Entra in contatto con noi

Fisco

Occhio alle nuove sanzioni per multe per eccesso velocità 2022. Se l’errore si ripete si paga di più

Pubblicato

il

Il Codice della strada prevede un aggravio della multa se l’infrazione viene commessa nelle ore notturne, ossia dalle 22.00 alle 7.00: in tali casi le sanzioni sono aumentate di un terzo. Se si prendono un un breve periodo due o più multe, quelle successive alla prima costeranno molto di più

Le Multe per eccesso di velocità, cosa succede se ne prendi più di una in due anni? Si tratta dell’istituto della “ricaduta”, previsto dal nostro codice della strada. In particolare, la legge prevede pene più severe quando lo stesso reato viene commesso due volte in due anni. La seconda multa, infatti, non è punita allo stesso modo della prima, ma più gravemente. Questo non accade con tutte le violazioni, ma solo con alcune, come l’eccesso di velocità o la guida in stato di ebbrezza. Nei casi più lievi, la seconda sanzione contempla la privazione della patente; in altri – una recensione.

La terza multa per eccesso di velocità dovrebbe essere trattata come una nuova “prima multa” emessa con le consuete modalità e quindi innescare una recidiva e quindi un ulteriore aumento delle multe prima di un’eventuale quarta denuncia?

Cosa succede se ricevo 1 multa per eccesso di velocità?

In caso di eccesso di velocità, la sanzione è ripartita in base alla gravità dell’infrazione:

  • se il limite di velocità è superato da non più di 10 km / h – una multa da 41 euro a 168 euro;
  • se il limite di velocità è superato di almeno 11 km/h, ma non superiore a 40 km/h, la sanzione va da 41 a 168 euro. Inoltre vengono detratti 3 punti dalla patente di guida;
  • in caso di superamento del limite di velocità di 41 km/h, ma non superiore a 60 km/h, la sanzione varia da 527 a 2.108 euro. Poi c’è la riduzione di 6 punti sulla patente e la sospensione della patente da 1 a 3 mesi;
  • se il limite di velocità è superato di oltre 60 km/h, la sanzione è compresa tra 821 e 3.287 euro. 10 punti vengono detratti anche dalla patente di guida. Anche in questo caso la patente è sospesa per un periodo da 6 mesi a 1 anno.

La SDA prevede una maggiorazione della sanzione se il reato è commesso di notte, cioè dalle ore 22:00. alle ore 7:00: in tali casi le sanzioni sono aumentate di un terzo.

Cosa succede se ricevo 2 multe per eccesso di velocità (ricaduta)?

Vediamo prima cosa è una ricaduta. Secondo il codice della strada, la recidiva si verifica quando vengono inflitte due multe identiche entro un periodo di due anni. Non ci sarà quindi recidiva se una persona riceve due anni dopo una multa per non sosta e un’altra per eccesso di velocità. Ci sarà invece recidiva quando verranno emesse due multe per eccesso di velocità in due anni consecutivi.

Come si calcola il biennio? Il conto alla rovescia per recidiva parte dalla prima sanzione ricevuta. Pertanto, il calendario solare dal 1 gennaio al 31 dicembre non è rilevante. Ad esempio, se una persona riceve un ticket il 10 agosto e 23 mesi dopo (cioè a luglio) riceve una seconda multa, si verifica una seconda violazione.

In caso di recidiva, cioè due multe per eccesso di velocità in due anni, si aumenta la multa solo in due casi:

  • se il limite di velocità è superato 41 km/h, ma non oltre 60 km/h, oltre alla sanzione (da 527 a 2108 euro) e alla detrazione di 6 punti dalla patente, la patente è sospesa da 8 a 18 mesi (quindi non solo da 1 a 3 mesi, come per la prima frase);
  • se il limite di velocità è superato di oltre 60 km/h, salvo sanzione (da 821 a 3.287 euro) e 10 punti sconto sulla patente, la patente non viene revocata (non è prevista la sospensione da 6 mesi a 1 anno in quanto per la prima multa).
  • Anche in questo caso, se il reato è commesso tra le ore 22:00. e alle 7:00, le multe sono aumentate di un terzo.

In questi casi, sebbene le forze dell’ordine prima dell’accertamento non abbiano la possibilità di verificare una precedente infrazione su strada, è l’interrogatorio ANAG che consentirà loro di conoscere tutti i fatti relativi alla patente e, quindi, autorizzare successivamente un inasprimento della sanzione.