venerdì 23 luglio 2021

Tre pilastri del caso di Trump per la rielezione stanno crollando tutti in una volta

Il presidente Donald Trump interviene a un raduno di Make America Great Again al Civic Center di Charleston, Virginia Occidentale.

Leah Millis | Reuters

WASHINGTON – Guardando indietro ora, la notte del 4 febbraio è stata probabilmente l’apice della presidenza di Donald Trump.

Pochi minuti dopo le 21:00 ET, Trump entrò nell’elaborata Camera della Camera e poi si portò felicemente giù per la navata, tutto al suono del fragoroso applauso dei repubblicani, che cantarono “altri quattro anni”.

Era il terzo discorso sullo stato dell’Unione di Trump. Il 90- minuto di discorso pronunciato da Trump era pieno della fiducia, dell’auto-adulazione e dello spettacolo che sono diventati i segni distintivi del suo mandato.

Il discorso rifletteva anche il suo ottimismo sull’economia, un sentimento che milioni di americani condividevano con lui all’epoca, secondo i sondaggi. I mercati finanziari erano alle stelle e il tasso di disoccupazione era ai minimi storici. Quel pomeriggio, il Nasdaq Composite Index aveva raggiunto un record , a 9, 467. La media industriale di Dow Jones, un indicatore che Trump spesso sollecita, chiuso a 28, 807 quel giorno, già sulla buona strada per un massimo storico di 29, 551 colpirebbe più tardi quel mese.

L’economia non era l’unica cosa che Trump stava celebrando quel martedì sera. Il giorno prima, nei primi caucus Iowa della nazione, il senatore del Vermont Bernie Sanders, aveva vinto il voto popolare. Sanders è un socialista democratico autodescritto che non farebbe altrettanto contro Trump nelle elezioni generali come farebbe l’ex vicepresidente Joe Biden, secondo il sondaggio.

Trump sapeva anche che il giorno dopo sarebbe stato assolto nel processo di impeachment al Senato. Per Trump, il verdetto rappresenterebbe un trionfo tanto atteso sui suoi nemici percepiti, tra cui Democratici al Congresso, informatori nella sua stessa Casa Bianca e i burocrati governativi dello “stato profondo” che Trump temeva stesse pianificando di abbatterlo.

Con il suo processo di impeachment alle spalle e le sue valutazioni di approvazione il più alto che siano mai stati , Trump sembrava perfettamente posizionato per vincere facilmente la rielezione a novembre.

E, ora, quasi tutto è sparito.

In poco più di un mese, tre pilastri su cui si fonda la sua tesi di rielezione sono tutti crollati: la forte economia che Trump ha pianificato di portare avanti; la campagna di Sanders su cui Trump aveva pianificato di correre; e l’approccio “noi contro di loro” a Washington e al governo federale, su cui Trump ha costruito il suo marchio politico.

Il presidente Donald Trump pronuncia il suo discorso sullo stato dell’Unione a una sessione congiunta del Congresso degli Stati Uniti nella Camera della Camera del Campidoglio degli Stati Uniti a Washington, negli Stati Uniti il ​​4 febbraio 2020.

Leah Millis | Reuters

On Mercoledì, il Dow è sceso al di sotto del livello chiuso a gennaio. 18, 2017, il giorno prima che Trump entrasse in carica promettendo di “rendere di nuovo ricca l’America”. Le perdite di mercato riflettono ansie più ampie in tutta la nazione, dove il coronavirus ha costretto la chiusura di gran parte dell’economia americana e ha reso quasi inevitabile una recessione.

Nel frattempo, Sanders e il movimento progressista di estrema sinistra che ha promesso di costruire non è riuscito a conquistare gli elettori democratici primari. Invece, sono pronti a nominare un moderato esperto, Biden, per correre contro Trump in autunno.

Di ritorno a Washington, Trump sta cercando di orchestrare una tentacolare risposta federale a l’epidemia di coronavirus sostenuta da una macchina per i messaggi della Casa Bianca che diffonde elogi quotidiani rilasciando l’approccio del “governo intero” di Trump.

