mercoledì 12 maggio 2021

Il proprietario della catena di negozi rurali Stage Stores si prepara al fallimento che potrebbe arrivare non appena la prossima settimana

Il grande magazzino Gordmans è stato aperto nel Southdale Mall martedì luglio 21, 2015 in Edina, MN.

Jerry Holt | Star Tribune via Getty Images

Negozi di scena, che gestisce marchi di grandi magazzini in aree prevalentemente rurali e mercati di piccole e medie dimensioni, si sta preparando per una dichiarazione di fallimento che potrebbe arrivare non appena la settimana prossima, le persone che hanno familiarità con la situazione raccontano alla CNBC.

Le persone, che hanno richiesto l’anonimato perché i piani non sono ancora pubblici, hanno avvertito che i piani non sono ancora definiti e che un deposito potrebbe ancora essere ritardato o evitato. I rappresentanti degli Stage Stores non hanno risposto a molteplici richieste di commento.

La mossa sottolineava ulteriormente come la pandemia di coronavirus ha martellato le aziende indipendentemente dal fatto che soddisfino i ricchi o i lavoratori classe. Il fallimento dei Stage Stores di Houston – che possiede le catene Gordmans, Bealls e Goody in stati come Kansas, Mississippi e West Virginia – sarebbe l’ultimo di una serie di fallimenti al dettaglio questo mese. Questa settimana già, la catena di abbigliamento preppy J.Crew e il rivenditore di lusso Neiman Marcus hanno presentato istanza di fallimento.

Avrebbe anche messo ulteriore pressione sul mercato del lavoro dopo un record 20. 5 milioni di posizioni sono state perse in aprile, contribuendo ad aumentare il tasso di disoccupazione fino a 14. 7%. Negozi di scena impiegati all’incirca 13, 600 dipendenti a tempo pieno e part-time a partire da febbraio 2019.

Stage Stores ha circa 700 grandi magazzini prevalentemente in piccole città e comunità rurali. Vendono principalmente marchi come Adidas, Calvin Klein, Estee Lauder e Levi’s. Ha anche una serie di negozi fuori prezzo che vendono marchi a un prezzo più economico nei più grandi mercati del Midwest.

Nell’ultimo anno fiscale, Stage Stores ha registrato una perdita di $ 87 milioni di $ 1 . 58 miliardi di vendite nette, poiché è stato ostacolato dai costi relativi all’acquisto e alla distribuzione. A novembre, aveva $ 26 milioni in contanti e mezzi equivalenti a portata di mano.

La società è stata fondata come azienda familiare negli 1920. Nel corso degli anni, è cresciuto attraverso acquisizioni di grandi magazzini regionali, acquistando marchi come CR Anthony Co., situato negli Stati Uniti centro-meridionali, e negozi di Uhlman in Indiana, Ohio e Michigan.

Ha anche acquistato i marchi o le locazioni di rivenditori in bancarotta, tra cui Goody’s in 2009 e il rivenditore fuori prezzo Gordmans in 2017. L’accordo 2017, che includeva almeno 50 contratti di locazione Gordmans e l’opportunità di ulteriori , ha aperto la strada a Stage Stores per annunciare due anni dopo i piani per convertire tutti i marchi dei suoi grandi magazzini nel banner di Gordmans.

Ma i proprietari regionali dei grandi magazzini potrebbero avere poco tempo a disposizione come Stage Stores. Stavano già lottando per competere con la scala di giganti come Macy’s, che hanno una maggiore influenza per negoziare con marchi e più risorse per investire nel commercio elettronico. Walmart, Target e Amazon hanno tutti ulteriormente invaso il territorio dei grandi magazzini, così come un certo numero di marchi digitali all’avanguardia.

Come con Neiman Marcus e J.Crew, il coronavirus può servire come un colpo fatale agli Stage Stores, quando i negozi si chiudono ei consumatori tengono sotto controllo le loro finanze durante la pandemia.

Stage Stores ha rivelato in un deposito normativo il mese scorso che aveva iniziato le discussioni con proprietari, venditori e altri partner commerciali per ridurre i pagamenti di contratti di locazione e contratto, nonché altre concessioni. Ha anche affermato che stava “esplorando le opportunità di finanziamento per aumentare la liquidità”.

“Non possiamo prevedere quando saremo in grado di riaprire i nostri negozi e la nostra capacità di riaprire dipenderà da parte sulle azioni di un certo numero di organi governativi sui quali non abbiamo alcun controllo “, ha scritto la società nel deposito.

Ha aggiunto:” Inoltre, una volta che le restrizioni sono state revocate, esso non è chiaro la rapidità con cui gli ospiti torneranno ai nostri negozi, il che potrebbe essere una funzione delle continue preoccupazioni per la sicurezza e / o la depressione del sentimento dei consumatori a causa di condizioni economiche avverse, tra cui la perdita di posti di lavoro. ”

Articolo originale di CNBC