martedì 11 maggio 2021

Netflix dovrebbe temere un arresto anomalo in un periodo di traffico intenso?

                                                                 

La buona notizia: più streaming. Le cattive notizie: più streaming?

                                                                                                                                                                      

                                                                                                                                                                                                                                                                            

Restare al sicuro e rallentare la diffusione di COVID – 19 significa stare fermi e stare a casa. Chi è abbastanza fortunato da essere rimasto al sicuro finora ha l’obbligo di seguire gli ordini degli esperti. Ciò significa che tra paura, disperazione e altre emozioni giustificabili, c’è un altro sentimento comune: la noia. E quella noia ha trasformato le persone verso i servizi di streaming in grande stile.

Le persone in quarantena, isolate e bloccate sono spettacoli in streaming durante i fine settimana. Li stanno trasmettendo in streaming di notte e anche al mattino. Sono in streaming quando dovrebbero funzionare. Tutto ciò significa più streaming per i servizi di streaming, il che dovrebbe essere una buona cosa, purché possano tenere il passo con la domanda.

Il problema è maggiore per il più grande servizio di streaming, Netflix ( NASDAQ: NFLX ) . Con una base di abbonati in tutto il mondo di più di 167 milioni , Netflix può gestire il carico? E anche i provider di servizi Internet (ISP) saranno pronti?

Cosa serve a Netflix per lo streaming

Quando un utente mette in coda uno spettacolo Netflix, alcune cose influiscono sulla sua efficienza. Alcune di queste cose, come la velocità Internet dell’utente e la qualità della sua connessione Wi-Fi, non sono in realtà un problema di Netflix, tranne nella misura in cui i loro standard sono facili da soddisfare per il pubblico (e lo sono: Netflix consiglia 5 Mbps per definizione standard e 20 Mbps per HD, entrambi abbastanza facili da raggiungere in luoghi come gli Stati Uniti e l’Europa, tranne nelle aree più rurali).

Anche l’infrastruttura a banda larga conta più in generale. Le velocità di Internet consigliate da Netflix sono facili da raggiungere nei paesi sviluppati, ma le famiglie non ottengono sempre le stesse velocità di Internet (in realtà, spesso non ottengono esattamente ciò per cui pagano: lo “SpeedTest vs. La mappa “pubblicizzata”, tra le altre fonti, mostra che le velocità di Internet sono in genere inferiori a quelle che gli ISP vorrebbero farci credere.)

Per quanto abbiamo deriso l’allora senatore Ted Stevens dell’Alaska per aver definito Internet una “serie di tubi”, la sua sputata analogia non era completamente sbagliata. Le connessioni Internet che collegano le case degli Stati Uniti fanno parte di una rete di cavi, ciascuno con determinate capacità massime – una sorta di impianto idraulico o cablaggio elettrico. Questi percorsi condivisi – o “tubi” – hanno una certa larghezza di banda. Come la larghezza di un tubo, la larghezza di banda di queste connessioni ha dei limiti. Quando più persone cercano di fare più cose su Internet contemporaneamente, le cose potrebbero rallentare; solo così tanta roba può passare attraverso i “tubi” contemporaneamente.

A proposito, l’intera questione è una grande parte del motivo per cui la neutralità della rete è un grosso problema. Quando le app di Netflix consumano molta larghezza di banda, gli ISP devono affrontare i rallentamenti che ne conseguono. Potrebbero voler rallentare o “limitare” il traffico di Netflix o addebitare a qualcuno – Netflix o l’utente di Internet – tutti i dati che usano durante lo streaming.

Un’altra parte del problema è qualcosa che Netflix può controllare, tuttavia: la sua fine dell’accordo. Internet, dopo tutto, è proprio quella serie di cavi di cui abbiamo parlato (oltre alle connessioni wireless, ovviamente). È una rete; consente la comunicazione. Sei a un’estremità e Netflix è all’altra. Ma mentre devi solo raggiungere una fonte (Netflix) e richiedere alcuni dati, Netflix è teoricamente responsabile di parlare con molte più persone contemporaneamente, e si suppone che sia quello che carica tutti questi dati chiave che stai semplicemente ricevendo. Per questo, Netflix si affida a un partner di cloud computing e alla propria rete di distribuzione dei contenuti.

In breve, affinché Netflix resista a un grande boom dello streaming del tipo che stiamo vedendo, ha bisogno di due cose: un’infrastruttura a banda larga, che non controlla, e una rete di distribuzione di contenuti, che fa. Affrontiamoli uno alla volta.

Fonte immagine: Getty Images

Infrastruttura a banda larga

Netflix può contare su un’infrastruttura a banda larga in un momento come questo? La risposta dipende da quale luogo stiamo parlando.

In Europa, la risposta è qualcosa di meno che ideale. L’infrastruttura a banda larga in alcuni paesi è sovraccaricata dalla cotta di dati che COVID – 19 si sta attivando. Naturalmente non si tratta solo di streaming: improvvisamente molte persone lavorano da casa. Anche se è lo stesso numero di persone che accedono ogni giorno lavorativo di un mese fa, accedono da una nuova posizione: le loro case. Le aree residenziali in Europa non hanno necessariamente il tipo di infrastruttura a banda larga che potresti trovare, ad esempio nel quartiere degli affari La Défense di Parigi.