Ma guidando un massiccio dispendio di denaro federale attraverso grandi programmi governativi, Trump mina uno dei principi centrali del trumpismo: la sua convinzione che il governo federale sia corrotto, gonfio e istituzione infranta, in quanto i “burocrati non eletti” che occupano i suoi ranghi non sono attendibili.

“La crisi del coronavirus ha rivelato Trump come non ben preparato e se stesso non essendo un gran lavoratore “, ha detto Matthew Barreto, professore di scienze politiche e studi chicano all’UCLA.

“Quando tutto procede bene, questi profondi difetti del personaggio vengono nascosti. Ma quando colpisce una grave crisi , gli elettori ricorderanno che Trump era completamente addormentato e ha persino trasmesso informazioni fuorvianti e false. “

A giovedì mattina c’erano più di

9, 000 casi confermati di COVID – 19 negli Stati Uniti e più di 70 Gli americani erano morti per questo. Il mercato azionario ha avuto una volatilità senza sosta e le richieste di sussidi di disoccupazione per la scorsa settimana sono saltate in vista di un probabile aumento dei licenziamenti.

Già, i sondaggi stanno dimostrando che gli elettori hanno più fiducia nel governo federale nel suo complesso, rispetto al presidente. Un recente sondaggio del NBC / Wall Street Journal ha scoperto che 62% degli intervistati ha fiducia nel governo federale nel gestire la crisi del coronavirus, rispetto a 48% che ha affermato di avere fiducia in Trump.

La fine della prosperità?

“Dalla mia elezione, i mercati azionari statunitensi sono saliti alle stelle 70%, aggiungendo più di $ 12 trilioni per la ricchezza della nostra nazione , trascendendo qualsiasi cosa si credesse possibile “, ha dichiarato Trump durante il suo discorso sullo stato dell’Unione a febbraio.

L’economia americana, ha detto, “sta avanzando a un ritmo inimmaginabile poco tempo fa, e non torneremo mai più indietro”. Il febbraio 12, otto giorni dopo che Trump aveva promesso agli americani un futuro pieno di crescita senza fine, il Dow raggiunse il suo record.

Ma ora, meno di otto settimane dopo, il panico per la pandemia di coronavirus ha reso vuote le promesse del presidente. I mercati sono caduti più di 28% in pochi giorni. Gran parte della ricchezza di cui Trump ha affermato che il credito è stato cancellato.

Molti analisti prevedono ora che l’economia americana potrebbe ridursi del 5% nel secondo trimestre di quest’anno, mentre le scuole, bar, ristoranti, teatri, palestre e luoghi di lavoro in tutto il paese sono chiusi per settimane per prevenire la diffusione del coronavirus. Mercoledì, un analista di JPMorgan ha avvertito che la contrazione del Q2 potrebbe essere fino a

%.

Le principali compagnie aeree sono in pericolo di fallimento poiché i viaggiatori annullano i viaggi e restano vicini a casa, alcuni per scelta, e altri su ordine di governi statali e locali. Si prevede che tutto ciò continuerà fino all’estate, ha detto Trump lunedì, anche se potrebbe essere “più lungo di così”.

Gli economisti e gli investitori sembrano ora rassegnati al fatto che l’economia americana entrerà in una recessione, definita come due trimestri consecutivi di crescita negativa. Le uniche domande che rimangono ora sono quanto durerà la recessione e quanto in profondità taglierà.

Martedì, il segretario al Tesoro Steve Mnuchin ha riferito al Senato repubblicano che, escludendo un massiccio intervento del governo nell’economia, il tasso di disoccupazione USA potrebbe salire a 20% entro pochi mesi. Alla domanda sui commenti durante un briefing di mercoledì, Mnuchin ha affermato che la cifra era “uno scenario assoluto nel peggiore dei casi”, ma non qualcosa che Mnuchin ha mai creduto potesse effettivamente accadere.

