giovedì 26 maggio 2022

Christine Lagarde in visita alla Banka Slovenije per il trentesimo anniversario

La notizia si legge sul Linkedin di Lagarde. Il mondo in questi 2 mesi e mezzo è cambiato e il rischio del blocco della ripresa economica e il crescere dell’inflazione si fanno sempre più evidenti. Il compito della Banca centrale europea è mantenere la stabilità dei prezzi nell’area dell’euro.

Christine Lagarde scrive sul suo Linkedin: “Visiterò la Slovenia la prossima settimana per celebrare il 30° anniversario della Banka Slovenije. Prima del mio viaggio ho parlato con Delo della politica monetaria del European Central Bank e dell’impatto economico della guerra in Ucraina. Gli eventi attuali ci ricordano anche che l’Unione europea è di vitale importanza come progetto di pace” .

L’ingiustificata invasione russa dell’Ucraina ha confermato l’importanza del progetto di pace che è la costruzione dell’Europa e ha sottolineato l’importanza di progetti volti alla difesa e il coordinamento fiscale. Nel 2022 con la guerra e la pandemia ancora in corso vi è un rischio maggiore di rallentamento della crescita economica e maggiore inflazione.

In che misura peserà l’aggressione russa contro l’Ucraina?

Lagarde risponde: “La guerra in Ucraina è prima di tutto una tragedia umana. E ha conseguenze economiche oltre l’Ucraina. Pesa sulla crescita e stimola l’inflazione. Tuttavia, anche la pandemia di coronavirus (COVID-19) continua a pesare sulla crescita con la recente ripresa dei contagi in Cina e gli effetti dei nuovi blocchi sull’attività economica. Allo stesso tempo, l’attività economica è ancora sostenuta dalla riapertura dell’economia dopo la fase di crisi della pandemia, in particolare nel settore dei servizi. Abbiamo i dati preliminari per la crescita economica del primo trimestre del 2022, leggermente inferiori a quelli del quarto trimestre del 2021. E l’ultima lettura dell’inflazione ha mostrato che i costi energetici, che sono aumentati in seguito all’invasione dell’Ucraina ma anche in seguito alla ripresa dalla pandemia, erano il 38% in più ad aprile rispetto a un anno fa. Ma è importante avere una visione globale di questi dati e guardare avanti al nostro orizzonte di proiezione”. 

E mentre la BCE sta elaborando nuove proiezioni macroeconomiche per la riunione di politica monetaria di giugno, l’esperta afferma: “È ancora presto per dirlo. Come sempre, le nostre proiezioni del personale sono prodotte a livello di Eurosistema nei mesi di giugno e dicembre. I nostri team stanno lavorando intensamente su queste proiezioni. Avremo queste informazioni alla riunione del nostro Consiglio direttivo del 9 giugno, quando prenderemo una decisione sul percorso della politica monetaria. La stagflazione non è attualmente la nostra linea di base. Sebbene l’insolito grado di incertezza possa significare un rallentamento combinato della crescita in un contesto di elevata inflazione, la situazione attuale non può essere paragonata a quella degli anni ’70. All’epoca il calo della crescita economica successivo al primo shock petrolifero era notevole – 8 punti percentuali – e l’inflazione era superiore a quella odierna. Inoltre, allora gli aumenti salariali in risposta all’inflazione hanno alimentato la crescita dei prezzi. Non lo vediamo oggi. Le ricadute della guerra tra Russia e Ucraina hanno messo in luce le profonde vulnerabilità della sicurezza e del commercio in Europa, alcune delle quali erano già evidenti durante la pandemia. Le nostre vulnerabilità sono state più evidenti nell’area della sicurezza energetica. I paesi dell’UE hanno un grado relativamente alto di dipendenza dalla Russia per le loro forniture energetiche. Nel 2020 l’UE ha importato oltre il 40% della sua fornitura totale di gas dalla Russia. Questo è migliorato di recente. Paesi Bassi), l’inflazione è già ben al di sopra del 10%.  Il compito della Banca centrale europea è mantenere la stabilità dei prezzi nell’area dell’euro. Ci sono proposte a livello dell’UE per iniziative comuni per evitare che i prezzi dell’energia aumentino in modo sproporzionato. Ma si tratta di iniziative che vanno considerate a livello di governi: una banca centrale ha poco da dire o contribuire su questo tema.