martedì 20 ottobre 2020

Il titolo McDonald’s e il Covid-19: quali scenari futuri?

Al netto dei disastri economici causati dal Covid-19, per il titolo azionario McDonald, esistono alcune considerazioni da fare.

All’inizio del coronavirus, aziende come McDonald’s (MCD) sono state tra le più colpite. E questo per ragioni abbastanza ovvie.

Le azioni MCD intanto hanno subito un rovinoso crollo nel mese di marzo.

Siamo arrivati ai giorni nostri e all’inizio di questo mese, la società ha annunciato che ritarderà la strategia di riapertura. In particolare, i servizi di ristorazione cosiddeti “dine in” sono un enorme punto interrogativo. Circa 2.000 dei 14.000 “archi d’oro” negli Stati Uniti avevano aperto le loro porte per pranzare. Sebbene la direzione non abbia richiesto che tornino esclusivamente a consegne drive-thru o alternative, la situazione non è certo eccezionale.

Le preoccupazioni a breve termine per le azioni di McDonald sono un dato di fatto. Eppure ci potrebbe essere qualcosa che sfugge ai più.

Il ripensamento potrebbe essere positivo per lo stock di MCD

Dopo che le famiglie americane hanno avuto un po ‘di tempo per prendere una pausa dalla corsa ai supermarket, molti sono tornati quasi ad una normalità. Sebbene i titoli gridassero distruzione e oscurità, la realtà statistica è che la maggior parte delle persone che hanno contratto Covid-19 vivrebbero. Inoltre, essere rinchiusi a casa a tempo indeterminato ha generato una voglia di riscatto.

Il ritorno alla routine

Pertanto, le persone si sono avventurate e hanno iniziato a reclamare le loro routine regolari.

Per milioni, ciò significava mangiare fuori da McDonald. Ma anche qui, non è stato senza preoccupazioni.

Come notato da Business Insider, diversi fast-food, incluso McDonald’s, hanno rimosso gli articoli dai loro menu. Per McDonald’s, il management ha spiegato l’eliminazione come evoluzione delle tendenze dei consumatori. In realtà, la società ha notato un effettivo calo di richieste.

Non è detto che tali cali riportati nelle richieste rappresentino effettivamente la fine di un’era.

Principalmente, l’icona aziendale americana ha un’opportunità organica per rendersi rilevante per una nuova generazione. Per diversi anni, la direzione ha cercato disperatamente di fare appello ai millennial e ai giovani. Tuttavia, i loro sforzi sono andati per nulla. Paradossalmente la pandemia di Covid-19 potrebbe finalmente facilitarne l’evoluzione.

Basta notare come si sta muovendo a riguardo:  transazioni e consegne alternative e digitali, ritiro a bordo strada, chioschi automatizzati e acquisti di smartphone. Sono le cose che piacciono ai millennial. Tuttavia, con l’estrema concorrenza nello spazio, la società di fast food ha avuto difficoltà a trasmettere il messaggio.

McDonald’s è il fast food

McDonald’s, in qualche modo, è tornato alla sua vecchia normalità mentre tutti gli altri si stanno concentrando esclusivamente sulle novità.

Se diamo un’occhiata alle posizioni dei negozi McDonald ne troveremmo almeno uno aperto 24 ore o per orari prolungati. Dall’altro lato, invece, molti ristoranti hanno dovuto ridurre le loro ore a causa dell’impatto del coronavirus.

Ciò offre un vantaggio significativo a McDonald’s e di riflesso al titolo azionario. Perché in questa ripresa economica sconnessa, alcune persone – come i lavoratori in prima linea – si ritrovano a lavorare ore dispari mentre altre operano in remoto. Entrambi i fattori, così come altre variabili, possono contribuire a una base di consumatori che apprezza la flessibilità di un ristorante.

E al momento, a quanto pare, solo pochi ristoranti offrono tale flessibilità.