Steven Mnuchin, segretario del Tesoro USA, a destra, parla accanto al presidente degli Stati Uniti Donald Trump durante una conferenza stampa della Task Force del Coronavirus nella sala riunioni della Casa Bianca a Washington, DC, USA, martedì, marzo 17, 2020.

Kevin Dietsch | Bloomberg | Getty Images.

Ma sia che la cifra finale sia semplicemente cattiva o catastrofica, la storia indica che saranno terribili per le prospettive di rielezione di Trump.

“Sarebbe molto difficile per il presidente sopravvivere a novembre” se l’economia sprofonda nella recessione, ha affermato William Galston, un membro anziano del governo della Brookings Institution. “Non riesco a pensare a un precedente per questo.”

Nonostante i terribili segnali di avvertimento economico, tuttavia, la campagna di rielezione di Trump rivendica ancora la proprietà di quella che chiama “l’economia di Trump”.

“I fondamenti di base dell’economia di Trump sono forti e il presidente Trump sta assicurando che la solida prosperità che gli americani stanno vivendo sia qui per restare”, Kayleigh McEnany, una delle migliori campagne portavoce, ha detto alla CNBC.

Gli oppositori democratici di Trump, ha detto, “annullerebbero l’economia di Trump”.

Questo tipo di sconfinato ottimismo economico è stato a lungo una parte del DNA politico di Trump. Così ha la volontà di Trump di ignorare la realtà economica al fine di dipingere un quadro più solare dei fatti sul terreno, sia che si tratti dei mercati finanziari, dell’economia americana, della sua ricchezza personale o dei suoi affari.

I mercati si sono effettivamente invertiti venerdì dopo un mese di declino storico e sono aumentati bruscamente. Ma il tweet di Trump è ancora profondamente fuorviante. L’ondata di mercato di venerdì è stata un punto di dati anomalo e Trump lo utilizzava per mascherare una realtà più ampia. Le scorte hanno ripreso i loro drastici ribassi questa settimana.

Con l’elezione e una potenziale recessione che incombe, l’abitudine di Trump di far finta che l’economia stia andando meglio di quanto sia realmente diventa sempre più rischiosa, ha detto Galston.

“Trump deve stare attento ora, per non dire cose che contraddicono l’evidenza delle esperienze della gente comune, cosa c’è di fronte a loro ogni giorno”, ha detto.

“Come presidente, puoi dire quasi tutto quello che vuoi sull’Afghanistan, sull’Iran o sui casi giudiziari. Ma quando decine di milioni di famiglie hanno difficoltà e provano dolore personale, non puoi dirglielo il cielo è blu quando è verde “, ha detto.

Il dosso di Biden

Trump non è certo il primo candidato a vedere abbandonare il fondo della sua più grande promessa della campagna. Ma c’è un detto in politica: se non riesci a convincere gli elettori che sei il ragazzo migliore, allora convincili che il tuo avversario è il peggiore. Trump è un maestro di questo tipo di campagna negativa.

“Gli americani di tutte le credenze politiche sono malati e stanchi dei socialisti di sinistra radicali e pieni di rabbia”, ha detto Trump a una manifestazione della campagna nel New Jersey alla fine di gennaio. “Davvero, il Partito Democratico è il partito socialista e forse peggio.” Più tardi nella manifestazione. Trump ha affermato che i democratici “non sono mai stati più estremi di quanto non siano in questo momento”, aggiungendo: “Queste persone sono pazze. Stanno prendendo spunto da socialisti come Bernie [Sanders]”.

Il senatore Bernie Sanders interviene durante il Rally Bernie Sanders “Bernie’s Back” a Queensbridge Park.

Lev Radin | LightRocket | Getty Images

Quando Trump ha detto questo, i sondaggi hanno effettivamente mostrato a Sanders un vantaggio confortevole in un affollato campo democratico, quindi c’erano probabilmente alcuni democratici che prendevano spunti da lui.

Ed è anche vero che Sanders ha abbracciato l’etichetta di “socialista democratico” e non ha nascosto la sua ammirazione per le economie del “modello nordico”, che usano pesanti la tassazione per ridistribuire la ricchezza e finanziare un vasto sistema di assistenza sociale.