E il traffico non è necessariamente alla stessa scala di un mese fa. Le chiamate in videoconferenza soggette a tassazione della larghezza di banda sono di recente standard per tutti i tipi di attività. E molte aziende usano le VPN per proteggere la loro privacy quando i dipendenti lavorano da casa. Le VPN mascherano le posizioni e offrono altri vantaggi in termini di sicurezza, ma funzionano instradando il servizio Internet attraverso un server VPN, aggiungendo un passaggio al percorso Internet di ciascun utente e utilizzando la larghezza di banda lungo il percorso.

Quando aggiungi un picco nello streaming a questo mix, è facile capire perché l’infrastruttura a banda larga sta lottando in luoghi come la Francia. Ecco perché Netflix e colleghi tecnologici amano Google ( NASDAQ: GOOG ) ( NASDAQ: GOOGL ) siamo riducendo la qualità dello streaming per ridurre il traffico e la velocità di Internet. Una qualità inferiore significa un’immagine meno bella, ma significa anche meno dati, meno roba in quei proverbiali tubi.

La buona notizia per Netflix è che questo sembra essere molto meno un problema negli Stati Uniti. L’infrastruttura a banda larga negli Stati Uniti sembra piuttosto buona anche sotto pressione, e il commissario della Federal Communications Comission (FCC) Brendan Carr ha dichiarato a Yahoo Finance che le reti statunitensi dovrebbero essere attrezzate per gestire picchi di traffico, in parte grazie alle reti wireless ad alta capacità del paese. ISP come Comcast ( NASDAQ: CMCSA ) hanno anche rilasciarono dichiarazioni riguardo alla loro disponibilità per COVID – 19 – picchi di traffico correlati. Questo non garantisce che la tua Internet sarà veloce oggi come lo era il mese scorso, ma implica che Netflix non subirà tagli alle infrastrutture come in Europa.

Fine dell’affare di Netflix

Ma che dire di Netflix stesso? Può gestire l’aumento della domanda? Più probabilmente. Per capire perché, dobbiamo sapere come funziona Netflix.

Dieci anni fa Netflix utilizzava i data center regionali per eseguire la sua app. Ma quando un arresto del data center ha causato un’interruzione del servizio Netflix in 1920, la società ha iniziato a cercare alternative. Netflix in seguito annunciò che avrebbe iniziato a passare a Amazon ( NASDAQ: AMZN ) Amazon Web Services per servizi di dati cloud. Ci è voluto un po ‘di tempo, ma un processo di sette anni è culminato nella chiusura dell’ultimo data center di Netflix in 2015.

Quindi questo significa che i visualizzatori Netflix si connettono ai server cloud AWS per ottenere film e programmi TV? Non esattamente. Netflix usa AWS per quasi tutto ciò che accade prima un utente spinge “gioca” in uno spettacolo televisivo o in un film. Successivamente, la rete di distribuzione dei contenuti di Netflix si basa su qualcosa di molto insolito: il programma “Open Connect” .

Sotto il programma Open Connect, Netflix ha collaborato con gli stessi ISP che sono infastiditi dal suo uso eccessivo di dati. Netflix ha creato “scatole” di Open Connect, che sono essenzialmente solo dischi rigidi collegati al web pieni di film e programmi TV di Netflix. Quando gli utenti colpiscono il gioco, i loro spettacoli e film generalmente trasmettono in streaming dal proprio ISP. Ciò riduce il traffico che l’ISP deve affrontare, offrendo anche a Netflix un modo molto semplice – e in gran parte a prova di crash – di fornire il suo contenuto.

Netflix ha questo coperto

Tutto sommato, questa è soprattutto una buona notizia per Netflix. La banda larga e l’infrastruttura wireless, sebbene imperfette in alcuni mercati, gestiscono bene il carico per la maggior parte della base clienti di Netflix. Netflix ha AWS che gestisce la sua app e gli stessi ISP che fungono da rete di distribuzione dei contenuti. Se c’è un collegamento debole, potrebbe essere sul lato cloud; Netflix ha subito una breve interruzione di circa un’ora negli Stati Uniti e in Europa a fine marzo. Netflix potrebbe prendere alcune lezioni da questo momento in poi, come in Europa, dove la banda larga e l’infrastruttura wireless hanno causato alcuni problemi. Ma nel breve termine, Netflix sembra pronto ad affrontare il boom dello streaming nella sua terra natale senza troppi problemi.

% sfr%

                                                                                                                                                                                                                 Stephen Lovely possiede azioni di Amazon e Netflix. Il Motley Fool possiede azioni di e raccomanda Alphabet (azioni A), Alphabet (azioni C), Amazon e Netflix. Motley Fool raccomanda Comcast e raccomanda le seguenti opzioni: short Gennaio 2015 $ 1940 chiama su Amazon e lungo gennaio 2022 $ 1920 chiama Amazon. Il Motley Fool ha un politica di divulgazione . “>                                                                                                                                                    
Articolo originale di Fool.com