lunedì 20 settembre 2021

Dottoressa come faccio a dimagrire? ci vuole volontà

Quando si inizia una dieta per dimagrire sembra sempre un’avventura difficile che richiede tanta precisione, forza di volontà e determinazione. Occorre affidarsi per avere risultati duraturi ad esperti preparati che vi seguiranno passo passo e sapranno anche indicarvi la strada giusta per arrivare e mantenere al peso forma

In risposta alla domanda più frequente che viene posta alla nutrizionista ovvero: “dottoressa come faccio a dimagrire?” condividiamo i consigli generici che si forniscono ai pazienti già al primo colloquio:
– DETERMINAZIONE E PERSEVERANZA, andare dritti per la propria strada fino all’obiettivo: il ripristino di uno stato di salute ottimale, senza tralasciare l’aspetto estetico, che fortifica l’autostima con tutti i benefici che ne conseguono.
– PROGRAMMA ALIMENTARE PERSONALIZZATO
– CORRETTA IDRATAZIONE con acqua minerale ed oligominerale, eliminando tutte le altre bevande.
– ESERCIZIO FISICO, in assenza di un programma personalizzato di fitness, messo a punto da personale specializzato, almeno 30 minuti al giorno di camminata a passo sostenuto con ampie falcate.
– QUALITÀ DEGLI ALIMENTI, frutta e verdura di stagione biologica, carne grass fed, pesce pescato di stagione, cereali e pseudocereali biologici.
– SVUOTARE LA DISPENSA, eliminare tutti i prodotti da forno e snack presenti in casa.
– SPUNTINI CON VERDURE CROCCANTI, come carote o finocchi, che richiedono masticazione, favorendo il raggiungimento del senso di sazietà e la scarica dello stress scatenato dalla fame, di solito si scelgono inconsciamente tarallini o biscotti o snack per questo motivo.

Non tutti saranno però cosa è carne grass fed?

Grass fed significa letteralmente “nutrito a erba”. E quando si parla di allevamento grass fed, si intende un sistema di crescita che permette ai bovini di restare al pascolo per l’intero ciclo di vita, dalla nascita alla macellazione. Nella carne dell’animale “nutrito a erba” c’è una minore o nessuna presenza di antibiotici, chemioterapici, pesticidi. C’è anche una maggiore presenza di acidi grassi omega 3 e di vitamine liposolubili: mentre la quantità di grassi saturi è la stessa rispetto alla carne tradizionale.