Per Trump, i primi successi di Sanders in Iowa, New Hampshire e Nevada sono stati un’ottima notizia. Molto prima dell’inizio delle primarie democratiche, Trump aveva raccolto i suoi sostenitori per più di un anno con affermazioni selvagge su come i democratici sono tutti socialisti intenzionati a distruggere i mercati liberi.

fintanto che Sanders era in testa, Trump aveva la migliore piattaforma possibile per fare profezie oscure su come potrebbe apparire la presa socialista dell’America da parte di un presidente Sanders. La rielezione di Trump è stata l’ultima migliore speranza degli elettori, la scelta di fatto per chiunque non apprezzasse l’idea che gli Stati Uniti diventassero il prossimo Venezuela, il ragionamento è andato.

Quando Trump giurò nel suo discorso sullo Stato dell’Unione a febbraio che “non avrebbe mai permesso al socialismo di distruggere l’assistenza sanitaria americana”, stava sparando direttamente a Sanders ” Medicare per tutti “.

La notte in cui Trump si impegnò a salvare l’America da Sanders, la campagna di Biden era a un bivio. Si era appena piazzato quarto nel caucus dello Iowa, un traguardo che persino il candidato ha ammesso è stato “un pugno nello stomaco”.

La settimana seguente, Biden ha concluso un quinto lontano nel Nuovo Hampshire primario, e poi posto secondo nel caucus del Nevada. A quel punto, la campagna Biden era praticamente sul supporto vitale. Milioni di democratici in tutto il paese si stavano svegliando alla reale possibilità che Sanders – che non è nemmeno un democratico registrato, è un indipendente – sarebbe in cima al biglietto del partito a novembre.

Ma tutto è cambiato a febbraio 20, quando Biden demolì il resto del campo democratico nella primitiva tanto attesa della Carolina del Sud. Era il primo primario nel sud e Biden ha vinto con un margine sbalorditivo di quasi 30 punti.

L’ex vicepresidente democratico Joe Biden, candidato alla presidenza, parla con i sostenitori durante un evento elettorale alla Wofford University Febbraio 19, 2020 a Spartanburg, Carolina del Sud.

Sean Rayford | Getty Images

Da allora, Biden ha vinto la parte del leone di primarie e delegati democratici. Martedì sera, l’ex vicepresidente ha vinto concorsi in Arizona, Florida e Illinois, consolidando il suo vantaggio quasi insormontabile su Sanders.

Tutte queste buone notizie per Biden, tuttavia , è una brutta notizia per Trump.

“Trump sperava molto di correre contro Bernie Sanders e giocare la cosiddetta carta socialismo, e ora anche quel piano è andato in pezzi”, ha detto Baretto dell’UCLA. “Il vicepresidente Biden sarà un avversario formidabile, che ha più esperienza di Trump alla Casa Bianca.”

A peggiorare le cose per Trump, Biden ha esperienza diretta in risposta a una crisi economica nazionale, che gli offre un punto di vista unico dal quale sfidare le decisioni di Trump.

“Sentirai Biden parlare sempre di più del suo ruolo nel 2009 pacchetto di ripresa economica che ha contribuito a promuovere durante l’amministrazione Obama “, ha detto Baretto.

” La recessione 2008 fu molto grave. la maggior parte degli economisti dà molto credito all’amministrazione Obama per la stabilizzazione dell’economia, e Biden ha avuto un ruolo in questo “.

Mentre la campagna principale di Sanders svanisce, aspettati di vedere la campagna di Trump lavorare sodo per sellare Biden con il bagaglio politico più polarizzante di Sanders.

“I democratici stanno scegliendo tra due estremisti di estrema sinistra che cercano di aprire i nostri confini, distruggere milioni di posti di lavoro eliminando i combustibili fossili e opporsi alle restrizioni di viaggio” che hanno contribuito a limitare il diffusione del coronavirus, McEnany ha detto alla CNBC.

