sabato 02 luglio 2022

Mela: il frutto semplice che fa bene alla salute e benefici all’organismo

Una mela al giorno toglie il medico di torno. Ma quali sono gli accorgimenti da seguire per prendere il meglio da questo alimento ? 

È meglio mangiare mele con o senza buccia? Sicuramente c, perché è nella parte più esterna del frutto che si trovano i principali nutrienti, come vitamine e minerali.

Ricca di antiossidanti e fibre, la mela aiuta a controllare i livelli di colesterolo e zucchero nel sangue. La buccia delle mele contiene vitamine e quercetina, una sostanza antiossidante che protegge la memoria e allevia eventuali problemi respiratori.

Infine, uno studio americano ha dimostrato che l’acido ursolico presente nella buccia di mela aumenta la massa muscolare e aiuta a bruciare le calorie in eccesso, il che favorisce la perdita di peso e riduce il rischio di obesità.

Molti dei nutrienti di una mela, come i polifenoli e le fibre, si trovano principalmente nella buccia, quindi per ottenere tutti i benefici di una mela, è meglio mangiare la mela intera, prima lavarla accuratamente e scegliere cibi biologici.

È preferibile anche mangiare le mele crude, perché alcune sostanze, come la vitamina C, tendono a decomporsi se riscaldate. Le mele inoltre sono un deposito di preziosi fitonutrienti.

Contengono, ad esempio, polifenoli come flavonoidi e antociani, potenti antiossidanti che contrastano gli effetti negativi dei radicali liberi, in particolare dell’invecchiamento cellulare, e hanno importanti effetti anticancro.

Un altro flavonoide ricco di mela, la quercetina, protegge anche i polmoni dallo stress ossidativo e dai danni causati dal fumo e dall’inquinamento.

Tanta acqua e tante fibre (compresa la pectina) rendono la mela un frutto molto saziante, con solo 53 calorie per 100 grammi.

L’alto contenuto di fibre promuove anche la salute dell’intestino favorendo la crescita di un microbiota sano e aiutando a regolare la funzione intestinale sia per la stitichezza che per la diarrea.

La fibra aiuta anche a controllare il colesterolo cattivo e la glicemia: questo, e il fatto che lo zucchero delle mele sia principalmente fruttosio a basso indice glicemico, rende questo frutto adatto alla dieta delle persone con diabete. Le vitamine C e B, insieme ad un buon contenuto di minerali, consentono alla mela di fornire energia in caso di esaurimento e recupero.