è terminata  il 31 agosto, quindi a partire da oggi, 1 settembre 2021, le attività che comportano i pagamenti di notifiche e pignoramenti  riprenderanno dopo un anno e mezzo di chiusura  (erano infatti state sospese a partire dall’8 marzo 2020).

La ripartenza della macchina amministrativa di AdER (Agenzia delle Entrate – Riscossione, Ex Equitalia) implica non solo l’obbligo di pagare le cartelle esattoriali non pagate entro la fine del mese, ma anche la ripresa dell’attività nella notifica di nuove sanzioni. Non c’è più scampo, occorre pagare le cartelle esattoriali scadute, nuove cartelle e atti che saranno presto inviati, procedure esecutive, pignoramenti presso terzi (nuovi o effettuati prima del 19 maggio 2020) su stipendi, salari, altre indennità relative al rapporto di lavoro o impiego, pensioni e procedure simili.

Dal 1° settembre riprenderanno i controlli sulle inadempienze anche da parte delle pubbliche amministrazioni e delle società a partecipazione pubblica maggioritaria prima dell’emissione di ingiunzioni di pagamento a qualsiasi titolo per importi superiori a 5.000 euro. Il condono per cartelle fino a 5.000 euro, affidate all’agente della riscossione fra il primo gennaio 2000 e il 31 dicembre 2010, per i contribuenti con ISEE fino a 30.000 euro, decorre automaticamente dal 31 ottobre (comprende gli importi con requisiti i rientranti nella Rottamazione o nel Saldo e Stralcio). L’Agenzia delle Entrate offre un servizio di verifica web per controllate se i debiti sono stati cancellati o se occorre pagare a nuove condizioni entro le scadenze previste.

Inoltre se c’erano pignoramenti in corso all’8 marzo scorso e poi sospesi, questi riprenderanno automaticamente il 01/09/2021. Per pagare le somme sospese il termine è il 30 settembre, non occorre pagare in un’unica soluzione ma sarà possibile anche rateizzare.