Pochi istanti dopo, McEnany li ha nuovamente collegati, dicendo: “sia Bernie che Biden avrebbero annullato l’economia di Trump e non avrebbero avuto la leadership necessaria per guida il nostro paese attraverso la pandemia che il presidente Trump sta navigando con un approccio tutto americano. “

Il “nemico invisibile”

Mentre Trump e la sua amministrazione iniziano a mettere insieme un enorme , gestito dal governo, pacchetto di stimolo da trilioni di dollari per attenuare gli effetti economici di coronavirus, l’ennesimo pezzo del campo di rielezione di Trump sta cadendo a pezzi: l’insistenza di Trump di essere in guerra contro il “grande governo”, un “sistema truccato” che sostiene sia controllato dai suoi nemici, De i mocrati, i media, lo “stato profondo” e la “palude”.

Nel 2016, Trump ha vinto la presidenza in parte perché i suoi sostenitori credevano che avrebbe smantellato una classe dirigente corrotta di lobbisti e tecnocrati, “drenato la palude” e “ridimensionato la gonfia burocrazia federale”.

Quattro anni dopo, le agenzie federali sono state davvero sventrate, in gran parte attraverso una combinazione di logoramento, tagli di bilancio, “razionalizzazione” e morale basso.

Ma all’improvviso, di fronte al coronavirus, l’impegno di Trump di combattere lo stato amministrativo e “drenare la palude” è stato messo da parte a favore di frasi come “a approccio dell’intero governo “.

Mentre gli americani, spaventati e disperati, hanno sempre più cercato aiuto al governo federale, Trump negli ultimi giorni ha fatto una smorfia, dopo settimane di sminuire e respingere la minaccia da coronavirus. A partire da questa settimana, Trump ha indossato lui stesso il manto del grande governo, prendendosi il merito della risposta federale e attaccando i media per qualsiasi critica percepita di esso.

Eppure trasformandosi bruscamente da un crociato che combatte i mali del grande governo in un benevolo burocrate pronto a distribuire grandi salvataggi governativi, istituire task force e inviare assegni alle persone per posta, non è facile.

Già, i profondi tagli di Trump alla forza lavoro federale negli ultimi tre anni sono tornati a perseguitarlo.

Il presidente Donald Trump annuncia la sua decisione per gli Stati Uniti di ritirarsi dall’accordo sul clima di Parigi nel Giardino delle Rose alla Casa Bianca il 1 giugno, 2017 a Washington, DC.

Vinci McNamee | Getty Images

La scorsa settimana, Trump è stato preso di mira dalla chiusura 2018 del National L’ufficio sanitario globale del Consiglio di sicurezza alla Casa Bianca, responsabile del coordinamento delle risposte alla pandemia. Quando un giornalista chiese al presidente la chiusura dell’ufficio, Trump divenne difensivo e agitato, definendo la domanda “cattiva” e dicendo che non sapeva nulla della mossa.

“È l’amministrazione, forse lo fanno”, disse Trump, apparentemente riferendosi alla propria amministrazione.

Affinché Trump possa argomentare in modo convincente per la rielezione, dovrà trovare un modo per conciliare le due versioni contraddittorie di se stesso che sta attualmente proiettando. C’è il precoronavirus Trump, che ha costruito un’intera presidenza su principi come non dare via i benefici del governo gratuitamente e non fidarsi dei burocrati della carriera. E c’è Trump post-coronavirus, che ha twittato questo messaggio, precedentemente impensabile, mercoledì mattina.

“Per le persone che ora sono senza lavoro a causa delle importanti e necessarie politiche di contenimento, ad esempio la chiusura di hotel, bar e ristoranti, il denaro sarà presto venendo da te “disse il presidente.

La Galston di Brookings descrisse in modo succinto l’attuale situazione di Trump.

” sicuramente è facile odiare il governo fino a quando non ne avrai bisogno “.

Correzione: questa storia è stata aggiornata per chiarire come i sondaggi caratterizza le possibilità di Sanders contro Trump nelle elezioni generali.

Articolo originale di CNBC