domenica 28 novembre 2021

Tra creatività e necessità, Ecomondo e Key Energy danno spazio al mondo ridisegnato dalle start up italiane

Tra creatività e bisogno, Ecomondo e Key Energy danno spazio a un mondo rivitalizzato dalle startup italiane per la Green Economy.

Così, le materie prime secondarie ottenute dai rifiuti classificati dall’intelligenza artificiale sono ottenute in casa da una discarica e l’elettricità è generata da altre frazioni di rifiuti. Nei campi agricoli preparati con veicoli con batterie al litio, il controllo della produzione viene effettuato tramite smartphone, mentre nei campi sportivi si corre su percorsi realizzati con suole di scarpe. Dagli indumenti dismessi si recupera il 100% delle fibre tessili che, su richiesta del cliente, vengono trasformate in oggetti di design. Infine, nelle località turistiche, i bagni pubblici realizzati in fibra di canapa e alimentati da pannelli solari vengono spostati dove necessario su ruote. L’immaginazione, le competenze tecnologiche e la spinta a scaricare soluzioni di economia circolare ed energia rinnovabile si combinano con tecnologie IoT che migliorano la qualità della vita e riducono l’impatto ambientale. Sono questi i tratti caratteristici delle startup selezionate da Italian Exhibition Group con Ice Agency e Art-Er (Ricerca Attrattiva Territoriale), il Consorzio della Società Emilia-Romagna. 21 per le filiere tecnologiche di Ecomondo e 12 per Key Energy, e sono esposte nell’area Start e Scale Innovation del Padiglione Sud della Fiera di Rimini dal 26 al 29 ottobre per incontrare investitori o partner industriali.

Quattro di loro sono Let It Trees.com Benefit di Rimini, Andaco – Ekoplastic di Perugia, Re Learn di Torino, che si occupa di tutela ambientale, raccolta intelligente dei rifiuti e Lif Energy di Roma, che ha realizzato un software per il calcolo della produzione e costi dell’idrogeno verde da fonti rinnovabili sono state realizzate nel 2021.

Per quanto riguarda la sezione dedicata alle tecnologie per la gestione e la valorizzazione intelligente dei rifiuti urbani o industriali, oltre ad Andaco – Ekoplastic e Re Learn, si incontra ad Ecomondo la milanese Frieco Società Benefit, che opera nella filiera della triturazione multi soluzione, dove ha anche un brevetto Grycle ha un cestino per il riciclaggio intelligente e More for the Planet, che ha un brevetto per il trattamento dei rifiuti industriali.